10 febbraio 2019

11 febbraio 1969 - Nasce l'attrice statunitense Jennifer Aniston

























Jennifer Joanna Anastassakis, meglio nota come Jennifer Aniston (Los Angeles, 11 febbraio 1969), è un'attrice, regista e produttrice cinematografica statunitense.

La Aniston ha ottenuto il riconoscimento in tutto il mondo per aver interpretato Rachel Green nella popolare sitcom televisiva Friends (1994-2004), un ruolo che le è valso un Premio Emmy, un Golden Globe e uno Screen Actors Guild Award. Il personaggio era molto popolare durante la messa in onda della serie, ed è stato riconosciuto come uno dei "100 più grandi personaggi femminili in televisione negli Stati Uniti".

I suoi successi al botteghino includono Una settimana da Dio (2003), Ti odio, ti lascio, ti... (2006), Io & Marley (2008), Mia moglie per finta (2011), Come ammazzare il capo e vivere felici (2011) e Come ti spaccio la famiglia (2013), ognuno dei quali hanno incassato oltre $200 milioni di entrate in tutto il mondo. Le sue interpretazioni più acclamate sono in The Good Girl (2002) e Cake (2014), per il quale ha ricevuto una candidatura per il Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico e agli Screen Actors Guild Awards. È cofondatrice, nel 2008, della società di produzione Echo Films.

Nel 2004, la Aniston è stata classificata "la donna più bella" dal periodico People, ed è stata eletta la "donna più sexy di tutti i tempi" nel 2011. Nel 2012, ha ricevuto una stella sulla Hollywood Walk of Fame, ed è una delle attrici più pagate di Hollywood. Nel 2007, è stata classificata come "11ª donna più ricca nel settore dello spettacolo", con una fortuna stimata di $110 milioni. È stata inserita da molte riviste negli elenchi di donne più belle del mondo.

Le sue interpretazioni

Il mio amico Mac (Mac and Me), regia di Stewart Raffill (1988) - non accreditata
Leprechaun, regia di Mark Jones (1993)
Il sogno di Frankie (Dream for an Insomniac), regia di Tiffanie DeBartolo (1996)
Il senso dell'amore (She's the One), regia di Edward Burns (1996)
Romantici equivoci (Picture Perfect), regia di Glenn Gordon Caron (1997)
Solo se il destino (Til There Was You), regia di Scott Winant (1997)
The Thin Pink Line, regia di Joe Dietl e Michael Irpino (1998)
L'oggetto del mio desiderio (The Object of My Affection), regia di Nicholas Hytner (1998)
Waiting for Woody - Aspettando Woody, regia di Grant Heslov (1998) - cortometraggio
Impiegati... male! (Office Space), regia di Mike Judge (1999)
Rock Star, regia di Stephen Herek (2001)
The Good Girl, regia di Miguel Arteta (2002)
Una settimana da Dio (Bruce Almighty), regia di Tom Shadyac (2003)
Abby Singer, regia di Ryan R. Williams (2003) - cameo
Growing Up Grizzly 2 - documentario (2004)
...e alla fine arriva Polly (Along Came Polly), regia di John Hamburg (2004)
Derailed - Attrazione letale (Derailed), regia di Mikael Håfström (2005)
Vizi di famiglia (Rumor Has It...), regia di Rob Reiner (2005)
Friends with Money, regia di Nicole Holofcener (2006)
Ti odio, ti lascio, ti... (The Break-Up), regia di Peyton Reed (2006)
Io & Marley (Marley & Me), regia di David Frankel (2008)
Management - Un amore in fuga, regia di Stephen Belber (2008)
La verità è che non gli piaci abbastanza (He's Just Not That Into You), regia di Ken Kwapis (2009)
Journey to Sundance regia di Julian Starks - documentario (2009)
Qualcosa di speciale (Love Happens), regia di Brandon Camp (2009)
Il cacciatore di ex (The Bounty Hunter), regia di Andy Tennant (2010)
Due cuori e una provetta (The Switch), regia di Josh Gordon e Will Speck (2010)
Mia moglie per finta (Just Go with It) regia di Dennis Dugan (2011)
Come ammazzare il capo... e vivere felici (Horrible Bosses), regia di Seth Gordon (2011)
Nudi e felici (Wanderlust), regia di David Wain (2012)
Come ti spaccio la famiglia (We're the Millers), regia di Rawson Marshall Thurber (2013)
Life of Crime - Scambio a sorpresa (Life of Crime), regia di Daniel Schechter (2013)
Cake, regia di Daniel Barnz (2014)
Come ammazzare il capo 2 (Horrible Bosses 2), regia di Sean Anders (2014)
Tutto può accadere a Broadway (She's Funny That Way), regia di Peter Bogdanovich (2014)
Mother's Day, regia di Garry Marshall (2016)
La festa prima delle feste (Office Christmas Party), regia di Josh Gordon e Will Speck (2016)
The Yellow Birds, regia di Alexandre Moors (2017)
Dumplin', regia di Anne Fletcher (2018)

29 gennaio 2019

30 gennaio 1930 - Nasce l'attore statunitense Gene Hackman





















Eugene Allen "Gene" Hackman (San Bernardino, 30 gennaio 1930) è un attore e scrittore statunitense.

Vincitore di due Oscar su cinque nomination, due Golden Globe, un Orso d'argento e molti altri premi, Hackman ha vestito, fin dagli anni sessanta i panni del cattivo per antonomasia, dando vita a personaggi corrotti, spietati, amorali, connotandoli con cinico sarcasmo: lo sguardo forte, incisivo ma al tempo stesso ironico ha esaltato la sua "capacità di impersonare uomini, burberi, spicci e dal convincente realismo".

Tra i tanti personaggi interpretati si ricordano: il segretario alla difesa gelido e nervoso di Senza via di scampo; l'abile, spietato e sprezzante addomesticatore di giurie in La giuria; il presidente freddo e cinico di Potere assoluto; il poliziotto in bilico tra la mala e la giustizia de Il braccio violento della legge; il duro e intransigente sceriffo Little Bill Dagget de Gli Spietati; l'agente federale dai modi spicci e diretti di Mississippi Burning - Le radici dell'odio; il rubicondo e irascibile sbandato de Lo spaventapasseri; il supercriminale Lex Luthor, antagonista di Superman. Non mancano nella sua brillante e pluriennale carriera personaggi più leggeri, frivoli, coi quali ha largamente gigioneggiato, come l'eremita cieco Abelardo in Frankenstein Junior o l'estroso padre di famiglia Royal ne I Tenenbaum.

La sua ultima interpretazione è del 2004 nel film Due candidati per una poltrona e nel 2008 ha annunciato il suo ritiro dalle scene.

Le sue interpretazioni

Gangster contro gangster (Mad Dog Coll), regia di Burt Balaban (1961) - non accreditato
Lilith - La dea dell'amore (Lilith), regia di Robert Rossen (1964)
Hawaii, regia di George Roy Hill (1966)
Non c'è posto per i vigliacchi (First to Fight), regia di Christian Nyby (1967)
L'uomo che uccise il suo carnefice (A Covenant with Death), regia di Lamont Johnson (1967)
Gangster Story (Bonnie and Clyde), regia di Arthur Penn (1967)
Il club degli intrighi (Banning), regia di Ron Winston (1967)
Community Shelter Planning, regia di Mark Isaacs - cortometraggio (1967)
I sei della grande rapina (The Split), regia di Gordon Flemyng (1968)
La rivolta (Riot), regia di Buzz Kulik (1969)
I temerari (The Gypsy Moths), regia di John Frankenheimer (1969)
Gli spericolati (Downhill Racer), regia di Michael Ritchie (1969)
Abbandonati nello spazio (Marooned), regia di John Sturges (1969)
Anello di sangue, regia di Gilbert Cates (1970)
Le mogli (Doctor's Wives), regia di George Schaefer (1971)
Il giorno dei lunghi fucili (The Hunting Party), regia di Don Medford (1971)
Il braccio violento della legge (The French Connection), regia di William Friedkin (1971)
Per cento chili di droga (Cisco Pike), regia di Bill L. Norton (1971)
Arma da taglio (Prime Cut), regia di Michael Ritchie (1972)
L'avventura del Poseidon (The Poseidon Adventure), regia di Ronald Neame (1972)
Lo spaventapasseri (Scarecrowe), regia di Jerry Schatzberg (1973)
La conversazione (The Conversation), regia di Francis Ford Coppola (1974)
Una donna chiamata moglie (Zandy's Bride), regia di Jan Troell (1974)
Frankenstein Junior (Young Frankenstein), regia di Mel Brooks (1974)
Bersaglio di notte (Night Moves), regia di Arthur Penn (1975)
Stringi i denti e vai! (Bite the Bullet), regia di Richard Brooks (1975)
Il braccio violento della legge 2 (French Connection II), regia di John Frankenheimer (1975)
In tre sul Lucky Lady (Lucky Lady), regia di Stanley Donen (1975)
Il principio del domino: la vita in gioco (The Domino Principle), regia di Stanley Kramer (1977)
Quell'ultimo ponte (A Bridge Too Far), regia di Richard Attenborough (1977)
La bandera - Marcia o muori (March Or Die), regia di Dick Richards (1977)
Superman, regia di Richard Donner (1978)
Superman II, regia di Richard Lester (1980)
Tutta una notte (All Night Long), regia di Jean-Claude Tramont (1981)
Reds, regia di Warren Beatty (1981)
Eureka, regia di Nicolas Roeg (1983)
Sotto tiro (Under Fire), regia di Roger Spottiswoode (1983)
Fratelli nella notte (Uncommon Valor), regia di Ted Kotcheff (1983)
Incompreso - L'ultimo sole d'estate (Misunderstood), regia di Jerry Schatzberg (1984)
Due volte nella vita (Twice in a Lifetime), regia di Bud Yorkin (1985)
Target - Scuola omicidi (Target), regia di Arthur Penn (1985)
Power - Potere, regia di Sidney Lumet (1986)
Colpo vincente (Hoosiers), regia di David Anspaugh (1986)
Senza via di scampo (No Way Out), regia di Roger Donaldson (1987)
Superman IV (Superman IV: The Quest for Peace), regia di Sidney J. Furie (1987)
Bat*21, regia di Peter Markle (1988)
Un'altra donna (Another Woman), regia di Woody Allen (1988)
Boxe (Split Decision), regia di David Drury (1988)
L'ultima luna d'agosto (Full Moon in Blue Water), regia di Peter Masterson (1988)
Mississippi Burning - Le radici dell'odio (Mississippi Burning), regia di Alan Parker (1988)
Uccidete la colomba bianca (The Package), regia di Andrew Davis (1989)
Poliziotti a due zampe (Loose Cannons), regia di Bob Clark (1990)
Cartoline dall'inferno (Postcards from the Edge), regia di Mike Nichols (1990)
Rischio totale (Narrow Margin), regia di Peter Hyams (1990)
Conflitto di classe (Class Action), regia di Michael Apted (1990)
Spie contro (Company Business), regia di Nicholas Meyer (1991)
Gli spietati (Unforgiven), regia di Clint Eastwood (1992)
Il socio (The Firm), regia di Sydney Pollack (1993)
Geronimo (Geronimo: An American Legend), regia di Walter Hill (1993)
Wyatt Earp, regia di Lawrence Kasdan (1994)
Pronti a morire (The Quick and the Dead), regia di Sam Raimi (1995)
Allarme rosso (Crimson Tide), regia di Tony Scott (1995)
Get Shorty, regia di Barry Sonnenfeld (1995)
Piume di struzzo (The Birdcage), regia di Mike Nichols (1996)
Extreme Measures - Soluzioni estreme (Extreme Measures), regia di Michael Apted (1996)
L'ultimo appello (The Chamber), regia di James Foley (1996)
Potere assoluto (Absolute Power), regia di Clint Eastwood (1997)
Twilight, regia di Robert Benton (1998)
Nemico pubblico (Enemy of the State), regia di Tony Scott (1998)
Under Suspicion, regia di Stephen Hopkins (2000)
Le riserve (The Replacements), regia di Howard Deutch (2000)
The Mexican - Amore senza sicura (The Mexican), regia di Gore Verbinski (2001) - cameo non accreditato
Heartbreakers - Vizio di famiglia (Heartbreakers), regia di David Mirkin (2001)
Il colpo (Heist), regia di David Mamet (2001)
I Tenenbaum (The Royal Tenenbaums), regia di Wes Anderson (2001)
Behind Enemy Lines - Dietro le linee nemiche (Behind Enemy Lines), regia di John Moore (2001)
La giuria (Runaway Jury), regia di Gary Fleder (2003)
Due candidati per una poltrona (Welcome to Mooseport), regia di Donald Petrie (2004)

26 gennaio 2019

27 gennaio 2018 - Muore l'imprenditore Ingvar Kamprad fondatore di Ikea















Feodor Ingvar Kamprad (Pjätteryd, 30 marzo 1926 – Liatorp, 27 gennaio 2018) è stato un imprenditore svedese, fondatore, nel 1943, di IKEA.

Secondo la rivista Forbes è stato uno degli uomini più ricchi del mondo: nel 2007 ha raggiunto la massima posizione, posizionandosi al quarto posto degli uomini più ricchi del mondo, possedendo un patrimonio di 33 miliardi di USD.

Ingvar Kamprad nacque il 30 marzo 1926 a Pjätteryd, antico villaggio rurale adesso parte del comune di Älmhult, nella provincia dello Småland, in Svezia.

Iniziò a costruire il suo business fin da ragazzo, vendendo fiammiferi ai vicini di casa, con la sua bicicletta. Successivamente scoprì che poteva acquistare i fiammiferi ad un prezzo molto basso presso un fornitore di Stoccolma, in modo da poter trarre maggior profitto nella vendita e abbassando leggermente i prezzi. Dai fiammiferi, si espanse vendendo pesce, decorazioni per alberi di Natale, semenze da giardino e successivamente penne a sfera e matite.

Quando compì 17 anni suo padre gli donò dei soldi per premiarlo dei buoni risultati che aveva ottenuto attraverso lo studio. Kamprad li usò per costruire uno stabilimento, che chiamò IKEA. L'acronimo IKEA è composto dalle iniziali del suo nome (Ingvar Kamprad) o IK più Elmtaryd, la fattoria di famiglia dove è cresciuto, e Agunnaryd, un piccolo villaggio nella provincia di Småland.

19 gennaio 2019

20 gennaio 1978 - Nasce l'attore francese Omar Sy


















Omar Sy (Trappes, 20 gennaio 1978) è un attore e comico francese di origini senegalesi e mauritane.

Sposato e con cinque figli, è nato a Trappes il 20 gennaio 1978 da una cameriera originaria della Mauritania e un operaio senegalese immigrati in Francia, Sy, il quarto di otto figli, non aveva mai osato pensare alla carriera di attore. Il suo compito era prendere il diploma e trovare un lavoro. Un giorno, però, accompagna un amico speaker a Radio Nova per la puntata pilota di un programma. Non ci sono ospiti e Sy inventa il personaggio di un calciatore nigeriano. Da quel momento, a cavallo tra il 1996 e il 1997, la sua verve comica gli fa spiccare il volo. Iniziano a chiamarlo alla radio per fare i personaggi telefonici e fa coppia fissa su Radio Nova con Fred Testot. Ben presto, i programmi comici dei due mattatori si moltiplicano, così come il loro successo, e arrivano le prime proposte dalla televisione.

Le sue interpretazioni

La Tour Montparnasse infernale regia di Charles Nemes (2000)
Le Raid, regia di Djamel Bensalah (2002)
In fuga col cretino (Le Boulet), regia di Alain Berberian e Frédéric Forestier (2002)
Samouraïs, regia di Giordano Gederlini (2002)
La Beuze, regia di François Desagnat e Thomas Sorriaux (2003)
Le Carton, regia di Charles Nemes (2004)
Primi amori, primi vizi, primi baci (Nos jours heureux), regia di Éric Toledano e Olivier Nakache (2006)
Seuls two, regia di Éric Judor e Ramzy Bedia (2008)
King Guillaume, regia di Pierre-François Martin-Laval (2009)
Envoyés très spéciaux, regia di Frédéric Auburtin (2009)
Troppo amici (Tellement proches), regia di Éric Toledano e Olivier Nakache (2009)
Safari, regia di Olivier Baroux (2009)
L'esplosivo piano di Bazil (Micmacs à tire larigot), regia di Jean-Pierre Jeunet (2009)
La Loi de Murphy, regia di Christophe Campos (2009)
Arthur e la vendetta di Maltazard (2009) - voce nella versione francese
Les Tuche, regia di Olivier Baroux (2011)
Quasi amici - Intouchables (Intouchables), regia di Éric Toledano e Olivier Nakache (2011)
Dream Team (Les Seigneurs), regia di Olivier Dahan (2012)
Due agenti molto speciali (De l'autre côté du périph), regia di David Charhon (2012)
F.B.I. - Due agenti impossibili (Mais qui a re-tué Pamela Rose?), regia di Olivier Baroux e Kad Merad (2012)
Mood Indigo - La schiuma dei giorni (L'Écume des jours), regia di Michel Gondry (2013)
X-Men - Giorni di un futuro passato (X-Men: Days of Future Past), regia di Bryan Singer (2014)
Good People, regia di Henrik Ruben Genz (2014)
Samba, regia di Olivier Nakache e Éric Toledano (2014)
Jurassic World, regia di Colin Trevorrow (2015)
Il sapore del successo (Burnt), regia di John Wells (2015)
Mister Chocolat (Chocolat), regia di Roschdy Zem (2016)
Inferno, regia di Ron Howard (2016)
Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse (Demain tout commence), regia di Hugo Gélin (2016)
Dr. Knock (Knock), regia di Lorraine Lévy (2017)

14 gennaio 2019

15 gennaio 2018 - Muore la cantante irlandese Dolores O'Riordan (Cranberries)



















Dolores Mary Eileen O'Riordan, nota come Dolores O'Riordan (Ballybricken, 6 settembre 1971 – Londra, 15 gennaio 2018), è stata una cantautrice e musicista irlandese.

È stata la cantante, autrice e chitarrista dei The Cranberries. Dopo aver lasciato, seppur non ufficialmente, la formazione per intraprendere una carriera da solista nel 2003, tornò nel gruppo nel 2009.

Nata a Ballybricken, townland nella Contea di Limerick sita a 11 miglia dal capoluogo, era l'ultima di sette fratelli nati da Terence ed Eileen O'Riordan, che le hanno impartito un'educazione cattolica. Frequentò la Laurel Hill Coláiste FCJ del South Circular Roud di Limerick.

Dolores O'Riordan entrò a far parte dei Cranberries nel 1990 in sostituzione del cantante Niall Quinn, che lascia il gruppo che aveva contribuito a fondare nel 1989 assieme a Noel e Mike Hogan e Fergal Patrick Lawler.

La band pubblicò tre album: Everybody Else Is Doing It, So Why Can't We? (1993), No Need to Argue (1994) (contenente la canzone Zombie, premiata agli MTV Awards come migliore canzone del 1995) e To the Faithful Departed (1996). Il 12 settembre 1995, a Modena, Dolores O'Riordan duettò con Luciano Pavarotti in occasione del Pavarotti & Friends. Nel 1999 uscì il nuovo album, Bury the Hatchet, a cui seguìun tour. Dopo altre due pubblicazioni, Wake Up and Smell the Coffee e il loro Greatest hits Stars - The Best of 1992 - 2002, i componenti della band si separarono, senza molto clamore e senza dichiarare ufficialmente lo scioglimento, nel 2003.

Morì improvvisamente all'età di 46 anni il 15 gennaio 2018. Venne trovata senza vita in un bagno di un hotel di Londra, città in cui si trovava per una breve sessione di registrazione. All'inizio di settembre dello stesso anno, vennero resi pubblici i referti autoptici, i quali attestano che la morte avvenne per annegamento, e che fu un tragico incidente causato dall'assunzione in dosi massicce di alcool. Dopo la scomparsa venne allestita la camera ardente nella chiesa di San Giuseppe a Limerick, dove centinaia di fan e amici della O'Riordan hanno reso omaggio alla cantante.[Nella chiesa della città natale dell'artista, la St Ailbe’s Church, amici e colleghi cantarono in coro "No Need to Argue": tra di loro c'era anche la moglie di Bono Vox, Ali Hewson, insieme ai componenti della band della O'Riordan. In seguito il feretro venne sepolto nel cimitero di Caherelly.

Da solista

2007 – Are You Listening?
2009 – No Baggage

Album in studio con i Cranberries

1993 – Everybody Else Is Doing It, So Why Can't We?
1994 – No Need to Argue
1996 – To the Faithful Departed
1999 – Bury the Hatchet
2001 – Wake Up and Smell the Coffee
2012 – Roses
2017 – Something Else

27 dicembre 2018

28 dicembre 1979 - Nasce l'attrice svedese Noomi Rapace


























Noomi Rapace, nata Noomi Norén (Hudiksvall, 28 dicembre 1979) è un'attrice svedese

Nasce ad Hudiksvall il 28 dicembre del 1979, figlia di Rogelio Durán (10 novembre 1953 – 4 novembre 2006), un cantante spagnolo di Flamenco originario di Badajoz (in Estremadura), e di Nina Norén (1954), un'attrice svedese. Secondo quanto da lei affermato, suo padre poteva essere di origine gitana. La sorella, Særún Norén, è una fotografa. Rapace dice di aver visto suo padre solo occasionalmente prima della sua morte. Cresciuta sino all'età di cinque anni a Järna, si trasferisce a Flúðir, in Islanda, con sua madre ed il patrigno.

A sette anni le viene data una parte muta nel film Í skugga hrafnsins di Hrafn Gunnlaugsson. L'esperienza le fa capire di voler fare l'attrice. Una decina di anni più tardi (1996) debutta in televisione, interpretando Lucinda Gonzales nella serie TV Tre kronor. Nel 1998-1999 studia presso la Skara Skolscen, per essere poi scritturata nel 2000-2001 dal Theater Plaza, nel 2001 dal Orionteatern, nel 2002 dal Teater Galeasen, e nel 2003 dal Stockholms stadsteater e dal Royal Dramatic Theatre. Nel 2001 si è sposata con l'attore svedese Ola Rapace, del quale ha scelto di tenere il cognome a fini artistici anche dopo la separazione, avvenuta nel 2011; i due hanno avuto un figlio nel 2005 di nome Lev.

Nel 2007 ha interpretato un personaggio in Daisy Diamond, film con tematiche omosessuali alquanto esplicite. Nel 2009 interpreta il ruolo di Lisbeth Salander nei film Uomini che odiano le donne, La ragazza che giocava con il fuoco e La regina dei castelli di carta. Alcuni dei piercing che la Rapace ha nella trilogia sono stati fatti per l'occasione. Grazie all'interpretazione in Uomini che odiano le donne, ha ricevuto una candidatura agli European Film Awards come miglior attrice e i prestigiosi BAFTA Awards, gli Oscar britannici, come miglior attrice protagonista.

Nel 2011 il suo debutto in una grande produzione statunitense, nel cast del film Sherlock Holmes - Gioco di ombre. Sempre nel 2011 vince il premio Marc'Aurelio d'Argento come miglior attrice al Festival Internazionale del Film di Roma 2011, per la sua interpretazione nel film Babycall. A novembre del 2012 è comparsa come protagonista nel video del brano Doom and Gloom dei Rolling Stones. Nel 2014 compare nel video del brano eez-eh del gruppo inglese Kasabian. Nel 2017 appare come protagonista nel film Seven Sisters.

Le sue interpretazioni

Sanning eller konsekvens, regia di Christina Olofson (1997)
Capricciosa, regia di Reza Bagher (2003)
Blodsbröder, regia di Daniel Fridell (2005)
Du & jag, regia di Martin Jern e Emil Larsson (2006)
Sökarna - Återkomsten, regia di Thorsten Flinck, Lena Koppel e Liam Norberg (2006)
Daisy Diamond, regia di Simon Staho (2007)
Uomini che odiano le donne, regia di Niels Arden Oplev (2009)
La ragazza che giocava con il fuoco (Flickan som lekte med elden), regia di Daniel Alfredson (2009)
La regina dei castelli di carta (Luftslottet som sprängdes), regia di Daniel Alfredson (2009)
Beyond (Svinalängorna), regia di Pernilla August (2010)
Babycall, regia di Pål Sletaune (2011)
Sherlock Holmes - Gioco di ombre (Sherlock Holmes: A Game of Shadows), regia di Guy Ritchie (2011)
Prometheus, regia di Ridley Scott (2012)
Passion, regia di Brian De Palma (2012)
Dead Man Down - Il sapore della vendetta (Dead Man Down), regia di Niels Arden Oplev (2013)
Chi è senza colpa (The Drop), regia di Michaël R. Roskam (2014)
Child 44 - Il bambino numero 44 (Child 44), regia di Daniel Espinosa (2015)
Rupture, regia Steven Shainberg (2016)
Codice Unlocked (Unlocked), regia di Michael Apted (2017)
Alien: Covenant, regia di Ridley Scott (2017)
Bright, regia di David Ayer (2017)
Seven Sisters (What Happened to Monday), regia di Tommy Wirkola (2017)

22 dicembre 2018

22 dicembre 1928 - Nasce il divulgatore scientifico Piero Angela














Piero Angela (Torino, 22 dicembre 1928) è un divulgatore scientifico, giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano.

Iniziò come cronista radiofonico, poi divenne inviato, e si affermò come conduttore del telegiornale Rai. È noto soprattutto come ideatore e presentatore di trasmissioni di divulgazione in stile anglosassone, con cui ha dato vita a un filone documentaristico della televisione italiana, e per il suo giornalismo scientifico anche espresso in numerose pubblicazioni saggistiche.

I programmi televisivi

Il futuro nello spazio (1968)
Destinazione uomo (1971)
Da zero a tre anni (1971)
Dove va il mondo? (1971)
Nel buio degli anni luce (1971)
Indagine sulla parapsicologia (1978)
Nel cosmo alla ricerca della vita (1980)
Quark (dal 1981), che ha generato un'intera famiglia di trasmissioni:
Quark Speciale (1981)
Quark Estate (1981-1999)
Quark in pillole (1983)
Il mondo di Quark (dal 1984)
Quark Scienza (1984)
Quark Economia (1986)
Quark Italiani (1989, all'interno de Il mondo di Quark)
Quark Europa (1992)
Enciclopedia di Quark (1993)
Serata Quark (1994)
Superquark (dal 1995)
Speciale Superquark (dal 1999 al 2015)
Quark Atlante - Immagini dal pianeta (dal 2014 al 2016)
Superquark musica (2018)
Superquark natura (2018)
Serata Marte (7 luglio 1988)
La macchina meravigliosa (1990)
Serata Oceano (1991)
Il pianeta dei dinosauri (1993)
Viaggio nel cosmo (1998)
Ulisse - Il piacere della scoperta (solo autore, su Rai 3, dal 2000)

5 dicembre 2018

6 dicembre 2017 - Muore il cantante francese Johnny Hallyday
















Johnny Hallyday (nome d'arte di Jean-Philippe Smet; Parigi, 15 giugno 1943 – Marnes-la-Coquette, 6 dicembre 2017) è stato un cantante e attore francese. Considerato tra i maggiori esponenti del rock del suo Paese, ha venduto oltre cento milioni di dischi.

Nasce a Parigi da madre francese e padre belga, Hughette Clerc (1920-2007) e Léon Smet (1908-1989), in una famiglia di artisti, risalente al XVII secolo, che lo porta con sé in tournée per l'Europa. Successivamente i genitori si dividono e viene affidato alla sorella del padre, Hélène Mar (conosciuta col nome d'arte Eleen Dosset) cantante ed ex attrice del cinema muto.

Nel 1956 vuole intraprendere la carriera di cantante, quindi decide d'adottare il nome d'arte dei cugini Hallyday, accoppiandolo a Johnny (versione inglese di Jean).

Negli anni successivi Johnny si avvicina professionalmente al nuovo rock'n'roll proveniente dagli USA e la sua apparizione nella trasmissione radio "Paris-Cocktail" del dicembre 1959 è il primo passo per diventare uno dei primi rocker francesi di grande successo.

Nel marzo 1960 Hallyday pubblica il suo primo disco Hello Johnny.

In più di 50 anni di attivissima e instancabile carriera è un'icona del rock mondiale; è stato anche uno degli scopritori di Jimi Hendrix. Il suo repertorio spazia dal rock al blues. Ha cantato diverse volte in italiano; il suo successo maggiore in Italia è Quanto t'amo (Que je t'aime); ha anche tradotto in francese alcuni brani di Adriano Celentano fra cui 24 000 baci (24 000 baisers).

Molti suoi concerti sono indimenticabili, come quello ai piedi della Torre Eiffel o quello assieme ai Rolling Stones. Ha duettato anche con il collega e amico Zucchero (nella cover di Blue Suede Shoes e in Mama) e con molte cantanti donne, come Lara Fabian (Requiem pour un fou), Isabelle Boulay (Tout au bout de nos peines), Chimene Badi, Maurane, Céline Dion (L'envie, Blueberry Hill, L'hymne à l'amour), Laura Pausini (La loi du silence - Parole e silenzio, Come il sole all'improvviso).

Nel 2007 ha sostenuto, insieme ad altri musicisti, la candidatura di Nicolas Sarkozy alla Presidenza della repubblica.

I suoi dischi

De l'amour (2015)
Rester vivant (2014)
L'Attente (2012)
Jamais Seul (2011)
Ca Ne Finira Jamais (2008)
Le Coeur d'un Homme (2007)
In Italiano (2007)
B.O Jean-Philippe (2006)
Ma vérité (2005)
Coffret intégrale live 2003
À la vie, à la mort (2002)
B.O Love me (2000)
Sang pour sang (1999)
Ce que je sais (1998)
Destination Vegas (1996)
Lorada (1995)
Rough Town (1994)
Coffret guitare - 40 compacts disc en 1993
Ça ne change pas un homme (1991)
Cadillac (1989)
Gang (1986)
Rock 'n' Roll Attitude (1985)
En V.O. (1984)
Nashville 84 (1984)
Entre violence et violon (1983)
La peur (1982)
Quelque part un aigle (1982)
Pas facile (1981)
En pièces détachées (1981)
À partir de Maintenant (1980)
Hollywood (1979)
Solitudes à deux (1978)
C'est la vie (1977)
Hamlet (1976)
Derrière l'amour (1976)
La terre promise (1975)
Rock à Memphis (1975)
Rock'n'Slow (1974)
Je t'aime, je t'aime, je t'aime (1974)
Insolitudes (1973)
Country, Folk, Rock (1972)
Flagrant délit (1971)
Vie (1970)
Que je t'aime (Palais des sports 69) (1969)
Rivière... ouvre ton lit (1969)
Rêve et amour (1968)
Jeune homme (1968)
Johnny 67 (1967)
La génération perdue (1966)
Johnny chante Hallyday (1965)
Hallelujah (1965)
Le pénitencier (album 25 cm) (1964)
Les rocks les plus terribles (1964)
Bonne chance (album 25 cm) (1964)
D'où viens-tu Johnny (album 25 cm) (1963)
Da dou ron ron (album 25 cm) (1963)
Les bras en croix (1963)
L'idole des jeunes (album 25 cm) (1963)
Madison twist (album 25 cm) (1962)
Sings America's rockin'hits (1962)
Retiens la nuit (album 25 cm) (1962)
Salut les copains (1961)
Viens danser le twist (album 25 cm) (1961)
Tête à tête avec Johnny Hallyday (album 25 cm) (1961)
Johnny et ses fans au festival de Rock'n'Roll (1961)
Nous les gars, nous les filles (album 25 cm) (1961)
Hello Johnny (album 25 cm) (1960)

26 novembre 2018

26 novembre 2018 - Muore il regista Bernardo Bertolucci


















Bernardo Bertolucci (Parma, 16 marzo 1941 - Roma, 26 novembre 2018) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Inizialmente sembra seguire la strada paterna, interessandosi di poesia e iscrivendosi alla Facoltà di Letteratura Moderna dell'Università La Sapienza di Roma, ma ben presto abbandona gli studi per il cinema facendo da assistente a Pier Paolo Pasolini, suo vicino di casa, ai primi passi come sceneggiatore nel mondo della settima arte. Con una camera a passo ridotto Bertolucci gira due cortometraggi amatoriali nel biennio 1956-1957, La teleferica e La morte del maiale.
Proprio grazie a Pasolini e all'interessamento del produttore Cino Del Duca, Bertolucci lavora come assistente nel primo film diretto dal letterato friulano, Accattone (1961). Su quel set incontra l'attrice Adriana Asti, che sarà poi sua compagna per diversi anni. L'anno seguente, con Tonino Cervi come produttore, realizza il suo primo lungometraggio, La commare secca, di cui inizialmente avrebbe dovuto essere anche il regista, su soggetto e sceneggiatura di Pier Paolo Pasolini.

Negli anni ottanta Bertolucci gira soprattutto all'estero kolossal di straordinaria potenza visiva. Nel 1987 dirige in Cina L'ultimo imperatore, un grande successo internazionale che si aggiudica ben nove premi Oscar, tra cui quelli per il miglior film e la migliore regia; diventa così il primo e unico regista italiano a vincere il premio di categoria. Nel 1990 gira in Marocco il film Il tè nel deserto (1990), tratto da un romanzo di Paul Bowles, mentre nel 1993 è la volta del Piccolo Buddha con Keanu Reeves, ambientato in Nepal e negli Stati Uniti.

Le pellicole che ha diretto

La teleferica (1956) - cortometraggio
La morte del maiale (1957) - cortometraggio
La commare secca (1962)
Prima della rivoluzione (1964)
La via del petrolio (1965) - film inchiesta per la televisione
Il canale (1966) - documentario
Partner (1968)
Amore e rabbia (1969) - episodio Agonia
Il conformista (1970)
Strategia del ragno (1970)
La salute è malata (1971) - documentario
12 dicembre (1971) - documentario
Ultimo tango a Parigi (1972)
Novecento (1976)
La luna (1979)
La tragedia di un uomo ridicolo (1981)
L'addio a Enrico Berlinguer (1984) - documentario
L'ultimo imperatore (The Last Emperor) (1987)
12 registi per 12 città (1989) - episodio Bologna
Il tè nel deserto (The Sheltering Sky) (1990)
Piccolo Buddha (Little Buddha) (1993)
Io ballo da sola (Stealing Beauty) (1996)
L'assedio (Besieged) (1998)
Ten Minutes Older: The Cello (2002) - episodio Histoire d'eaux
The Dreamers - I sognatori (The Dreamers) (2003)
Io e te (2012)

17 novembre 2018

17 novembre 1950 - Nasce l'attore-regista Carlo Verdone















Carlo Gregorio Verdone (Roma, 17 novembre 1950) è un regista, attore, sceneggiatore e comico italiano

È figlio del critico cinematografico Mario Verdone, il quale, sin da bambino, lo avvicinò al mondo del cinema, e di Rossana Schiavina. Il nonno paterno Oreste era un chimico originario di Pozzuoli, mentre la nonna paterna, Assunta Casini, era senese. Mario Verdone fu battezzato e cresciuto da quest'ultima a Siena, più precisamente nella contrada della Selva, e conservò l'orgoglio ed un marcato accento senese per tutta la vita.

Dopo essersi diplomato al Liceo Classico "Nazareno", si è laureato con 110/110 e lode in Lettere Moderne presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" con una tesi intitolata Letteratura e cinema muto italiano. Per visionare le pellicole oggetto della tesi si recò, in compagnia del padre, a Grado dove ebbe modo di assistere alle proiezioni in presenza della diva del cinema muto Francesca Bertini. Relatrice della tesi fu la prof. Evelina Tarroni. Prima della laurea, Carlo Verdone si diploma anche in regia al Centro sperimentale di cinematografia di Roma.

Film da attore

La luna, regia di Bernardo Bertolucci (1979)
Un sacco bello, regia di Carlo Verdone (1980)
Bianco, rosso e Verdone, regia di Carlo Verdone (1981)
Borotalco, regia di Carlo Verdone (1982)
Grand Hotel Excelsior, regia di Castellano e Pipolo (1982)
In viaggio con papà, regia di Alberto Sordi (1982)
Acqua e sapone, regia di Carlo Verdone (1983)
Cuori nella tormenta, regia di Enrico Oldoini (1984)
I due carabinieri, regia di Carlo Verdone (1984)
Troppo forte, regia di Carlo Verdone (1986)
7 chili in 7 giorni, regia di Luca Verdone (1986)
Io e mia sorella, regia di Carlo Verdone (1987)
Compagni di scuola, regia di Carlo Verdone (1988)
Il bambino e il poliziotto, regia di Carlo Verdone (1989)
Stasera a casa di Alice, regia di Carlo Verdone (1990)
Maledetto il giorno che t'ho incontrato, regia di Carlo Verdone (1992)
Al lupo al lupo, regia di Carlo Verdone (1992)
Perdiamoci di vista, regia di Carlo Verdone (1994)
Viaggi di nozze, regia di Carlo Verdone (1995)
Sono pazzo di Iris Blond, regia di Carlo Verdone (1996)
Gallo cedrone, regia di Carlo Verdone (1998)
C'era un cinese in coma, regia di Carlo Verdone (2000)
Zora la vampira, regia dei Manetti Bros. (2000)
Ma che colpa abbiamo noi, regia di Carlo Verdone (2003)
L'amore è eterno finché dura, regia di Carlo Verdone (2004)
Manuale d'amore, regia di Giovanni Veronesi (2005)
Il mio miglior nemico, regia di Carlo Verdone (2006)
Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi, regia di Giovanni Veronesi (2007)
Grande, grosso e... Verdone, regia di Carlo Verdone (2008)
Italians, regia di Giovanni Veronesi (2009)
Io, loro e Lara, regia di Carlo Verdone (2010)
Manuale d'amore 3, regia di Giovanni Veronesi (2011)
Posti in piedi in paradiso, regia di Carlo Verdone (2012)
La grande bellezza, regia di Paolo Sorrentino (2013)
Sotto una buona stella, regia di Carlo Verdone (2014)
L'abbiamo fatta grossa, regia di Carlo Verdone (2016)
Benedetta follia, regia di Carlo Verdone (2018)

Regista e sceneggiatore

Un sacco bello (1980)
Bianco, rosso e Verdone (1981)
Borotalco (1982)
Acqua e sapone (1983)
I due carabinieri (1984)
Troppo forte (1986)
Io e mia sorella (1987)
Compagni di scuola (1988)
Il bambino e il poliziotto (1989)
Stasera a casa di Alice (1990)
Maledetto il giorno che t'ho incontrato (1992)
Al lupo al lupo (1992)
Perdiamoci di vista (1994)
Viaggi di nozze (1995)
Sono pazzo di Iris Blond (1996)
Gallo cedrone (1998)
C'era un cinese in coma (2000)
Ma che colpa abbiamo noi (2003)
L'amore è eterno finché dura (2004)
Il mio miglior nemico (2006)
Grande, grosso e... Verdone (2008)
Io, loro e Lara (2010)
Posti in piedi in paradiso (2012)
Sotto una buona stella (2014)
L'abbiamo fatta grossa (2016)
Benedetta follia (2018)

15 novembre 2018

15 novenbre 1960 - La prima trasmissione televisiva "Non è mai troppo tardi" del maestro Manzi












Alberto Manzi (Roma, 3 novembre 1924 – Pitigliano, 4 dicembre 1997)

Non è mai troppo tardi. Corso di istruzione popolare per il recupero dell'adulto analfabeta era un programma televisivo curato da Oreste Gasperini, Alberto Manzi e Carlo Piantoni, che nella sua più conosciuta edizione, dal 1960 al 1968, la RAI ha mandato in onda dal lunedì al venerdì, prima sul Programma Nazionale e poi sul Secondo Programma. La trasmissione era organizzata con il sostegno del Ministero della pubblica istruzione.

Il programma era condotto dal maestro e pedagogo Alberto Manzi e aveva il fine di insegnare a leggere e a scrivere agli italiani che non ne erano ancora in grado pur avendo superato l'età scolare. Si trattava di autentiche lezioni, tenute da Manzi a classi formate da adulti analfabeti, nelle quali venivano utilizzate le tecniche di insegnamento moderne, oggi potremmo dire "multimediali", giacché si servivano di filmati, supporti audio, dimostrazioni pratiche, nonché della mano del maestro Manzi che, con rapidi tratti di carboncino, disegnava schizzi e bozzetti su una lavagna a grandi fogli.

La trasmissione ebbe inizio il 15 novembre 1960 e venne mandata in onda nella fascia preserale, anche per permettere a chi lavorava di potervi assistere. Furono realizzate 484 puntate fino al 10 maggio 1968, anno in cui poté essere sospesa grazie all'aumento della frequenza alla scuola dell'obbligo.

Alcuni anni prima, nel 1958, era già stato creato un progetto pilota, che sarebbe durato sino al 1966, intitolato Telescuola, programma a carattere «sostitutivo», cioè diretto a consentire il completamento del ciclo di istruzione obbligatoria ai ragazzi residenti in località prive di scuole secondarie. Un progetto fortemente innovativo, con 4 milioni di ascolto giornalieri, che vide Enrico Accatino innovare la didattica dell'Educazione Artistica, promuovendo la docenza della storia dell'arte e dell'educazione all'immagine nella scuola dell'obbligo.

12 novembre 2018

13 novembre 1969 - Nasce l'attore britannico Gerard Butler























Gerard James Butler (Paisley, 13 novembre 1969) è un attore e produttore cinematografico britannico

Nato nel 1969 a Paisley, capoluogo del distretto scozzese del Renfrewshire, Gerard Butler è il più giovane di tre figli di Margaret e Edward Butler. Trascorse i primi anni della sua vita in Canada dove la famiglia si era trasferita per poi tornare in Scozia. Da sempre appassionato di cinema, esordì al Kings Theatre di Glasgow a 12 anni con Oliver. Nonostante la passione e le capacità dimostrate sin da piccolo, fu dissuaso dall'intraprendere la carriera di attore e studiò giurisprudenza all'Università di Glasgow.

Si trasferisce a Londra dove, dopo un incontro casuale con l'attore e regista Steven Berkoff, si reca a un'audizione e ottiene una parte in Coriolano al Mermaid Theatre. Nel 1996 dopo un'altra audizione ottiene una parte nella versione teatrale di Trainspotting. L'esordio cinematografico arriva nel 1997 con La mia regina (Mrs. Brown) di John Madden. È un grande successo che spiana la strada alla carriera di Butler. Nel 2001 riceve lo Spirit of Scotland Award per il cinema e nel 2002 è sul set di Tomb Raider: La culla della vita al fianco di Angelina Jolie.

Nel 2004 è il protagonista, insieme con Emmy Rossum, Miranda Richardson e Patrick Wilson, nel film Il fantasma dell'Opera di Joel Schumacher, con le musiche di Andrew Lloyd Webber. Nel 2007 interpreta l'eroico re spartano Leonida nella trasposizione cinematografica di 300, il graphic novel di Frank Miller. Nello stesso anno viene pubblicato il film romantico P.S. I Love You, interpretato con Hilary Swank.

Le sue interpretazioni

La mia regina (Mrs. Brown), regia di John Madden (1997)
Il domani non muore mai (Tomorrow Never Dies), regia di Roger Spottiswoode (1997)
Fast Food, regia di Stewart Sugg (1998)
Talos - L'ombra del faraone (Tale of the Mummy), regia di Russell Mulcahy (1998)
One More Kiss, regia di Vadim Jean (1999)
The Cherry Orchard, regia di Mihalis Kakogiannis (1999)
Harrison's Flowers, regia di Elie Chouraqui (2000)
Dracula's Legacy - Il fascino del male (Dracula 2000), regia di Patrick Lussier (2000)
Shooters, regia di Colin Teague e Glenn Durfort (2002)
Il regno del fuoco (Reign of Fire), regia di Rob Bowman (2002)
Tomb Raider - La culla della vita (Lara Croft Tomb Raider: The Cradle of Life), regia di Jan de Bont (2003)
Timeline - Ai confini del tempo (Timeline), regia di Richard Donner (2003)
Dear Frankie, regia di Shona Auerbach (2004)
Il fantasma dell'Opera (The Phantom of the Opera), regia di Joel Schumacher (2004)
In campo per la vittoria (The Game of Their Lives), regia di David Anspaugh (2005)
Trailer for a Remake of Gore Vidal's Caligula, regia di Francesco Vezzoli (2005)
Beowulf & Grendel, regia di Sturla Gunnarsson (2005)
300, regia di Zack Snyder (2007)
Shattered - Gioco mortale (Butterfly on a Wheel), regia di Mike Barker (2007)
P.S. I Love You, regia di Richard LaGravenese (2007)
Alla ricerca dell'isola di Nim (Nim's Island), regia di Jennifer Flackett e Mark Levin (2008)
RocknRolla, regia di Guy Ritchie (2008)
La dura verità (The Ugly Truth), regia di Robert Luketic (2009)
Il cacciatore di ex (The Bounty Hunter), regia di Andy Tennant (2009)
Gamer, regia di Mark Neveldine e Brian Taylor (2009)
Giustizia privata (Law Abiding Citizen), regia di F. Gary Gray (2010)
Coriolanus, regia di Ralph Fiennes (2011)
Machine Gun Preacher, diretto da Marc Forster (2011)
Chasing Mavericks, regia di Curtis Hanson e Michael Apted (2012)
Quello che so sull'amore (Playing for Keeps), regia di Gabriele Muccino (2012)
Comic Movie (Movie 43), registi vari (2013)
Attacco al potere - Olympus Has Fallen (Olympus Has Fallen), regia di Antoine Fuqua (2013)
Attacco al potere 2 (London Has Fallen), regia di Babak Najafi (2016)
Gods of Egypt, regia di Alex Proyas (2016)
Quando un padre (A Family Man), regia di Mark Williams (2016)
Geostorm, regia di Dean Devlin (2017)
Nella tana dei lupi (Den of Thieves), regia di Christian Gudegast (2018)
Hunter Killer - Caccia negli abissi (Hunter Killer), regia di Donovan Marsh (2018)

31 ottobre 2018

1 novembre 2016 - Muore la politica e partigiana Tina Anselmi


















Tina Anselmi (Castelfranco Veneto, 25 marzo 1927 – Castelfranco Veneto, 1º novembre 2016) è stata una politica e partigiana italiana. È stata la prima donna ad aver ricoperto la carica di ministro della Repubblica Italiana.

Tina Anselmi nacque a Castelfranco Veneto il 25 marzo 1927 in una famiglia cattolica: il padre era un aiuto farmacista di idee socialiste e fu per questo perseguitato dai fascisti; la madre gestiva un'osteria assieme alla nonna.

Frequentò il ginnasio nella città natale, quindi l'istituto magistrale a Bassano del Grappa. È qui che il 26 settembre 1944 i nazifascisti costrinsero lei e altri studenti ad assistere all'impiccagione di trentuno prigionieri per rappresaglia: decide così di prender parte attivamente alla Resistenza. Con il nome di battaglia di "Gabriella" divenne staffetta della brigata Cesare Battisti al comando di Gino Sartor, quindi passò al Comando regionale veneto del Corpo volontari della libertà. Frattanto, nel dicembre dello stesso 1944, si iscrisse alla Democrazia Cristiana e partecipò attivamente alla vita del partito.

Dopo la seconda guerra mondiale si laureò in lettere all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, divenendo poi insegnante elementare.

28 ottobre 2018

29 ottobre 1863 - Nasce il comitato predecessore della Croce Rossa


















Nel 1863 Jean Henry Dunant, insieme ad altri quattro cittadini svizzeri (il giurista Gustave Moynier, il generale Guillaume-Henri Dufour e i medici Louis Appia e Theodore Maunoir) crea il Comitato ginevrino di soccorso dei militari feriti comunemente chiamato Comitato dei cinque, predecessore del Comitato Internazionale della Croce Rossa. Il motivo che spinse Dunant a fondare il Comitato fu la terribile carneficina e la disorganizzazione con cui furono portati i soccorsi durante la battaglia di Solferino e San Martino (24 giugno 1859).

Il Comitato dei cinque promuove le idee di Henry Dunant proposte nel libro Un ricordo di Solferino ed il 26 ottobre 1863 organizza, a Ginevra, una Conferenza Internazionale con l'adesione di 18 rappresentanti di 14 Paesi che firmeranno, il 29 ottobre dello stesso anno, la Prima Carta Fondamentale contenente dieci risoluzioni che definiscono le funzioni ed i mezzi dei Comitati di soccorso.

Nasce così il Movimento Internazionale della Croce Rossa.

L'organizzazione è stata insignita del Premio Nobel per la pace in tre diverse occasioni: nel 1917, nel 1944 e nel 1963.



23 ottobre 2018

24 ottobre 2017 - Muore il pianista-cantautore statunitense Fats Domino



















Fats Domino, all'anagrafe Antoine Dominique Domino (New Orleans, 26 febbraio 1928 – Harvey, 24 ottobre 2017)

E' stato un cantautore e pianista statunitense, pioniere dell'R&B e del rock and roll. È stato il cantante afro-americano che ha avuto il maggiore successo durante tutti gli anni cinquanta e nei primi anni sessanta. Il fascino del suo pianoforte è dovuto al suo stile vagamente blues ed influenzato dal boogie woogie, dal taglio pervaso di classe e dominata da un caratteristico quanto inimitabile stile vocale.

"Fats" Domino nasce in una famiglia dedita alla musica (suo padre era un apprezzato violinista) ed impara presto a suonare. A 14 anni, lascia la scuola per poter suonare in qualche locale notturno. È proprio in un locale che conosce il produttore Dave Bartholomew, con cui scriverà nel 1949 il suo primo pezzo di successo, "The Fat Man", considerato uno dei primi pezzi rock and roll.

Domino ottenne grande visibilità in America con "The Fat Man" (1949, Imperial Records), secondo alcuni il primo vero disco di rock and roll, con un pianoforte ritmato e gli ormai classici vocalizzi di Domino. Il disco, un rifacimento di "Junker's Blues" di Champion Jack Dupree, fu un successo eccezionale, vendette più di un milione di copie raggiungendo il #2 della Billboard R&B Charts ed è entrato nella Grammy Hall of Fame Award 2016. Fino ad oggi Domino ha venduto oltre 110 milioni di dischi, anche se la cosa non è confermata dalla RIAA (Associazione discografica americana). Domino registrò poi una serie di successi con il produttore e coautore Dave Bartholomew, il sassofonista Alvin "Red" Tyler ed il batterista Earl Palmer. Altri musicisti degni di nota nella band di Domino erano: il sassofonista Reggie Houston, Lee Allen, e Fred Kemp che era anche il fidato capoband di Domino. Domino giunse infine nel mainstream pop con "Ain't That a Shame" (1955) che scalò la Top Ten, anche se a raggiungere il #1 fu la cover "bianca" di Pat Boone. Domino fece uscire una serie senza precedenti di 35 singoli che entrarono tutti in Top 40, tra cui "Whole Lotta Loving", "Blue Monday" ed una versione funky della vecchia ballata "Blueberry Hill".

Discografia

1953 Nobody Loves Me R&B #8
1953 Going To The River R&B #1(1)
1953 Please Don't Leave Me R&B #3
1953 Rosemary R&B #6
1953 Don't Leave Me This Way R&B #19
1953 Something's Wrong R&B #6
1954 You Done Me Wrong R&B #10
1954 Baby Please R&B #15
1954 You Can Pack Your Suitcase R&B #13
1954 I Lived My Life R&B #13
1954 Love Me R&B #17
1954 Thinking Of You R&B #14
1955 Don't You Know R&B #7
1955 Ain't That A Shame R&B #1(11)
1955 All By Myself R&B #1(3)
1955 Poor Me R&B #1(1)
1955 I Can't Go On (Rosalie) R&B #3
1956 Bo Weevil R&B #5
1956 Don't Blame It On Me R&B #9
1956 I'm In Love Again R&B #1(9)
1956 My Blue Heaven R&B #5
1956 When My Dreamboat Comes Home R&B #2(1)
1956 So Long R&B #5
1956 Blueberry Hill R&B #1(11)
1956 Honey Chile R&B #2(1)
1956 Blue Monday R&B #1(8)
1957 What's The Reason I'm Not Pleasing You? R&B #10
1957 I'm Walkin' R&B #1(6)
1957 Rooster Song (EP) R&B #13
1957 Valley Of Tears R&B #2(3)
1957 It's You I Love R&B #3
1957 What Will I Tell My Heart? R&B #12
1957 When I See You (with Ann Cole) R&B #14
1957 Wait And See R&B #7
1957 The Big Beat R&B #15
1957 I Want You To Know R&B #15
1958 Yes, My Darling R&B #10
1958 Don't you Know I Love You R&B #16
1958 Sick And Tired R&B #13
1958 No No R&B #20
1958 Little Mary R&B #4
1958 Young School Girl R&B #15
1958 Whole Lotta Loving R&B #2(1)
1959 When The Saints Go Marching In R&B #15
1959 Telling Lies R&B #13
1959 I'm Ready R&B #7
1959 Margie R&B #15
1959 I Want To Walk You Home R&B #1(1)
1959 I'm Gonna Be A Wheel Someday R&B #13
1959 Be My Guest R&B #2(1)
1959 I've Been Around R&B #19
1960 Country Boy R&B #7
1960 Tell Me That You Love Me R&B #18
1960 Walking To New Orleans R&B #2(1)
1960 Put Your Arms Around Me Honey R&B #18
1960 Three Nights A Week R&B #8
1960 My Girl Josephine R&B #4
1961 What A Price R&B #4
1961 Ain't That Just Like A Woman R&B #11
1961 Shu Rah R&B #14
1961 It Keeps Rainin' R&B #11
1961 Let The Four Winds Blow R&B #2(1)
1961 What A Party R&B #13
1961 Jambalaya R&B #7
1961 I Hear You Knocking R&B #15
1962 You Win Again R&B #15
1963 Red Sails In The Sunset R&B #13

11 ottobre 2018

12 ottobre 1931 - Viene inaugurato il Cristo Redentore a Rio de Janeiro



















Inaugurato il Cristo Redentore di Rio: Una delle sette meraviglie del mondo, simbolo della città di Rio de Janeiro e del Brasile. È la statua del Cristo Redentore, inaugurata il 12 ottobre del 1931 dall'allora presidente della nazione carioca, Getulio Vargas.

Alta 38 metri, domina dal monte Corcovado lo splendido panorama della baia di Rio. L'opera, voluta già intorno al 1850, fu proposta dall'arcidiocesi di Rio nel 1921 e inizialmente si pensò a una figura diversa, e cioè ad un Cristo che raccogliesse nelle mani un globo, posto su un basamento che rappresentasse il mondo.

Alla fine si optò per la versione con le braccia aperte, a simboleggiare una sorta di benvenuto universale, valido sia sul piano religioso che turistico. Visitarla fino a pochi anni fa significava salire 222 gradini, che la dividono dalla stazione della linea ferroviaria. Nel 2002 si è provveduto a costruire otto scale mobili e tre elevatori panoramici.

È stata più volte danneggiata da temporali. Il caso più recente risale al gennaio del 2014, quando un fulmine ha provocato il distacco di un dito della mano destra.

1 ottobre 2018

2 ottobre 2017 - Muore il cantautore statunitense Tom Petty

























Thomas Earl Petty (Gainesville, 20 ottobre 1950 – Santa Monica, 2 ottobre 2017)

E' stato un chitarrista, cantante e compositore statunitense noto per essere stato il frontman dei gruppi Mudcrutch e Tom Petty and the Heartbreakers, nonché membro fondatore del supergruppo Traveling Wilburys.

L'11 luglio 2018 viene annunciata, tramite il sito web ufficiale di Petty, la pubblicazione di un nuovo box set intitolato An American Treasure. La raccolta, che uscirà il 28 settembre 2018, contiene 60 tracce selezionate personalemnte dalla figlia di Petty Adria, e dalla moglie Dana, insieme agli Heartbreakers Mike Campbell e Benmont Tench. L'opera vuole ripercorrere l'intera carriera dell'artista attraverso una collezione di materiali d'archivio che includono registrazioni di performance live, versioni alternative dei maggiori successi di Petty e nuovi brani ancora inediti. Lo stesso giorno, per anticipare l'uscita del nuovo album, viene pubblicato il singolo Keep A Little Soul, risalente alle sessioni dell'album Long After Dark e mai rilasciato in precedenza. Il videoclip del brano mostra immagini d'archivio inedite che ripercorrono la vita e la carriera di Tom Petty.

Discografia

1989 Full Moon Fever
1994 Wildflowers
2006 Highway Companion

Con i Traveling Wilburys


1988 Traveling Wilburys Vol. 1
1990 Traveling Wilburys Vol. 3
2007 The Traveling Wilburys Collection

Con i Mudcrutch

USA UK
2008 Mudcrutch
2016 Mudcrutch 2

24 settembre 2018

25 settembre 1968 - Nasce l'attore statunitense Will Smith















Willard Carroll "Will" Smith, Jr. (Filadelfia, 25 settembre 1968) è un attore, rapper e produttore cinematografico statunitense.

Nell'aprile del 2007 la rivista Newsweek lo ha definito "il più potente attore di Hollywood". Smith ha ricevuto cinque nomination ai Golden Globe e due al Premio Oscar; ha inoltre vinto quattro Grammy Award.

Ha raggiunto fama mondiale negli anni novanta dopo aver recitato nella serie televisiva Willy, il principe di Bel-Air (1990-1996) e in numerosi film tra cui Bad Boys (1995), Independence Day (1996) e nella saga di Men in Black (1997, 2002 e 2012). Ha ricevuto due nomination all'Oscar per il miglior attore per la sua interpretazione del pugile Muhammad Ali in Alì (2001) e per il ruolo di Chris Gardner ne La ricerca della felicità (2006). Nel 2016 interpreta Deadshot nel film del DC Extended Universe Suicide Squad.

È il secondo di quattro figli di Caroline Bright e Willard Carroll Smith, Sr. È cresciuto nella middle class di West Filadelfia, nel quartiere di Germantown. I suoi genitori si sono separati quando lui aveva 13 anni.[senza fonte] Affacciandosi sulla scena musicale, conobbe a un party Jeff Townes, con il quale iniziò la sua collaborazione artistica; presero il nome di DJ Jazzy Jeff & the Fresh Prince. Quando il duo riuscì a guadagnare popolarità, Smith spese molto denaro comprando una casa, macchine e gioielli.

Stava cercando nuove strade quando, nel 1989, incontrò Benny Medina, che aveva un'idea originale su una sit-com basata sulla sua vita a Bel Air. Smith amò subito l'idea, e ci credette pure la NBC, che iniziò la produzione di Willy, il principe di Bel-Air (The Fresh Prince of Bel-Air). La trama era semplice: Will interpretava fondamentalmente se stesso, un ragazzo di strada di Filadelfia trapiantato a Bel Air. La serie ebbe un successo clamoroso, negli Stati Uniti e all'estero, e andò avanti per ben sei anni.

Durante questo periodo prese parte a un film, grazie al quale la critica cinematografica ebbe occasione di notarlo: 6 gradi di separazione (1993). Il 4 giugno del 1994 conduce la terza edizione degli MTV Movie Awards. Grazie anche al successo raggiunto dal film d'azione Bad Boys (1995), la carriera cinematografica di Will prendeva ormai il sopravvento su quella televisiva e su quella musicale. Ebbe una grossa spinta grazie al blockbuster Independence Day (1996), dove impersonava il capitano dei Marines Steven Hiller e aveva il compito di combattere gli alieni. In seguito film come Men in Black (sempre sul tema degli extraterrestri) e Nemico pubblico contribuirono a incrementarne la popolarità a livello internazionale.

La definitiva consacrazione alla carriera d'attore arrivò con l'interpretazione di Muhammad Ali nel film Alì del 2001, che gli valse una candidatura agli Oscar come miglior attore protagonista. Più tardi vennero prodotti i sequel Bad Boys II e Men in Black II nei quali, nonostante fosse in coppia con altri attori (rispettivamente Martin Lawrence e Tommy Lee Jones), Will recitò un ruolo più da protagonista unico: era un evidente segno dell'attenzione che gli veniva riservata dal mondo cinematografico. Nel 2004 comparve come protagonista nel film Io, robot. Dopo tutti questi successi Will Smith fondò una propria compagnia di produzione cinematografica, la Overbrook Entertainment, attraverso la quale realizzò i film Hitch - Lui sì che capisce le donne e La ricerca della felicità. Grazie alla sua performance in quest'ultimo film, diretto dal regista italiano Gabriele Muccino, Will ricevette la seconda nomination all'Oscar come miglior attore protagonista.

Nel 2007 la prestigiosa rivista statunitense Newsweek lo incorona come uno degli attori più potenti al mondo, grazie al suo successo ai botteghini e alla sua capacità di interpretare ogni genere di ruolo e di sfondare all'estero, oltre che in patria. Al 2007 i suoi film hanno incassato oltre 4,4 miliardi di dollari.Malgrado questo nel 1999 gli è stato attribuito il Razzie Awards come membro della peggior coppia cinematografica con Kevin Kline per Wild Wild West, e il Razzie Awards alla peggior canzone originale per il singolo Wild Wild West.

Alla fine del 2007 negli USA esce ai botteghini Io sono leggenda diretto da Francis Lawrence, tratto dal romanzo omonimo di Richard Matheson (in Italia è uscito la prima settimana del 2008). A settembre 2008 arriva un altro successo col film Hancock. Nel gennaio 2009 viene distribuito nella sale italiane il film Sette anime dove Smith è nuovamente diretto da Gabriele Muccino. Nel 2012 riprende il ruolo dell'Agente J nel film Men in Black 3. Nel 2013 nelle sale italiane viene distribuito il film After Earth, in cui Smith recita insieme al figlio Jaden Smith. Nel 2015 è protagonista del film Focus - Niente è come sembra, nella promozione del quale è ospite - insieme all'attrice Margot Robbie - durante l'ultima serata del Festival di Sanremo. Nel 2016 interpreta il protagonista villain Deadshot nel film Suicide Squad del DC Extended Universe.

Nel 2017 figura nelle vesti di protagonista nel film Collateral Beauty.Nel mese di maggio farà parte della giuria della 70ª edizione del Festival di Cannes, presieduta dal regista spagnolo Pedro Almodóvar.

Le sue interpretazioni

I dannati di Hollywood (Where the Day Takes You), regia di Marc Rocco (1992)
Made in America, regia di Richard Benjamin (1993)
6 gradi di separazione (Six Degrees of Separation), regia di Fred Schepisi (1993)
Bad Boys, regia di Michael Bay (1995)
Independence Day, regia di Roland Emmerich (1996)
Men in Black, regia di Barry Sonnenfeld (1997)
Nemico pubblico (Enemy of the State), regia di Tony Scott (1998)
Wild Wild West, regia di Barry Sonnenfeld (1999)
La leggenda di Bagger Vance (Bagger Vance), regia di Robert Redford (2000)
Alì, regia di Michael Mann (2001)
Men in Black II, regia di Barry Sonnenfeld (2002)
Bad Boys II, regia di Michael Bay (2003)
Io, Robot (I, Robot), regia di Alex Proyas (2004)
Shark Tale, regia di Bibo Bergeron e Vicky Jenson (2004) - voce
Jersey Girl, regia di Kevin Smith (2004) - cameo
Hitch - Lui sì che capisce le donne (Hitch), regia di Andy Tennant (2005)
La ricerca della felicità (The Pursuit of Happyness), regia di Gabriele Muccino (2006)
Io sono leggenda (I Am Legend), regia di Francis Lawrence (2007)
Hancock, regia di Peter Berg (2008)
Sette anime (Seven Pounds), regia di Gabriele Muccino (2008)
Men in Black 3, regia di Barry Sonnenfeld (2012)
After Earth, regia di M. Night Shyamalan (2013)
Anchorman 2 - Fotti la notizia (Anchorman 2: The Legend Continues), regia di Adam McKay (2013) - cameo
Storia d'inverno (Winter's Tale), regia di Akiva Goldsman (2014) - cameo
Focus - Niente è come sembra (Focus), regia di Glenn Ficarra e John Requa (2015)
Zona d'ombra (Concussion), regia di Peter Landesman (2015)
Suicide Squad, regia di David Ayer (2016)
Collateral Beauty, regia di David Frankel (2016)
Bright, regia di David Ayer (2017)


20 settembre 2018

21 settembre 2017 - Muore l'imprenditrice francese Liliane Bettencourt

















Liliane Bettencourt (Parigi, 21 ottobre 1922 – Parigi, 21 settembre 2017) è stata un'imprenditrice francese.

È stata la persona più ricca di Francia, la donna più ricca del mondo, la seconda più ricca d'Europa[2] e la decima persona più ricca del mondo (considerando il patrimonio della famiglia)[3], è stata inoltre la seconda donna più potente del mondo dopo Alice Walton e una delle più influenti.

Nel 2015 la rivista Forbes ha stimato il patrimonio della sua famiglia in 40,1 miliardi di dollari.

Liliane era l'unica figlia di Eugène Schueller, il fondatore della multinazionale della cosmesi L'Oréal, una delle più grandi aziende del mondo nel settore dei prodotti di bellezza. A soli 5 anni (nel 1927) perse la madre.

Nel 1950 si sposò con il politico francese André Bettencourt e stabilì la sua residenza a Neuilly-sur-Seine, in Francia. La coppia ha avuto una figlia, Françoise, che ha sposato Jean-Pierre Meyers. Françoise Bettencourt Meyers è membro dello staff dirigenziale dell'azienda di famiglia.

Nel 1957, Liliane Bettencourt ereditò dal padre la L'Oréal. È stata la principale azionista dell'azienda sino alla sua morte, avvenuta a 94 anni, il 21 settembre 2017.

18 settembre 2018

19 settembre 2017 - Muore il pugile statunitense Jack LaMotta














Giacobbe "Jake" LaMotta, detto Il Toro del Bronx e Toro scatenato (New York, 10 luglio 1921 – Aventura, 19 settembre 2017), è stato un pugile statunitense, campione mondiale dei pesi medi.

Di origine italiana (il padre era nato a Messina), è stato un personaggio assai discusso, sia fuori che dentro il ring, la cui vita movimentata ha ispirato il film Toro scatenato (1980), diretto da Martin Scorsese e interpretato da Robert De Niro.

LaMotta vinse il titolo mondiale il 16 giugno 1949 a Detroit, contro il francese Marcel Cerdan, che era il campione in carica. Cerdan, reputato da molti esperti il miglior pugile nella storia del pugilato francese, si slogò il braccio durante il primo round, resistendo per altri nove fino ad abbandonare prima dell'inizio del decimo; nonostante ciò, la vittoria di LaMotta fu assegnata per KO poiché Cerdan si era ritirato dopo il suono della campana di inizio round. Fu organizzato un secondo incontro (previsto per il 2 dicembre), che però non si tenne dal momento che durante un viaggio, verso la fine dell'ottobre dello stesso anno, l'aereo su cui Cerdan stava viaggiando, un Lockheed Constellation della Air France precipitò alle Azzorre, non lasciando alcun superstite tra i 48 passeggeri.

Difese due volte il titolo, prima contro Tiberio Mitri e in seguito con Laurent Dauthuille, battendoli entrambi. Il 14 febbraio 1951 si tenne l'attesissimo sesto incontro tra il Toro del Bronx e Sugar Ray Robinson (il pugile di colore aveva prevalso su quattro dei cinque precedenti), con in palio il titolo mondiale. L'incontro passò alla storia del pugilato come "il massacro di San Valentino": Robinson vinse per K.O. tecnico al tredicesimo round, quando l'incontro fu interrotto con LaMotta, sfinito, abbandonato sulle corde.