16 gennaio 2014

17 gennaio 1942 - Nasce il pugile Cassius Clay (Muhammad Ali)


























Muhammad Ali, nato Cassius Marcellus Clay Jr. (Louisville, 17 gennaio 1942 - Phoenix 3 giugno 2016)

E' un ex pugile statunitense, tra i più famosi e apprezzati sportivi della storia. Ha vinto l'oro Olimpico ai Giochi di Roma nel 1960, come pugile professionista ha detenuto il titolo mondiale dei pesi massimi dal 1964 al 1967, dal 1974 al 1978 e per un'ultima breve parentesi ancora nel 1978.
Muhammad Ali è noto anche per la sua conversione all'Islam e per avere rifiutato di combattere nella Guerra del Vietnam. Affetto dalla Sindrome di Parkinson, dopo il suo ritiro dal mondo sportivo Ali si è distinto per le sue azioni umanitarie.

Cassius Marcellus Clay Jr. nasce a Louisville, nel Kentucky, il 17 gennaio del 1942, figlio di Cassius Marcellus Clay Sr., un pittore d'insegne afro-americano, e di Odessa Lee Clay (nata Grady), una domestica di religione battista[1] e di origini afro-americane, irlandesi ed inglesi. All'età di 12 anni inizia a frequentare la palestra Columbia, dove mette in mostra il suo talento. Dopo una brillante carriera da dilettante si mise in luce alle Olimpiadi di Roma del 1960 conquistando l'oro nella categoria dei pesi mediomassimi.
Nel 1961 passò al professionismo e batté Lamar Clark per KO e poi Doug Jones. Il 25 febbraio 1964 a Miami conquistò per la prima volta la corona di Campione del Mondo dei pesi massimi, battendo il campione in carica Sonny Liston per abbandono all'inizio della settima ripresa.

NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
Altezza191 cm
Peso98 kg
Pugilato Boxing pictogram.svg
Dati agonistici
CategoriaPesi mediomassimi
Pesi massimi
Carriera
Incontri disputati
Totali61
Vinti (KO)56 (37)
Persi (KO)5 (1)
Pareggiati-
Palmarès
1964Titolo mondiale Unificato*massimi
1964-1969Titolo mondiale WBCmassimi
1974-1978Titolo mondiale WBAmassimi
1974-1978Titolo mondiale WBCmassimi
1978-1979Titolo mondiale WBAmassimi
Bandiera olimpica  Olimpiadi
OroRoma 1960mediomassimi




Nessun commento:

Posta un commento