7 novembre 2013

8 novembre 1936 - Nasce l'attrice italiana Virna Lisi













Virna Lisi, nome d'arte di Virna Pieralisi (Ancona, 8 novembre 1936 - Roma, 18 dicembre 2014)

E' un'attrice italiana.

Con sei Nastri d'argento condivide con Margherita Buy il record di premi vinti nella manifestazione organizzata dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani. In carriera ha vinto anche un Prix d'interprétation féminine a Cannes, due David di Donatello per le sue interpretazioni e altrettanti alla carriera.

Il nome di nascita di Virna Pieralisi avrebbe dovuto essere Siria[1]; tuttavia all'anagrafe lo rifiutarono, poiché la Siria non era un paese alleato dell'Italia. Il padre inventò allora su due piedi il nome Virna, scoprendo solo dopo che era un nome realmente esistente.
Nata ad Ancona, Dopo aver vissuto a Jesi, suo padre Ubaldo, commerciante di piastrelle di marmo, si trasferisce per motivi di lavoro a Roma con tutta la famiglia.
Qui la giovane Virna è scoperta dal cantante ed attore Giacomo Rondinella (amico di famiglia dei Pieralisi) che le fa conoscere il produttore cinematografico Antonio Ferrigno, che la mette sotto contratto all'età di quattordici anni nonostante l'iniziale contrarietà di suo padre; inizia così a muovere i primi passi nel cinema, adottando lo pseudonimo Virna Lisi; nella prima metà degli anni cinquanta recita con dei ruoli di rilievo in numerosi film del genere strappalacrime, allora molto in voga, diretti da registi come Carlo Borghesio, Giorgio Pastina e Luigi Capuano.
Viene poi scritturata in commedie di successo come Le diciottenni di Mario Mattoli (di cui è protagonista accanto a Marisa Allasio) e Lo scapolo di Antonio Pietrangeli del 1955 con Alberto Sordi, mentre l'anno successivo riesce finalmente a dare prova anche delle sue capacità drammatiche in La donna del giorno, di Francesco Maselli, in cui interpreta una ragazza che si affaccia al successo grazie alla pubblicità, pagandone le conseguenze. Due anni dopo proprio grazie ad una pubblicità le arriva la grande popolarità: il dentifricio Chlorodont la scelse infatti per interpretare i propri sketch all'interno della storica rubrica televisiva Carosello, il cui slogan, con quella bocca può dire ciò che vuole, ottenne immediato successo e divenne un vero e proprio tormentone di quegli anni.
Nel 1957 recitò la parte di Elizabeth Bennet nello sceneggiato televisivo della RAI Orgoglio e pregiudizio, basato sull'omonimo romanzo di Jane Austen, diretto da Daniele D'Anza ed interpretato accanto a Franco Volpi ed Enrico Maria Salerno, mentre nel 1958 al cinema compare accanto a Totò e Peppino De Filippo nella commedia Totò, Peppino e le fanatiche; nel 1959 interpreta la contessa Virginia Oldoini di Castiglione in un altro storico sceneggiato televisivo RAI: Ottocento con Sergio Fantoni e Lea Padovani, diretto da Anton Giulio Majano (quest'ultimo, sempre nel 1959, dirige la Lisi anche al cinema nel film in costume Il padrone delle ferriere in cui recita accanto a Warner Bentivegna).


Le sue interpretazioni

La corda d'acciaio, regia di Carlo Borghesio (1953)
...e Napoli canta!, regia di Aldo Grottini (1953)
Violenza sul lago, regia di Leonardo Cortese (1954)
Il cardinale Lambertini, regia di Giorgio Pastina (1954)
Piccola santa, regia di Roberto Bianchi Montero (1954)
Ripudiata, regia di Giorgio Walter Chili (1954)
Desiderio 'e sole, regia di Giorgio Pastina (1954)
Lettera napoletana, regia di Giorgio Pastina (1954)
La rossa, regia di Luigi Capuano (1955)
Le diciottenni, regia di Mario Mattoli (1955)
Vendicata!, regia di Giuseppe Vari (1955)
Luna nuova, regia di Luigi Capuano (1955)
Addio Napoli!, regia di Roberto Bianchi Montero (1955)
La piccola guerra, regia di Arthur Joffè (1955)
Lo scapolo, non accreditata, regia di Antonio Pietrangeli (1955)
Il vetturale del Moncenisio, regia di Guido Brignone (1956)
La donna del giorno, regia di Francesco Maselli (1956)
Il conte di Matera, regia di Luigi Capuano (1957)
Totò, Peppino e le fanatiche, regia di Mario Mattoli (1958)
Vite perdute, regia di Andrea Bianchi (1958)
Il mondo dei miracoli, regia di Luigi Capuano (1959)
Il padrone delle ferriere, regia di Anton Giulio Majano (1959)
Caterina Sforza, la leonessa di Romagna, regia di Giorgio Walter Chili (1959)
Un militare e mezzo, regia di Steno (1960)
Sua Eccellenza si fermò a mangiare, regia di Mario Mattoli (1961)
Romolo e Remo, regia di Sergio Corbucci (1961)
5 marines per 100 ragazze, regia di Mario Mattoli (1962)
Eva, regia di Joseph Losey (1962)
Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1963)
Il delitto Dupré, regia di Christian-Jaque (1963)
Il tulipano nero, regia di Christian-Jaque (1964)
Agente Coplan: missione spionaggio, regia di Maurice Labro (1964)
La donna del lago, regia di Luigi Bazzoni e Franco Rossellini (1965)
Oggi, domani, dopodomani, episodio "L'ora di punta" di Eduardo De Filippo (1965)
Come uccidere vostra moglie, regia di Richard Quine (1965)
Le bambole, episodio "La telefonata" di Dino Risi (1965)
Casanova '70, regia di Mario Monicelli (1965)
Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
Signore & signori, regia di Pietro Germi (1966)
Una vergine per il principe, regia di Pasquale Festa Campanile (1966)
U-112 assalto al Queen Mary, regia di Jack Donohue (1966)
Due assi nella manica, regia di Norman Panama (1966)
La 25ª ora, di Henri Verneuil (1967)
La ragazza e il generale, regia di Pasquale Festa Campanile (1967)
Arabella, regia di Mauro Bolognini (1967)
Le dolci signore, regia di Luigi Zampa (1968)
Meglio vedova, regia di Duccio Tessari (1968)
Tenderly, regia di Franco Brusati (1969)
Se è martedì deve essere il Belgio (If It's Tuesday, This Must Be Belgium), regia di Mel Stuart (1969)
L'albero di Natale, regia di Terence Young (1969)
Il segreto di Santa Vittoria, regia di Stanley Kramer (1969)
Tempo di violenza, regia di Sergio Gobbi (1970)
Giochi particolari, regia di Franco Indovina (1970)
La statua, regia di Rodney Amateau (1971)
Il bel mostro, regia di Sergio Gobbi (1971)
Roma bene, regia di Carlo Lizzani (1971)
Improvvisamente una sera... un amore, regia di Sergio Gobbi (1972)
Barbablù, regia di Edward Dmytryk (1972)
Il serpente, regia di Henri Verneuil (1973)
Zanna Bianca, regia di Lucio Fulci (1973)
Il ritorno di Zanna Bianca, regia di Lucio Fulci (1974)
Al di là del bene e del male, regia di Liliana Cavani (1977)
Ernesto, regia di Salvatore Samperi (1979)
Bugie bianche, regia di Stefano Rolla (1980)
La cicala, regia di Alberto Lattuada (1980)
La donna giusta, regia di Paul Williams (1982)
Sapore di mare, regia di Carlo Vanzina (1983)
Amarsi un po', regia di Carlo Vanzina (1984)
I Love N.Y., regia di Alan Smithee (1987)
I ragazzi di via Panisperna, regia di Gianni Amelio (1989)
Buon Natale... buon anno, regia di Luigi Comencini (1989)
La Regina Margot, regia di Patrice Chéreau (1994)
Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)
Va' dove ti porta il cuore, regia di Cristina Comencini (1996)
Il più bel giorno della mia vita, regia di Cristina Comencini (2002)

Nessun commento:

Posta un commento