14 luglio 2018

15 luglio 2017 - Muore l'attore statunitense Martin Landau

















Martin Landau (New York, 20 giugno 1928 – Westwood, 15 luglio 2017) è stato un attore, produttore cinematografico e illustratore statunitense.

Landau nacque a Brooklyn, borgo di New York, il 20 giugno del 1928, figlio di Morris di professione meccanico e Selma Landau, ambedue immigrati austriaci di origine ebraica. A 17 anni iniziò a lavorare per il New York Daily News, dove rimase 5 anni come fumettista e illustratore. Tuttavia il sogno del giovane Landau era quello di diventare attore: nel 1951, a 23 anni, esordì con Detective Story in un teatro del Maine.

Nel 1955, assieme ad altri 2.000 partecipanti, si presentò all'audizione per entrare all'Actors Studio, prestigiosa scuola di recitazione fondata e diretta da Lee Strasberg: solo lui e Steve McQueen furono ammessi. Una delle sue prime apparizioni cinematografiche fu in Intrigo internazionale (1959), di Alfred Hitchcock.

Nel 1957 sposò l'attrice Barbara Bain, con cui lavorò nel telefilm Missione Impossibile (Mission: Impossible) dal 1966 al 1969, serie che lo rese noto. Sempre con la moglie dal 1974 al 1977 interpretò la serie televisiva di fantascienza Spazio 1999, anche questa con grande successo, ma la carriera di entrambi gli attori non decollò dopo la fine di quest'ultima serie, anzi si trovò a un punto morto.

Dopo un lungo periodo di ruoli minori, quando aveva ormai sessant'anni la carriera di Landau ebbe una svolta: nel 1988 recitò a fianco di Jeff Bridges in Tucker - Un uomo e il suo sogno di Francis Ford Coppola. L'interpretazione gli procurò la nomination agli Oscar e gli fece vincere un Golden Globe. L'anno successivo recitò in Crimini e misfatti (1989) con Woody Allen. L'Oscar al miglior attore non protagonista giunse nel 1995, premiando la sua interpretazione di un anziano e sofferente Bela Lugosi in Ed Wood (1994), di Tim Burton

Dal 1990 si legò all'attrice Gretchen Becker e nel 1993 Landau divorziò da Barbara Bain, con cui aveva avuto due figlie: Susan (1960, produttrice) e Juliet (1965, attrice). Landau è morto a Westwood il 15 luglio 2017 a 89 anni, dopo un breve ricovero.

Le sue interpretazioni

38º parallelo: missione compiuta (Pork Chop Hill), regia di Lewis Milestone (1959)
Intrigo internazionale (North by Northwest), regia di Alfred Hitchcock (1959)
Gazebo (The Gazebo), regia di George Marshall (1959)
Stagecoach to Dancers' Rock, regia di Earl Bellamy (1962)
Cleopatra, regia di Joseph L. Mankiewicz (1963)
Decisione a mezzanotte (Decision at Midnight), regia di Lewis Allen (1963)
La più grande storia mai raccontata (The Greatest Story Ever Told), regia di George Stevens (1965)
La carovana dell'alleluia (The Alleluja Trail), regia di John Sturges (1965)
Nevada Smith, regia di Henry Hathaway (1966)
Rosolino Paternò, soldato..., regia di Nanni Loy (1970)
Omicidio al neon per l'ispettore Tibbs (They Call Me Mister Tibbs!), regia di Gordon Douglas (1970)
Una città chiamata bastarda (A Town Called Bastard), regia di Robert Parrish (1971)
Pistola nera - Spara senza pietà (Black Gunn), regia di Robert Hartford-Davis (1972)
Una Magnum Special per Tony Saitta, regia di Alberto De Martino (1976)
The Last Word, regia di Roy Boulting (1979)
Meteor, regia di Ronald Neame (1979)
Horror - Caccia ai terrestri (Without Warning), regia di Greydon Clark (1980)
Incontri stellari (The Return), regia di Greydon Clark (1980)
Nel buio da soli (Alone in the Dark), regia di Jack Sholder (1982)
The Being, regia di Jackie Kong (1983)
Trial by Terror - Notte di terrore (Trial by Terror), regia di Hildy Brooks (1983)
Access Code - Codice d'accesso (Access Code), regia di Mark Sobel (1984)
L'isola del tesoro (Treasure Island), regia di Raúl Ruiz (1985)
Sweet Revenge, regia di Mark Sobel (1987)
Empire State, regia di Ron Peck (1987)
Cyclone - Arma fatale (Cyclone), regia di Fred Olen Ray (1987)
Febbre d'estate (Delta Fever), regia di William Webb (1987)
W.A.R.: Women Against Rape, regia di Raphael Nussbaum (1987)
Real Bullets, regia di Lance Lindsay (1988)
Tucker - Un uomo e il suo sogno (Tucker: The Man and His Dream), regia di Francis Ford Coppola (1988)
Run If You Can, regia di Virginia L. Stone (1988)
Paint It Black - Quando il destino si tinge di nero (Paint It Black), regia di Tim Hunter e, non accreditato, Roger Holzberg (1989)
Crimini e misfatti (Crimes and Misdemeanors), regia di Woody Allen (1989)
The Color of Evening, regia di Steve Stafford (1990)
Forza di fuoco (Firehead), regia di Peter Yuval (1991)
Amanti, primedonne (Mistress), regia di Barry Primus (1992)
Delitto a teatro (No Place to Hide), regia di Richard Danus (1992)
Sliver, regia di Phillip Noyce (1993)
Eye of the Stranger, regia di David Heavener (1993)
Time Is Money, regia di Paolo Barzman (1994)
Trappola d'amore (Intersection), regia di Mark Rydell (1994)
Ed Wood, regia di Tim Burton (1994)
City Hall, regia di Harold Becker (1996)
Le straordinarie avventure di Pinocchio (The Adventures of Pinocchio), regia di Steve Barron (1996)
The Elevator, regia di Arthur Borman (1996)
The Adventures of Pinocchio, videogioco, regia di Ken Berris (1996)
Vita da principesse (B*A*P*S), regia di Robert Townsend (1997)
La leggenda dello spirito del lupo (Legend of the Spirit Dog), solo voce, regia di Martin Goldman e Michael Spence (1997)
X-Files - Il film (The X Files), regia di Rob S. Bowman (1998)
Il giocatore - Rounders (Rounders), regia di John Dahl (1998)
EdTV, regia di Ron Howard (1999)
The Joyriders, regia di Bradley Battersby (1999)
Il mondo è magia - Le nuove avventure di Pinocchio (The New Adventures of Pinocchio), regia di Michael Anderson (1999)
Il mistero di Sleepy Hollow, non accreditato, regia di Tim Burton (1999)
Carlo's Wake, regia di Mike Valerio (1999)
Pronti alla rissa (Ready to Rumble), regia di Brian Robbins (2000)
Very Mean Men, regia di Tony Vitale (2000)
Shiner - Diamante (Shiner), regia di John Irvin (2000)
The Majestic, regia di Frank Darabont (2001)
Hollywood Homicide, regia di Ron Shelton (2003)
The Commission, regia di Mark Sobel (2003)
Wake, regia di Roy Finch (2003)
Space: 1899, videocortometraggio, regia di Gareth Randall (2004)
The Aryan Couple, regia di John Daly (2004)
Love Made Easy, regia di Peter Luisi (2006)
An Existential Affair, regia di Peggy Bruen (2006)
David & Fatima, regia di Alain Zaloum (2008)
Lovely, Still, regia di Nicholas Fackler (2008)
Harrison Montgomery, regia di Daniel Davila (2008)
Ember - Il mistero della città di luce (City of Ember), regia di Gil Kenan (2008)
Billy: The Early Years, regia di Robby Benson (2008)
9, solo voce, regia di Shane Acker (2009)
Ivory, regia di Andrew W. Chan (2010)
Finding Grandma, cortometraggio, regia di Gretchen Becker (2010)
Mysteria, regia di Lucius C. Kuert (2011)
Frankenweenie, solo voce, regia di Tim Burton (2012)
Entourage, regia di Doug Ellin (2015)
Remembering Nigel, regia di Frank Howson (2015)
Remember, regia di Atom Egoyan (2015)
The Red Maple Leaf, regia di Frank D'Angelo (2016)
The Last Poker Game, regia di Howard Weiner (2017)
Without Ward, regia di Cory Cataldo (2017)

12 luglio 2018

13 luglio 2017 - Muore in carcere il premio Nobel cinese Liu Xiaobo



















Liu Xiaobo(劉曉波T, 刘晓波S, Liú XiǎobōP; Changchun, 28 dicembre 1955 – Shenyang, 13 luglio 2017) è stato un attivista, critico letterario, scrittore e docente cinese, impegnato per molti anni nella difesa dei diritti umani nel suo Paese.

Liu è nato nel 1955 a Changchun, nella provincia di Jilin, dove è stato educato alla religione cristiana. Dal 1969 al 1973 visse con il padre nella Mongolia Interna, dopodiché tornò nella provincia di Jilin dove si occupò di lavori manuali. Si è sposato con Liu Xia, anch'ella attivista per i diritti umani.

Ha conseguito la laurea di primo livello in letteratura all'Università dello Jilin nel 1982 e la laurea magistrale all'Università di Pechino nel 1984. Dopo la laurea, ha ottenuto il dottorato all'Università Normale di Pechino nel 1988. Successivamente è stato chiamato in diverse università estere come professore in visita presso la Columbia University (USA), l'Università di Oslo (Norvegia) e l'Università delle Hawaii (USA).

Il 18 gennaio 2010 Liu è stato candidato al Premio Nobel per la pace da Václav Havel (uno dei promotori di Charta 77), il Dalai Lama, André Glucksmann, Vartan Gregorian, Michael Moore, Karel Schwarzenberg, Desmond Tutu e Grigorij Javlinskij. Nei mesi precedenti l'annuncio del vincitore, il governo cinese è intervenuto duramente diffidando i giurati svedesi dall'attribuire il prestigioso premio a Liu Xiaobo o ad altri dissidenti cinesi. L'8 ottobre 2010 Liu Xiaobo è stato insignito del Premio «per il suo impegno non violento a tutela dei diritti umani in Cina». È stato il primo cinese a ricevere un premio Nobel mentre risiede in Cina ed è stato la terza persona a ricevere il riconoscimento per la Pace mentre si trova in prigione, dopo Carl von Ossietzky (1935) e Aung San Suu Kyi (1991).

Ammalato di cancro al fegato, Liu Xiaobo ha chiesto di uscire dal carcere. Quando la malattia è entrata nella fase terminale, il governo ha autorizzato il trasferimento del dissidente in una struttura ospedaliera.

Liu Xiaobo è morto in un ospedale a Shenyang, nel nord-est della Cina, il 13 luglio 2017.

Per la prima volta dal 1939 (Carl von Ossietzky) un dissidente insignito del premio Nobel è stato lasciato morire da detenuto.

Anche la moglie di Liu Xiaobo è stata detenuta ai domiciliari da molti anni e proprio da pochi giorni verrà liberata dopo una lungo lavoro di diplomazia tedesca,andrà a vivere proprio in Germania.



7 luglio 2018

8 luglio 2017 - Muore l'attrice Elsa Martinelli

























Elsa Martinelli (Grosseto, 30 gennaio 1935 – Roma, 8 luglio 2017)

E'stata un'ex modella e attrice cinematografica italiana.

Nata in Toscana, si trasferisce presto con la famiglia nella capitale. Scoperta dallo stilista Roberto Capucci,venne da lui lanciata nel mondo della moda, divenendo un'indossatrice e fotomodella conosciuta in tutto il mondo.

Negli anni cinquanta arriva anche il cinema, in particolare con il film western Il cacciatore di indiani accanto a Kirk Douglas,che la scelse personalmente dopo aver visto una sua foto su una rivista americana. Viene scoperta dopo poco anche dalla critica, vincendo l'Orso d'Argento per la migliore attrice al Festival di Berlino nel 1956 grazie all'interpretazione nel film Donatella di Mario Monicelli.

Ha lavorato con molti registi importanti in Italia, in Francia e negli Stati Uniti d'America, come Orson Welles e Howard Hawks, ed accanto a grandi attori come Marcello Mastroianni, John Wayne e Robert Mitchum: è infatti una delle poche attrici italiane ad aver lavorato con successo anche a Hollywood.

Dal 1970 ha iniziato a diradare l'attività cinematografica, dedicandosi maggiormente alla televisione, soprattutto - dopo aver presentato il Festival di Sanremo 1971 accanto a Carlo Giuffré - in miniserie e telefilm di produzione italiana ed europea.

Nel 1995 la casa editrice Rusconi ha pubblicato la sua autobiografia Sono come sono. Dalla dolce vita e ritorno.

Dopo una lunga malattia, muore a Roma nella sua casa di via Flaminia, nel primo pomeriggio dell'8 luglio 2017.

Le sue interpretazioni

Se vincessi cento milioni, episodio "L'indossatrice", regia di Carlo Campogalliani e Carlo Moscovini (1953)
L'uomo e il diavolo (Le Rouge et le noir), non accreditata, regia di Claude Autant-Lara (1954)
Il cacciatore di indiani (The Indian Fighter), regia di André De Toth (1955)
La risaia, regia di Raffaello Matarazzo (1956)
Donatella, regia di Mario Monicelli (1956)
Quattro ragazze in gamba (Four Girls In Town), regia di Jack Sher (1957)
Manuela, regia di Guy Hamilton (1957)
La mina, regia di Giuseppe Bennati (1958)
I battellieri del Volga, regia di Viktor Turžanskij (1959)
Ciao, ciao bambina! (Piove), regia di Sergio Grieco (1959)
Tunisi top secret, regia di Bruno Paolinelli (1959)
Costa Azzurra, regia di Vittorio Sala (1959)
La notte brava, regia di Mauro Bolognini (1959)
I piaceri del sabato notte, regia di Daniele D'Anza (1960)
Il sangue e la rosa (Et mourir de plasir), regia di Roger Vadim (1960)
Il carro armato dell'8 settembre, regia di Gianni Puccini (1960)
Il capitano del re (Le Capitan), regia di André Hunebelle (1960)
Un amore a Roma, regia di Dino Risi (1960)
La minaccia (La menace), regia di Gérard Oury (1961)
Hatari!, regia di Howard Hawks (1962)
Pranzo di Pasqua (The Pidgeon That Took Rome), regia di Melville Shavelson (1962)
Pelle viva, regia di Giuseppe Fina (1962)
Il processo (Le procès), regia di Orson Welles (1962)
International Hotel (The V.I.P.S.), regia di Anthony Asquith (1963)
Il grande safari (Rampage), regia di Phil Karlson (1963)
Gli inafferrabili (The Rogues) - serie TV, 1 episodio (1964)
La calda pelle (De l'amour) regia di Jean Aurel (1965)
Le meravigliose avventure di Marco Polo (Lo scacchiere di Dio) (La fabuleuse aventure de Marco Polo), regia di Denys de La Patellière, Raoul Lévy e, co-regista, Noël Howard (1965)
Da New York: la mafia uccide! (Je vous salue Mafia!), regia di Raoul Lévy (1965)
Allarme in 5 banche (Un milliard dans un biliard), regia di Nicolas Gessner (1965)
L'or du duc, regia di Jacques Baratier (1965)
La decima vittima, regia di Elio Petri (1965)
Come imparai ad amare le donne, regia di Luciano Salce (1966)
Dossier Marocco 7 (Maroc 7), regia di Gerry O'Hara (1967)
L'amore attraverso i secoli, episodio "Les nuits romaines", regia di Mauro Bolognini (1967)
Sette volte donna (Woman Times Seven), episodio "Super Simone", regia di Vittorio De Sica (1967)
Qualcuno ha tradito, regia di Franco Prosperi (1967)
Manon 70, regia di Jean Aurel (1968)
Il mio corpo per un poker, regia di Pietro Cristofani (1968)
Un dollaro per 7 vigliacchi, regia di Giorgio Gentili (1968)
Candy e il suo pazzo mondo (Candy), regia di Christian Marquand (1968)
Se è martedì deve essere il Belgio (If It's Tuesday, This Must Be Belgium), regia di Mel Stuart (1969)
Maldonne, regia di Sergio Gobbi (1969)
Una sull'altra, regia di Lucio Fulci (1969)
Katmandu (Les Chemins de Katmandou), regia di André Cayatte (1969)
L'amica, regia di Alberto Lattuada (1969)
OSS 117 prend des vacances, regia di Pierre Kalfon (1970)
L'araucana, massacro degli dei (La araucana), regia di Julio Coll (1971)
L'ultima rapina a Parigi (La part des lions), regia di Jean Larriaga (1971)
Garofano rosso, regia di Luigi Faccini (1976)
Il ritorno di Simon Templar (Return of the Saint) - serie TV, 1 episodio (1979)
Astuzia per astuzia - miniserie TV, 2 episodi (1979)
Sono un fenomeno paranormale, regia di Sergio Corbucci (1985)
Atelier - miniserie TV, 8 episodi (1986-1987)
Pigmalione 88, regia di Flavio Mogherini (1988)
Arrivederci Roma, cortometraggio, regia di Clive Donner (1990)
7 criminali e un bassotto (Once Upon A Crime), regia di Eugene Levy (1992)
Alles Glück dieser Erde - serie TV (1994)
Il barone - miniserie TV (1995)
Cabiria, Priscilla e le altre, cortometraggio, regia di Fabrizio Celestini (1999)
Orgoglio - serie TV (2005)

6 luglio 2018

7 luglio 2014 - Muore l'asso del calcio Alfredo Di Stefano















Alfredo Stefano Di Stefano Laulhé (Buenos Aires, 4 luglio 1926 – Madrid, 7 luglio 2014) è stato un calciatore e allenatore di calcio argentino naturalizzato spagnolo, di ruolo attaccante.

Soprannominato Saeta Rubia (Freccia Bionda), è considerato uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi,se non il migliore in assoluto. Pelé nel 2004 lo ha inserito nella lista dei FIFA 100, lista di 125 professionisti considerati i migliori giocatori di calcio viventi fino a quel momento. L'AFS (Association of Football Statisticians), classificando i "100 più grandi calciatori di sempre", lo ha incluso al 22º posto, mentre la rivista World Soccer lo ha inserito al tredicesimo posto tra i calciatori più forti del XX secolo.

Insieme a Isidro Lángara e Romário, è l'unico giocatore a essersi laureato capocannoniere in tre differenti paesi. Ha perso il primato di miglior marcatore nella storia del Clásico per opera di Lionel Messi, ma con 18 realizzazioni rimane il madridista ad aver segnato più gol ai rivali blaugrana. Dal 2008 il quotidiano spagnolo Marca assegna il Trofeo Alfredo Di Stéfano al miglior calciatore della massima divisione spagnola.

È scomparso il 7 luglio 2014, pochi giorni dopo il suo ottantottesimo compleanno, all'ospedale "Gregorio Marañón" di Madrid dopo essere stato colpito da un infarto mentre due giorni prima passeggiava nei pressi dello Stadio Bernabéu. Di Stefano soffriva di problemi di cuore dal 2005, quando a Valencia aveva subito un primo infarto e conseguente impianto di quattro by-pass.

4 luglio 2018

5 luglio 1946 - Debutta il bikini in Francia
























l bikini moderno è stato inventato dal sarto francese Louis Réard a Parigi nel 1946 (introdotto ufficialmente il 5 luglio). Il nome richiama l'atollo di Bikini nelle Isole Marshall, nel quale negli stessi anni gli Stati Uniti conducevano test nucleari: Reard riteneva che l'introduzione del nuovo tipo di costume avrebbe avuto effetti esplosivi e dirompenti.

3 luglio 2018

4 luglio 1934 - Muore la ricercatrice scientifica Marie Curie

























Varsavia 7 novembre 1867 - Sancellemoz 4 luglio 1934

Il suo contributo alla ricerca è inestimabile e i due Nobel (unica donna ad averlo vinto due volte e in due diversi campi), ricevuti nel 1903 e nel 1911, rispettivamente per la Fisica e per la Chimica, rappresentano il degno riconoscimento a un'intera vita spesa per la scienza.

Nata in Polonia, a Varsavia, dal momento che nella sua terra le donne non potevano frequentare gli studi, si trasferì a Parigi e lì condusse le proprie ricerche che la portarono ad analizzare le sostanze radioattive, fino alla sensazionale scoperta del radio e del polonio.

Fu la prima donna ad insegnare alla Sorbona (ottenne la cattedra in Fisica generale). Durante la Prima guerra mondiale si occupò, come radiologa, dei soldati feriti. Pagò a caro prezzo i lunghi studi sulle radiazioni, contraendo una grave forma di anemia aplastica che la condusse a morte nel luglio del 1934, a Passy (in Francia).

2 luglio 2018

3 luglio 2017 - Muore l'attore Paolo Villaggio











(Genova, 30 dicembre 1932 – Roma, 3 luglio 2017) è stato un attore, scrittore, comico, umorista, doppiatore, sceneggiatore e conduttore televisivo italiano.

È stato autore e interprete di personaggi legati a una comicità paradossale e grottesca come il professor Kranz, il timido Giandomenico Fracchia e soprattutto il ragionier Ugo Fantozzi: creazione letteraria da cui è nata una saga cinematografica di ampio e duraturo successo, tanto da elevare il personaggio a vera e propria maschera formatasi nel solco della commedia dell'arte.Inventore di una comicità inedita, priva di legami con le tradizioni e i regionalismi del cinema comico popolare, con la sua attività di attore, umorista e uomo di spettacolo è entrato nella cultura di massa di intere generazioni di italiani.

Al percorso attoriale ha fatto eco quello di scrittore, iniziato con un libro su Fantozzi e seguito da varie opere di carattere satirico e da altri otto romanzi dedicati al ragioniere; molti di questi sono stati pubblicati e tradotti in numerosi paesi del mondo.[4][5] Sul piano lessicale ha ideato un tipo di scrittura originale e tagliente fatta di neologismi, aggettivazioni enfatiche, errori morfologici e termini burocratici entrati nel patrimonio comune della lingua italiana.

Le sue interpretazioni


Paolo Villaggio con l'amico Ugo Tognazzi, sul set del film La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone, diretto da Pupi Avati (1975)
Eat It, regia di Francesco Casaretti (1969)
Il terribile ispettore, regia di Mario Amendola (1969)
I quattro del pater noster, regia di Ruggero Deodato (1969)
Pensando a te, regia di Aldo Grimaldi (1969)
Brancaleone alle crociate, regia di Mario Monicelli (1970)
Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto, regia di Vittorio Gassman (1972)
Beati i ricchi, regia di Salvatore Samperi (1972)
Che c'entriamo noi con la rivoluzione?, regia di Sergio Corbucci (1972)
La torta in cielo, regia di Lino Del Fra (1972)
Sistemo l'America e torno, regia di Nanni Loy (1974)
Alla mia cara mamma nel giorno del suo compleanno, regia di Luciano Salce (1974)
Non toccare la donna bianca, regia di Marco Ferreri (1974)
La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone, regia di Pupi Avati (1975)
Fantozzi, regia di Luciano Salce (1975)
Di che segno sei?, regia di Sergio Corbucci (1975)
Il secondo tragico Fantozzi, regia di Luciano Salce (1976)
Signore e signori, buonanotte, regia di Luigi Comencini, Luigi Magni, Nanni Loy, Ettore Scola, Mario Monicelli (1976)
Il signor Robinson, mostruosa storia d'amore e d'avventure, regia di Sergio Corbucci (1976)
Quelle strane occasioni - episodio Italian Superman, regia di Nanni Loy (1976)
Tre tigri contro tre tigri, regia di Sergio Corbucci e Steno (1977)
Il... Belpaese, regia di Luciano Salce (1977)

Paolo Villaggio assieme a Roberto Benigni nel film La voce della Luna, diretto da Federico Fellini (1990)
Quando c'era lui... caro lei!, regia di Giancarlo Santi (1978)
Io tigro, tu tigri, egli tigra, regia di Giorgio Capitani (1978)
Professor Kranz tedesco di Germania, regia di Luciano Salce (1978)
Dove vai in vacanza? - episodio Sì buana, regia di Luciano Salce (1978)
Dottor Jekyll e gentile signora, regia di Steno (1979)
Rag. Arturo De Fanti, bancario precario, regia di Luciano Salce (1980)
La locandiera, regia di Paolo Cavara (1980)
Fantozzi contro tutti, regia di Paolo Villaggio e Neri Parenti (1980)
Il turno, regia di Tonino Cervi (1981)
Fracchia la belva umana, regia di Neri Parenti (1981)
Sogni mostruosamente proibiti, regia di Neri Parenti (1982)
Bonnie e Clyde all'italiana, regia di Steno (1983)
Pappa e ciccia, regia di Neri Parenti (1983)
Fantozzi subisce ancora, regia di Neri Parenti (1983)
A tu per tu, regia di Sergio Corbucci (1984)
I pompieri, regia di Neri Parenti (1985)
Fracchia contro Dracula, regia di Neri Parenti (1985)
Scuola di ladri, regia di Neri Parenti (1986)

Paolo Villaggio ne Il segreto del bosco vecchio, regia di Ermanno Olmi (1993)
Grandi magazzini, regia di Castellano e Pipolo (1986)
Superfantozzi, regia di Neri Parenti (1986)
Rimini Rimini, regia di Sergio Corbucci (1987)
Missione eroica - I pompieri 2, regia di Giorgio Capitani (1987)
Scuola di ladri - Parte seconda, regia di Neri Parenti (1987)
Roba da ricchi, regia di Sergio Corbucci (1987)
Com'è dura l'avventura, regia di Flavio Mogherini (1987)
Il volpone, regia di Maurizio Ponzi (1988)
Fantozzi va in pensione, regia di Neri Parenti (1988)
Ho vinto la lotteria di capodanno, regia di Neri Parenti (1989)
La voce della Luna, regia di Federico Fellini (1990)
Le comiche, regia di Neri Parenti (1990)
Fantozzi alla riscossa, regia di Neri Parenti (1990)
Le comiche 2, regia di Neri Parenti (1991)
Io speriamo che me la cavo, regia di Lina Wertmüller (1992)
Il segreto del bosco vecchio, regia di Ermanno Olmi (1993)
Fantozzi in paradiso, regia di Neri Parenti (1993)
Cari fottutissimi amici, regia di Mario Monicelli (1994)
Le nuove comiche, regia di Neri Parenti (1994)
Camerieri, regia di Leone Pompucci (1995)

Paolo Villaggio nel film Cari fottutissimi amici, di Mario Monicelli (1994)
Io no spik inglish, regia di Carlo Vanzina (1995)
Palla di neve, regia di Maurizio Nichetti (1995)
Fantozzi - Il ritorno, regia di Neri Parenti (1996)
Banzai, regia di Carlo Vanzina (1997)
Un bugiardo in paradiso, regia di Enrico Oldoini (1998)
Fantozzi 2000 - La clonazione, regia di Domenico Saverni (1999)
Denti, regia di Gabriele Salvatores (2000)
Heidi, regia di Markus Imboden (2001)
Azzurro, regia di Denis Rabaglia (2001)
InvaXön - Alieni in Liguria, regia di Massimo Morini (2004)
Gas, regia di Luciano Melchionna (2005)
Hermano, regia di Giovanni Robbiano (2007)
Torno a vivere da solo, regia di Jerry Calà (2008)
Questione di cuore, regia di Francesca Archibugi (2009)
Generazione 1000 euro, regia di Massimo Venier (2009)
Tutto tutto niente niente, regia di Giulio Manfredonia (2012)
W gli sposi, regia di Valerio Zanoli (2017)
La voce di Fantozzi, regia di Mario Sesti (2017)

30 giugno 2018

1 luglio 2017 - Vasco Rossi batte tutti i record mondiali di presenze in un concerto a Modena

















Il 1º luglio 2017 è stato organizzato il concerto Modena Park 2017 di Vasco Rossi, entrato nel guinness dei primati per aver il maggior pubblico pagante per un artista singolo nel mondo (225.000 circa spettatori)

26 giugno 2018

27 giugno 2016 - Muore l'attore Bud Spencer

















Bud Spencer, pseudonimo di Carlo Pedersoli (Napoli, 31 ottobre 1929 – Roma, 27 giugno 2016), è stato un attore, nuotatore e sceneggiatore italiano.

Ha raggiunto il successo per i suoi film in coppia con Terence Hill, tanto che il duo di attori «ha ottenuto fama mondiale e ha attirato milioni di spettatori al cinema» e per questo il 7 maggio 2010 ha ricevuto il David di Donatello alla carriera.

Nel corso della carriera da nuotatore è stato il primo italiano a scendere sotto il minuto nei 100 m stile libero il 19 settembre 1950, oltre ad essere stato più volte campione italiano di nuoto a stile libero e in staffetta.[4] Oltre a ciò ha anche conseguito diversi brevetti per diventare un pilota di linea e di elicottero.Nel corso degli anni si è impegnato anche a sostenere e finanziare enti di beneficenza per bambini tra cui il Fondo Scholarship Spencer.

Le sue interpretazioni

Quel fantasma di mio marito, regia di Camillo Mastrocinque (1950) – non accreditato
Quo vadis, regia di Mervyn LeRoy (1951) – non accreditato
Siluri umani, regia di Antonio Leonviola (1954) - accreditato come Carlo Pedersoli
Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955) - accreditato come Carlo Pedersoli
Addio alle armi, regia di Charles Vidor (1957) – non accreditato
Il cocco di mamma, regia di Mauro Morassi (1958) - accreditato come Carlo Pedersoli
Annibale, regia di Carlo Ludovico Bragaglia ed Edgar G. Ulmer (1959) - accreditato come Carlo Pedersoli
Dio perdona... io no!, regia di Giuseppe Colizzi (1967)
Oggi a me... domani a te, regia di Tonino Cervi (1968)
Al di là della legge, regia di Giorgio Stegani (1968)
I quattro dell'Ave Maria, regia di Giuseppe Colizzi (1968)
Un esercito di 5 uomini, regia di Italo Zingarelli (1969)
La collina degli stivali, regia di Giuseppe Colizzi (1969)
Gott mit uns (Dio è con noi), regia di Giuliano Montaldo (1970)
Lo chiamavano Trinità..., regia di E.B. Clucher (1970)
Il corsaro nero, regia di Lorenzo Gicca Palli (1971)
...continuavano a chiamarlo Trinità, regia di E.B. Clucher (1971)
4 mosche di velluto grigio, regia di Dario Argento (1971)
Si può fare... amigo, regia di Maurizio Lucidi (1972)
Torino nera, regia di Carlo Lizzani (1972)
...più forte ragazzi!, regia di Giuseppe Colizzi (1972)
Una ragione per vivere e una per morire, regia di Tonino Valerii (1972)
Anche gli angeli mangiano fagioli, regia di E.B. Clucher (1973)
Piedone lo sbirro, regia di Steno (1973)
...altrimenti ci arrabbiamo!, regia di Marcello Fondato (1974)
Porgi l'altra guancia, regia di Franco Rossi (1974)
Piedone a Hong Kong, regia di Steno (1975)
Il soldato di ventura, regia di Pasquale Festa Campanile (1976)
Charleston, regia di Marcello Fondato (1977)
I due superpiedi quasi piatti, regia di E.B. Clucher (1977)
Piedone l'africano, regia di Steno (1978)
Lo chiamavano Bulldozer, regia di Michele Lupo (1978)
Pari e dispari, regia Sergio Corbucci (1978)
Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre, regia di Michele Lupo (1979)
Io sto con gli ippopotami, regia di Italo Zingarelli (1979)
Piedone d'Egitto, regia di Steno (1980)
Chissà perché... capitano tutte a me, regia di Michele Lupo (1980)
Occhio alla penna, regia di Michele Lupo (1981)
Chi trova un amico trova un tesoro, regia di Sergio Corbucci (1981)
Banana Joe, regia di Steno (1982)
Bomber, regia di Michele Lupo (1982)
Cane e gatto, regia di Bruno Corbucci (1983)
Nati con la camicia, regia di E.B. Clucher (1983)
Non c'è due senza quattro, regia di E.B. Clucher (1984)
Miami Supercops (I poliziotti dell'8ª strada), regia di Bruno Corbucci (1985)
Superfantagenio, regia di Bruno Corbucci (1986)
Un piede in paradiso, regia di E.B. Clucher (1991)
Botte di Natale, regia di Terence Hill (1994)
Noi siamo angeli (1997) - videogioco
Fuochi d'artificio regia di Leonardo Pieraccioni (1997)
Al limite, regia Eduardo Campoy (1997)
Tre per sempre, regia di Franco Di Chiera (1998)
Figli del vento, regia di José Miguel Juarez (2000)
Cantando dietro i paraventi, regia di Ermanno Olmi (2003)
Tesoro, sono un killer, regia di Sebastian Niemann (2009)

20 giugno 2018

21 giugno 2015 - Muore l'artista Remo Remotti
















Remo Remotti (Roma, 16 novembre 1924 – Roma, 21 giugno 2015) è stato un poeta, attore e umorista italiano, nonché pittore, scrittore, scultore, cantante e drammaturgo.

Ha lavorato, tra gli altri, con Francis Ford Coppola, Marco Bellocchio, Nanni Moretti, Ettore Scola, i fratelli Taviani, Werner Masten, Peter Ustinov, Nanni Loy, Maurizio Nichetti, Carlo Mazzacurati, Antonello Salis, Aldo, Giovanni e Giacomo e Carlo Verdone.

Nasce a Roma nel 1924, rimane orfano di padre a 12 anni, si laurea in legge e si trasferisce in Perù dove scopre il mondo dell'arte frequentando corsi serali. Rientrato in Italia trova lavoro a Milano e nel 1960 si sposa con Maria Luisa Loy, sorella del regista Nanni Loy. Frequenta l'ambiente artistico milanese ed espone i suoi quadri in gallerie private. Nel 1968 si trasferisce in Germania, dove era già stato per qualche tempo nel 1964 come assistente di Emilio Vedova, e vi rimane fino al 1971.

Successivamente torna a vivere in Italia e inizia il suo lavoro nel mondo dello spettacolo con Marco Bellocchio, Renato Mambor, Rodolfo Roberti, Nanni Moretti (in Sogni d'oro rende una versione surreale del padre della psicoanalisi, Sigmund Freud), Carlo Mazzacurati, Egidio Erodico e altri. Ha scritto e messo in scena quattro suoi pezzi teatrali. Nel 1990 compare come protagonista in una puntata della serie televisiva tedesca L'ispettore Derrick, nell'episodio Emilio Caprese è in città, dove veste i panni un po' stereotipati del boss mafioso di origini italiane Emilio Caprese. Nel 2001 è tra gli interpreti della serie televisiva Casa famiglia. Inoltre, ha recitato in Stiamo bene insieme, Quei due sopra il Varano, I Cesaroni, Il Papa buono, Un medico in famiglia ed è apparso nelle trasmissioni televisive: Chi ha incastrato Peter Pan? e Ciao Darwin.

Ha preso parte a numerosi cortometraggi ed è stato premiato due volte come migliore attore. La prima con il regista Claudio Proietti e la seconda al XV festival di Trevignano 2009. Dagli anni duemila si cimenta in spettacoli dal vivo accompagnato da amici artisti quali Paolo Zanardi, gli Elettrofandango, Andrea Evangelisti, Andrea Rivera e il presentatore Vladimiro. Diventa celebre nel mondo della canzone per la sua interpretazione di (Mamma) Roma, Addio! con la collaborazione del gruppo di musica elettronica Recycle (Emilio Loizzo e H501L), con i quali nel 1998 aveva inciso il brano Me ne vado da Roma, hit finita in airplay su Radio Deejay, ripresa anche dai Perturbazione con lo stesso titolo nel disco Le città viste dal basso del 2010.

Nel 2010 ha partecipato a tre canzoni dell'album Ancora Noi... Ancora Oi! del gruppo romano di genere Oi! Automatica Aggregazione, recitando alcuni versi nella prima, seconda e ultima traccia. Nel 2013 ha pubblicato il disco RemottiSalis (ConcertOne) con il jazzista Antonello Salis (piano e fisarmonica)

Nel 2014 festeggia i novant'anni esponendo i suoi quadri e le sue sculture nella mostra "Ho rubato la marmellata" presso la galleria De Crescenzo & Viesti di Roma. Sue opere sono presenti alla Galleria nazionale d'arte moderna di Roma.

Muore il 21 giugno 2015 presso il Policlinico Gemelli di Roma dove era ricoverato da tre giorni a causa di una malattia ematologica all'età di 90 anni.

Le sue interpretazioni

La prova generale, regia di Romano Scavolini (1968)
Morte di un operatore, regia di Faliero Rosati - film TV (1978)
Il prato, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1979)
Henry Angst (1980)
La terrazza, regia di Ettore Scola (1980)
Masoch, regia di Franco Brogi Taviani (1980)
Salto nel vuoto, regia di Marco Bellocchio (1980)
La festa perduta! (1981)
La storia vera della signora dalle camelie, regia di Mauro Bolognini (1981)
Sogni d'oro, regia di Nanni Moretti (1981)
Canto d'amore, regia di Elda Tattoli (1982)
Giocare d'azzardo, regia di Cinzia TH Torrini (1982)
Logik des Gefühls (1982)
Occhei, occhei (1983)
La vela incantata (1983)
Mi manda Picone, regia di Nanni Loy (1984)
Un amour interdit (1984)
Padre part time, regia di Massimo Antonelli (1984)
Bianca, regia di Nanni Moretti (1984)
Juke box (1985)
Liberté, égalité, choucroute (1985)
Un foro nel parabrezza (1985)
Otello (1986)
Notte italiana, regia di Carlo Mazzacurati (1987)
La parola segreta, regia di Stelio Fiorenza (1988)
Napoli-Berlino, un taxi nella notte (1988)
Lungo il fiume (1989)
Palombella rossa, regia di Nanni Moretti (1989)
Con i piedi per aria (1990)
Stiamo attraverso un brutto periodo (1990)
Il padrino - Parte III (The Godfather: Part III), regia di Francis Ford Coppola (1990)
Ladri di futuro, regia di Enzo Decaro (1991)
Hudson Hawk - Il mago del furto (Hudson Hawk), regia di Michael Lehmann (1991)
Volere volare, regia di Maurizio Nichetti (1991)
Miracolo italiano (1994)
Il cielo è sempre più blu (1995)
Il mondo alla rovescia (1995)
Il pranzo onirico - cortometraggio (1997)
Cuba libre - velocipedi ai tropici (1997)
Simpatici & antipatici (1998)
Tobia al caffè (2000)
Caruso, zero in condotta (2000)
Stiamo bene insieme (2001)
Quore (2002)
Andata e ritorno (2003)
Il quaderno della spesa (2003)
Ma che colpa abbiamo noi (2003)
Red Riding Hood - Cappuccetto rosso (2003)
Ladri di barzellette (2004)
Agata e la tempesta, regia di Paolo Virzì (2004)
Sara May (2004)
Shooting Silvio (2006)
Nero bifamiliare (2007)
La canarina assassinata (2008)
Ganja Fiction (2009)
Palestrina princeps musicae (2009)
Nine (2009)
Quando si diventa grandi (2010)
La banda dei Babbi Natale (2010)
Letters to Juliet (2010)
Nessuno mi può giudicare (2011)
Viso d'angelo, regia di Eros Puglielli (2011)
Buona giornata (2012)
Viva l'Italia (2012)

15 giugno 2018

16 giugno 2017 - Muore lo scrittore erborista francese Maurice Mességué















Maurice Mességué (Colayrac-Saint-Cirq, 14 dicembre 1921 – Auvillar, 16 giugno 2017)

E' stato uno scrittore e erborista francese. Ha contribuito a diffondere la cultura dell'erboristeria e dell'interesse per le cure naturali, soprattutto negli anni settanta. Ha creato una linea di prodotti per l'estetica, che portano il suo nome.

Raccontava di aver curato o aiutato alcuni fra i più grandi personaggi della sua epoca, tra cui: Mistinguett, Édouard Herriot, Winston Churchill, Maurice Utrillo, Jean Cocteau e il cancelliere tedesco Konrad Adenauer.

I suoi libri

Des hommes et des plantes, 1970, traduzione italiana di Danilo Montaldi: 'Uomini, erbe e salute', Mondadori, 1971
C'est la nature qui a raison
Toute une vie à se battre
Mon herbier de santé
Mon herbier de beauté
Réapprenons à aimer
Le Guérisseur, cet inconnu, 1949
Mon herbier de cuisine, 1981

2 giugno 2018

3 giugno 2017 - La drammatica calca in piazza durante la finale di Champions Juventus-Real Madrid a Torino
















La tragedia di Piazza San Carlo è un riferimento ai fatti avvenuti la sera del 3 giugno 2017, a Torino, nell'omonima piazza della città.

La sera del 3 giugno 2017, a Torino, in occasione dell'incontro della finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid fu installato in Piazza San Carlo uno dei due maxischermi per permettere ai tifosi rimasti in città di seguire in diretta la partita che si disputava a Cardiff. Le indagini hanno appurato che durante lo svolgimento della partita, a seguito del comportamento di un gruppo di rapinatori che utilizzavano spray urticante per aprirsi la strada dopo aver razziato oggetti di valore tra il pubblico, si e' scatenato il panico. I presenti, presi dal terrore, hanno creato una calca per fuggire, che ha provocato un totale di 1527 feriti e una donna morta per schiacciamento dopo dodici giorni di agonia e un'altra donna è diventata tetraplegica causa lo schiacciamento e il soffocamento.

25 maggio 2018

26 maggio 2017 - Muore la stilista Laura Biagiotti

























Laura Biagiotti (Roma, 4 agosto 1943 - Roma, 26 maggio 2017)

E' una stilista italiana.

Firma, ancora giovanissima, la sua collezione di prêt-à-porter per Schuberth nel 1966. Collabora successivamente con altri famosi creatori di moda come Roberto Capucci e Rocco Barocco. Nel 1972 presenta, a Firenze, la sua prima collezione personale e si impone all'attenzione della stampa e dei compratori di moda per il suo stile straordinariamente femminile. La sua fama è legata soprattutto alla sua donna "bambola", alla linea ampia delle sue creazioni, quasi danzanti attorno al corpo.

Dal 1980 vive al Castello Marco di Simone di Guidonia vicino Roma, un monumento nazionale dell'XI secolo restaurato insieme al marito Gianni Cigna, deceduto nell'agosto del 1996.

Dal 2000 è presidentessa del Comitato Leonardo

Muore a Roma il 26 maggio 2017 per le conseguenze di un arresto cardiaco che l'aveva colpita due giorni prima.

Riconoscimenti

Nel 1992, a New York, rivece il premio "Donna dell'anno".
Nel 1993 le viene assegnato, a Pechino, il trofeo "Marco Polo".
Nel 2002, per i suoi 30 anni di carriera, le Poste italiane, emettono un francobollo dedicato alla stilista del valore di 0,41 euro.
Nell'aprile del 2004 viene eletta consigliere della Camera nazionale della moda italiana.
Nel 2007 a Venezia, le viene assegnato uno speciale Leone d'oro per la moda, in occasione del Festival del cinema.
Nel 2011 le è stato attribuito il Premio America della Fondazione Italia USA.

22 maggio 2018

23 maggio 2017 - Muore l'attore britannico Roger Moore


















Sir Roger George Moore, conosciuto come Roger Moore (Londra, 14 ottobre 1927 – Crans-Montana, 23 maggio 2017)

E' stato un attore britannico, noto per la partecipazione alla serie televisiva Il Santo (1962-1969) e per essere stato il terzo interprete (dopo Sean Connery e George Lazenby) di James Bond. Con un totale di ben sette pellicole, dal 1973 al 1985, è stato l'attore più longevo nei panni dell'agente 007. Inoltre è stato ambasciatore dell'UNICEF.

Figlio di un agente di polizia, negli anni quaranta viene arruolato nell'esercito britannico poco dopo la fine della seconda guerra mondiale, prestando servizio per un certo periodo nella Germania Ovest, per poi dedicarsi al teatro e in seguito al cinema.

Tra le sue prime apparizioni cinematografiche sono da segnalare i film L'ultima volta che vidi Parigi (1954), Oltre il destino (1955), Il ladro del re (1955) e Diana la cortigiana (1956), dove incomincia a mettersi in evidenza grazie all'eleganza e alla prestanza fisica. Nel (1959) è nel film Vento di tempesta e nel (1961) in Desiderio nel sole e L'oro dei sette santi.

Dopo la serie televisiva Ivanhoe (1958), trasmessa poi in Italia nei primi anni sessanta alla Tv dei ragazzi, a cui seguono The Alaskans e Maverick, è la serie Il Santo, dove interpreta il ladro gentiluomo Simon Templar, ad aprire definitivamente le porte del successo a Roger Moore. La prima serie di questo filone è datata 1962 ed è girata ancora in bianco e nero, mentre la seconda (a colori) prende il via nel 1966. L'attore veste questo ruolo dal 1962 al 1969 e alcuni degli episodi sono stati adattati per il grande schermo.

La carriera televisiva di Roger Moore si arricchisce di un ulteriore successo grazie alla serie Attenti a quei due, telefilm, che nel 1971 lo vede al fianco di Tony Curtis. Questa serie in Italia arriva solo nel 1973 ed è un trionfo.

Le sue interpretazioni

Intermezzo matrimoniale (Perfect Strangers), non accreditato, regia di Alexander Korda (1945)
Cesare e Cleopatra (Caesar and Cleopatra), non accreditato, regia di Gabriel Pascal (1945)
Gaiety George, non accreditato, regia di George King e Leontine Sagan (1946)
Incontro a piccadilly (Piccadilly Incident), non accreditato, regia di Herbert Wilcox (1946)
Paper Orchid, regia di Roy Ward Baker (1949)
Il duca e la ballerina (Trottie True), non accreditato, regia di Brian Desmond Hurst (1949)
The Interrupted Journey, non accreditato, regia di Daniel Birt (1949)
One Wild Oat, non accreditato, regia di Charles Saunders (1951)
Due mogli sono troppe, non accreditato, regia di Mario Camerini (1951)
L'ultima volta che vidi Parigi (The Last Time I Saw Paris), regia di Richard Brooks (1954)
Oltre il destino (Interrupted Melody), regia di Curtis Bernhardt (1955)
Il ladro del re (The King's Thief), regia di Robert Z. Leonard (1955)
Diana la cortigiana (Diane), regia di David Miller (1956)
Vento di tempesta (The Miracle), regia di Irving Rapper (1959)
Desiderio nel sole (The Sins of Rachel Cade), regia di Gordon Douglas (1961)
L'oro dei sette santi (Gold of the Seven Saints), regia di Gordon Douglas (1961)
Il ratto delle Sabine (Romulus and the Sabines), regia di Richard Pottier (1961)
Un branco di vigliacchi (No Man's Land), regia di Fabrizio Taglioni (1962)
Circolo vizioso (Crossplot), regia di Alvin Rakoff (1969)
L'uomo che uccise se stesso (The Man Who Haunted Himself), regia di Basil Dearden (1970)
Agente 007 - Vivi e lascia morire (Live and Let Die), regia di Guy Hamilton (1973)
Gold - Il segno del potere (Gold), regia di Peter R. Hunt (1974)
Agente 007 - L'uomo dalla pistola d'oro (The Man with the Golden Gun), regia di Guy Hamilton (1974)
Toccarlo... porta fortuna (That Lucky Touch), regia di Christopher Miles (1975)
Gli esecutori (Street People), regia di Maurizio Lucidi (1976)
Ci rivedremo all'inferno (Shout at the Devil), regia di Peter R. Hunt (1976)
Sherlock Holmes a New York (Sherlock Holmes in New York), regia di Boris Sagal (1976) - Film TV
Agente 007 - La spia che mi amava (The Spy Who Loved Me), regia di Lewis Gilbert (1977)
I 4 dell'Oca selvaggia (The Wild Geese), regia di Andrew V. McLaglen (1978)
Attacco: piattaforma Jennifer (North Sea Hijack), regia di Andrew V. McLaglen (1979)
Amici e nemici (Escape to Athena), regia di George Pan Cosmatos (1979)
Agente 007 - Moonraker - Operazione spazio (Moonraker), regia di Lewis Gilbert (1979)
L'oca selvaggia colpisce ancora (The Sea Wolves), regia di Andrew V. McLaglen (1980)
I seduttori della domenica (Sunday Lovers), regia di Bryan Forbes, Édouard Molinaro (1980)
La corsa più pazza d'America (The Cannonball Run), regia di Hal Needham (1981)
Agente 007 - Solo per i tuoi occhi (For Your Eyes Only), regia di John Glen (1981)
Agente 007 - Octopussy - Operazione piovra (Octopussy), regia di John Glen (1983)
Pantera Rosa - Il mistero Clouseau (Curse of the Pink Panther), regia di Blake Edwards (1983)
A faccia nuda (The Naked Face), regia di Bryan Forbes (1984)
Agente 007 - Bersaglio mobile (A View To A Kill), regia di John Glen (1985)
Fuoco, neve e dinamite (Feuer, Eis & Dynamit), regia di Willy Bogner (1990)
Doppia coppia all'otto di picche (Bullseye!), regia di Michael Winner (1990)
Bed & Breakfast - Servizio in camera (Bed & Breakfast), regia di Robert Ellis Miller (1991)
Un uomo nel mirino (The Man Who Wouldn't Die), regia di Bill Condon (1994) - Film TV
La prova (The Quest), regia di Jean-Claude Van Damme (1996)
Spice Girls: il film (Spice World), regia di Bob Spiers (1997)
The Enemy - Il nemico è tra noi (The Enemy), regia di Tom Kinninmont (2001) - Film TV
Boat Trip (Boat Trip), regia di Mort Nathan (2002)
Natale a Castlebury Hall (A Princess for Christmas), regia di Michael Damian (2011) - Film TV

21 maggio 2018

22 maggio 2017 - Muore il centauro statunitense Nicky Hayden











Nicholas Patrick "Nicky" Hayden (Owensboro, 30 luglio 1981 – Cesena, 22 maggio 2017) è stato un pilota motociclistico statunitense.

Soprannominato "Kentucky Kid", vinse il titolo di campione del mondo MotoGP 2006 con la Honda, oltre a tre gare nella MotoGP e una nel Campionato mondiale Superbike. Correva solitamente con il numero 69.

È morto a 35 anni a seguito di un incidente stradale mentre era in bicicletta.

Cresciuto in una famiglia con la passione per le moto, Nicky vi si dedica fin da bambino, correndo inizialmente nei circuiti cross; il suo numero di gara abituale, il 69, è preso in prestito dal padre. Nel 1998 passa alle derivate di serie, partecipando al campionato AMA Supersport e facendo inoltre la sua prima apparizione a livello internazionale nel campionato mondiale Supersport ottenendo una wildcard per la prova americana di Laguna Seca con una Suzuki GSX 600R del team Hypercycle Suzuki, ritirandosi in gara. Nel 1999 è campione dell'AMA Supersport con 372 punti e 5 vittorie stagionali in gara.

Nel 2000, all'esordio nell'AMA Superbike, ottiene un secondo posto nella classifica finale a soli 5 punti dal pluricampione della categoria Mat Mladin.


Il 17 maggio 2017 rimane coinvolto in un incidente stradale mentre conduce una bicicletta nel circondario riminese sulla strada provinciale Riccione-Tavoleto, nei pressi della zona artigianale di Misano Adriatico. Gravemente ferito (vasto edema cerebrale diffuso e varie fratture multiple dorsali e ad una gamba), è trasportato con massima urgenza e ricoverato in prognosi riservata prima all'ospedale di Rimini e poi trasferito all'Ospedale Maurizio Bufalini di Cesena, dove il pilota americano si spegne il 22 maggio, dopo cinque giorni trascorsi in coma, all'età di 35 anni.

Le esequie sono state celebrate il 29 maggio nella cattedrale di Owensboro, città natale del pilota, dal vescovo William Francis Medley. Il suo corpo è stato sepolto all'interno della cattedrale stessa.

17 maggio 2018

17 maggio 1938 - Nasce il giornalista Gianni Minà















Gianni Minà (Torino, 17 maggio 1938) è un giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano.

Ha collaborato con quotidiani e settimanali italiani e stranieri, ha realizzato centinaia di reportage per la Rai, ha ideato e presentato programmi televisivi, girato film documentari su Che Guevara, Muhammad Ali, Fidel Castro, Rigoberta Menchú, Silvia Baraldini, il subcomandante Marcos, Diego Maradona.

Minà è stato editore e direttore della rivista letteraria Latinoamerica e tutti i sud del mondo dal 2000 al 2015 ed è stato direttore della collana di Sperling & Kupfer Continente desaparecido, dedicata a realtà e autori latinoamericani. Ha pubblicato numerosi libri sull'America Latina.

Nel 2003 è stato eletto nell'assemblea della SIAE e ha fatto parte del comitato che ha ideato e realizzato Vivaverdi, la rivista degli autori italiani. Nel 2007 ha ricevuto[1] il Premio Kamera della Berlinale per la carriera, il più prestigioso premio al mondo per documentaristi.

Le sue opere

Il racconto di Fidel, Milano, Mondadori, 1988. ISBN 88-04-30887-7
Fidel, Milano, Sperling & Kupfer, 1991. ISBN 88-200-1154-9
Fidel. Presente e futuro di una ideologia in crisi analizzati da un leader storico, Roma, l'Unità, 1994.
Un continente desaparecido, Milano, Sperling & Kupfer, 1995. ISBN 88-200-1783-0
Fidel Castro. La sua vita, la sua avventura in due interviste storiche, Milano, Sperling & Kupfer, 1996. ISBN 88-200-2267-2
Marcos e l'insurrezione zapatista, con Jaime Avilés, Milano, Sperling & Kupfer, 1997. ISBN 88-200-2504-3
Storie, Milano, Sperling & Kupfer-Roma, RAI-ERI, 1997. ISBN 88-200-2380-6
Il papa e Fidel, Milano, Sperling & Kupfer, 1998. ISBN 88-200-2696-1
Storie e miti dei Mondiali, con Darwin Pastorin, Modena, Panini, 1998. ISBN 88-7686-951-4
Testimoni del tempo, Milano, Sperling & Kupfer-Roma, RAI-ERI, 1999. ISBN 88-200-2709-7
Un mondo migliore è possibile, Milano, Sperling & Kupfer, 2002. ISBN 88-200-3391-7
Il continente desaparecido è ricomparso, Milano, Sperling & Kupfer, 2005. ISBN 88-200-3554-5
Politicamente scorretto. Riflessioni di un giornalista fuori dal coro, Milano, Sperling & Kupfer, 2007. ISBN 978-88-200-4203-5
Il mio Alì, Roma, Rai Eri, RCS, 2014, ISBN 978-88-17-08096-5
Così va il mondo con Giuseppe De Marzo, Torino 2017, ISBN 9788865791271

I programmi Tv che ha condotto

blitz, (Rai 2, 1981)
Facce piene di pugno, (Rai 1, 1984)
XXV anniversario delle Olimpiadi di Roma, (Rai 1, 1985)
Concerto per Stava (Rai 1, Rai 3, 1985)
Una vita da goal, (Rai 1, 1986)
Atleta d'oro 1986 (Rai 1, 1987)
Notte per uno scudetto (Rai 1, 1987)
Quando calienta el sol (Rai 1, 1987)
Bussola Days, il mondo spettacolare di Sergio Bernardini, (Rai 1, 1987)
Domani si gioca - L'altro spettacolo (Rai 3, 1988)
''Sanremo in the World (Rai 1, 1989)
Un mondo nel pallone (Rai 1, 1989-1990)
Donne in America Latina (Rai 1, 1990)
Momenti di gloria (Rai 1, 1990)
Io e il mondiale (Rai 1, 1990)
Alta classe (Rai 1, 1991-1992)
Io e le Olimpiadi (Rai 1, 1990)
La Domenica Sportiva (Rai 1, 1991-1992)
Zona Cesarini (Rai 1, 1991-1992)
Tortuga (Rai 3, 1992)
Noi maggiorenni (Rai 1, 1993)
Il mondiale americano (Rai, 1994)
In viaggio con Che Guevara"(Rai, 2004) documentario

1 maggio 2018

2 maggio 1972 - Nasce l'attore statunitense Dwayne Johnson














Dwayne Douglas Johnson, meglio conosciuto come Dwayne "The Rock" Johnson o più semplicemente The Rock (Hayward, 2 maggio 1972), è un wrestler, attore e produttore cinematografico statunitense e canadese sotto contratto con la WWE.

Figlio e nipote d'arte rispettivamente di Rocky Johnson e di Peter Maivia, entrambi wrestler e membri della famiglia Anoa'i, Johnson è pertanto definito un wrestler di terza generazione;inoltre diversi suoi zii, cugini e nipoti sono stati (o sono tuttora) wrestler.

Inizialmente noto come Rocky Maivia, dal 1996 al 2004 ha avuto successo nella World Wrestling Federation/Entertainment (WWF/E) come una delle figure cardini e tra le più carismatiche dell'Attitude Era:è infatti riconosciuto come la seconda icona più importante di questo periodo.Nel 2011 ha fatto il suo ritorno alla WWE e ha continuato a lottare sporadicamente fino ad oggi.

Il suo primo ruolo da protagonista per un film fu Il Re Scorpione nel 2002, a cui hanno fatto seguito Il tesoro dell'Amazzonia, Doom, Faster e la saga di Fast & Furious a partire dal quinto capitolo.

Detiene inoltre un Guinness dei primati, grazie alle 105 fotografie scattate con i fan in tre minuti, durante la première del film San Andreas del 2015.Nel dicembre 2015 il mensile americano Muscle and Fitness lo ha nominato "uomo del secolo"; nel 2016 viene insignito di altri vari riconoscimenti: il settimanale statunitense TIME lo ha incluso tra le 100 persone più influenti al mondo, la nota rivista Forbes ha riportato come Johnson sia stato l'attore più pagato al mondo nel 2015, con un guadagno di 64,5 milioni di dollari, l'altresì celebre rivista People lo ha incoronato "uomo più sexy del mondo" e il periodico sportivo di diffusione internazionale Sports Illustrated lo ha rappresentato in una delle proprie copertine.

Filmografia

Beyond The Mat, regia di Barry W. Blaustein (1999)
Longshot, regia di Lionel C. Martin (2000)
La mummia - Il ritorno (The Mummy Returns), regia di Stephen Sommers (2001)
Il Re Scorpione (The Scorpion King), regia di Chuck Russell (2002)
Il tesoro dell'Amazzonia (The Rundown), regia di Peter Berg (2003)
A testa alta (Walking Tall), regia di Kevin Bray (2004)
Be Cool, regia di F. Gary Gray (2005)
Doom, regia di Andrzej Bartkowiak (2005)
La gang di Gridiron (Gridiron Gang), regia di Phil Joanou (2006)
Reno 911!: Miami, regia di Robert Ben Garant (2007)
Southland Tales - Così finisce il mondo (Southland Tales), regia di Richard Kelly (2007)
Cambio di gioco (The Game Plan), regia di Andy Fickman (2007)
Agente Smart - Casino totale (Get Smart), regia di Peter Segal (2008)
Corsa a Witch Mountain (Race to Witch Mountain), regia di Andy Fickman (2009)
L'acchiappadenti (Tooth Fairy), regia di Michael Lembeck (2010)
Why Did I Get Married Too?, regia di Tyler Perry (2010)
I poliziotti di riserva (The Other Guys), regia di Adam McKay (2010)
Ancora tu! (You Again), regia di Andy Fickman (2010)
Faster, regia di George Tillman Jr. (2010)
Fast & Furious 5 (Fast Five), regia di Justin Lin (2011)
Viaggio nell'isola misteriosa (Journey 2: The Mysterious Island), regia di Brad Peyton (2012)
Snitch - L'infiltrato (Snitch), regia di Ric Roman Waugh (2013)
G.I. Joe - La vendetta (G.I. Joe: Retaliation), regia di Jon Chu (2013)
Pain & Gain - Muscoli e denaro (Pain & Gain), regia di Michael Bay (2013)
Fast & Furious 6, regia di Justin Lin (2013)
Empire State, regia di Dito Montiel (2013)
Hercules: il guerriero (Hercules), regia di Brett Ratner (2014)
Fast & Furious 7 (Furious 7), regia di James Wan (2015)
San Andreas, regia di Brad Peyton (2015)
Jem e le Holograms (Jem & the Holograms), regia di Jon M. Chu (2015)
Una spia e mezzo (Central Intelligence), regia di Rawson Marshall Thurber (2016)
Fast & Furious 8, regia di F. Gary Gray (2017)
Baywatch, regia di Seth Gordon (2017)

29 aprile 2018

30 aprile 1993 - Il World Wide Web diventa libero e gratuito




















Il 30 aprile 1993 non fu un giorno qualunque. Anzi. Fu quando il Cern (l'organizzazione europea per la ricerca nucleare, con sede a Ginevra) mise a disposizione del pubblico il World Wide Web, fino a quel momento utilizzato dalla sola comunità scientifica, rinunciando a qualsiasi tipo di diritto sul software scritto qualche anno prima da un suo ricercatore laureatosi in fisica a Oxfortd, il britannico Tim Berners-Lee. Fu in quel giorno di 25 anni fa che il Web divenne di fatto libero, perché allora il suo inventore decise di donare agli sviluppatori di tutto il mondo il linguaggio di questo nuovo mondo digitale, il suo codice sorgente.



25 aprile 2018

26 aprile 2017 - Muore il regista statunitense Robert Jonathan Demme















(Baldwin, 22 febbraio 1944 – New York, 26 aprile 2017)

E' stato un regista, produttore cinematografico, sceneggiatore e documentarista statunitense.

Figlio di un'attrice e di un albergatore, trascorre l'infanzia a New York e intorno ai 15 anni di età si trasferisce con la famiglia a Miami. Appena trentenne, dirige il film Femmine in gabbia (1974): il film non ottiene un gran successo e il regista, dopo altri titoli minori, si segnala a 35 anni con il thriller Il segno degli Hannan (1979) che vince il "New York Film", come pure la commedia Una volta ho incontrato un miliardario (1980).

Raccoglie favorevoli consensi dalla critica e dal pubblico con Qualcosa di travolgente (1986), interpretato da Melanie Griffith e Jeff Daniels, e con Una vedova allegra... ma non troppo (1988), con Michelle Pfeiffer e Matthew Modine. Nel 1992 vince il Premio Oscar per la miglior regia per Il silenzio degli innocenti, con protagonisti Anthony Hopkins e Jodie Foster (cui Demme avrebbe tuttavia preferito Meg Ryan), già premiato l'anno precedente anche al Festival di Berlino con l'Orso d'Argento e il DGA Award.

Nel 1993 ottiene un altro grandissimo successo con Philadelphia che farà guadagnare a Tom Hanks il primo Oscar. Co-protagonista del film è Denzel Washington, che nel 2004 tornerà a lavorare con Demme inThe Manchurian Candidate al fianco di Meryl Streep, a sua volta primattrice del suo ultimo lavoro Dove eravamo rimasti (2015).

Muore il 26 aprile 2017 all'età di 73 anni a causa di un cancro all'esofago di cui soffriva da tempo.

I film che ha diretto

Femmine in gabbia (Caged Heat) (1974)
Crazy Mama (1975)
Fighting Mad (1976)
Handle with Care (1977)
Il segno degli Hannan (Last Embrace) (1979)
Una volta ho incontrato un miliardario (Melvin and Howard) (1980)
Tempo di swing (Swing Shift) (1984)
Qualcosa di travolgente (Something Wild) (1986)
Swimming to Cambodia (1987)
Una vedova allegra... ma non troppo (Married to the Mob) (1988)
Famous All Over Town (1988)
Il silenzio degli innocenti (The Silence of the Lambs) (1991)
Philadelphia (1993)
Beloved - L'ombra del passato (1998)
The Truth About Charlie (2002)
The Manchurian Candidate (2004)
Rachel sta per sposarsi (Rachel Getting Married) (2008)
A Master Builder (2013)
Another Telepathic Thing (2015)
Dove eravamo rimasti (Ricki and the Flash) (2015)

20 aprile 2018

21 aprile 2016 - Muore il cantautore statunitense Prince

















Prince, pseudonimo di Prince Rogers Nelson (Minneapolis, 7 giugno 1958 – Chanhassen, 21 aprile 2016)

E' stato un cantautore statunitense, popolare soprattutto negli anni ottanta e novanta.

Il nome Prince deriva dal nome della band dove il padre suonava, ovvero i "Prince Rogers Trio". La vena artistica del cantante di Minneapolis (che componeva, arrangiava, produceva, cantava e suonava i suoi lavori spesso in totale autonomia) lo ha portato a produrre continuamente nuovi brani, ma anche ad essere tra i pionieri della vendita on-line su Internet: infatti alcuni suoi prodotti sono acquistabili solo dal suo sito.

Nel 2004 la rivista Rolling Stone lo ha inserito al 27º posto nella lista dei 100 migliori artisti, al 30 in quella dei 100 migliori cantanti di sempre e al 34 in quella dei 100 migliori chitarristi di sempre.

Prince Rogers Nelson nacque a Minneapolis nel 1958, figlio di Mattie Della (nata Shaw, 1933-2002) e John Lewis Nelson (1916-2001). I suoi genitori erano entrambi afro-americani e i suoi antenati erano della Louisiana; tutti e quattro i suoi nonni provenivano da quello stato. Il padre di Prince era un pianista e compositore, e sua madre era una cantante jazz. Il suo nome deriva dal nome d'arte di suo padre, che era appunto Prince Rogers, e che suonava con un gruppo jazz chiamato Prince Rogers Trio.

La sorella di Prince, Tika Evene (di solito chiamata Tyka), nacque nel 1960. Entrambi i fratelli svilupparono un forte interesse per la musica, e questo fu incoraggiato dal padre. Prince scrisse il suo primo brano, "Funk Machine", col pianoforte del padre quando aveva solo sette anni. Quando ne aveva 10, i suoi genitori si separarono, visse così spostandosi di casa in casa a volte vivendo con il padre e a volte con la madre e il patrigno. Poi si trasferì nella casa dei vicini di nome Anderson dove fece amicizia con loro figlio, Andre Anderson, che in seguito divenne noto come André Cymone, un bassista, compositore e produttore discografico americano.

Prince frequentò la Bryant Junior High e poi la Central High School a Minneapolis, dove giocò a football, basket e baseball. Ha giocato nella squadra del college Central's junior, e continuò a giocare a basket per hobby da adulto. Incontrò Jimmy Jam nel 1973 alle medie, e lo colpì durante le lezioni di musica con il suo talento musicale, la sua precoce padronanza di una vasta gamma di strumenti, nonché la sua etica del lavoro.

I suoi album

1978 – For You
1979 – Prince
1980 – Dirty Mind
1981 – Controversy
1982 – 1999
1984 – Purple Rain
1985 – Around the World in a Day
1986 – Parade
1987 – Sign o' the Times
1988 – Lovesexy
1989 – Batman
1990 – Graffiti Bridge
1991 – Diamonds and Pearls
1992 – Love Symbol Album
1994 – Come
1994 – The Black Album
1995 – The Gold Experience
1996 – Chaos and Disorder
1996 – Emancipation
1998 – Crystal Ball / The Truth
1999 – The Vault: Old Friends 4 Sale
1999 – Rave Un2 the Joy Fantastic
2001 – The Rainbow Children
2002 – One Nite Alone...
2003 – Xpectation
2003 – N.E.W.S
2004 – The Chocolate Invasion
2004 – The Slaughterhouse
2004 – Musicology
2006 – 3121
2007 – Planet Earth
2009 – LOtUSFLOW3R / MPLSoUND
2010 – 20Ten
2014 – Plectrumelectrum
2014 – Art Official Age
2015 – HITnRUN Phase One
2015 – HITnRUN Phase Two