13 gennaio 2011

14 gennaio 1957 - Muore l'attore statunitense Humphrey Bogart























Humphrey DeForest Bogart (New York, 25 dicembre 1899 – Westwood, 14 gennaio 1957) è stato un attore statunitense.

Una delle icone del cinema hollywoodiano, la sua inconfondibile figura viene ancora ricordata dagli appassionati di cinema a distanza di molti anni dalla morte. L'American Film Institute ha inserito Bogart al primo posto tra le più grandi star della storia del cinema.
È una delle icone del cinema statunitense, in particolare di quello hollywoodiano; a distanza di anni dalla sua morte la sua inconfondibile figura viene ancora ricordata dagli appassionati di cinema. Nel 1999, l'American Film Institute lo ha proclamato la più grande stella maschile americana di tutti i tempi.

Humphrey Bogart nacque il giorno di Natale del 1899, da una famiglia agiata di origine britannica, olandese e spagnola: suo padre Belmont De Forest Bogart è un noto chirurgo, la madre Maud Humphrey è una disegnatrice pubblicitaria. A poco più di un anno di età sarà l'inconsapevole modello di un ritratto che la madre riesce a vendere alla Mellin per una campagna di prodotti dietetici per bambini. L'infanzia dorata, trascorsa senza episodi significativi nella elegante casa dell'Upper West Side di Manhattan insieme alle due sorelline minori, non fa presagire l'adolescente ribelle e intollerante che diverrà qualche anno più tardi.

Dopo il diploma delle inferiori alla Trinity Grammar School, si iscrive alla Philips Academy di Andover nel Massachusetts, dove tutti sperano si prepari ad affrontare la vita universitaria, magari a Yale. Ma Humphrey delude le aspettative dei suoi guadagnandosi dopo pochi mesi un'espulsione per indisciplina, al che decide di arruolarsi volontario in marina, appena dopo l'entrata degli Stati Uniti nel conflitto mondiale. Al periodo del servizio militare sembra risalire l'incidente che gli provocherà la cicatrice al labbro superiore, che costituirà il suo celebre segno distintivo. Le circostanze in cui si ferisce sono controverse e anche in questo caso, come nel caso della doppia data di nascita o dell'espulsione dal college, è difficile distinguere la verità dalle astute contraffazioni degli addetti stampa delle major, il cui compito è quello di aggiungere un alone romantico alla figura del divo di turno.

Le sue interpretazioni

The Dancing Town, regia di Edmund Lawrence (1928)
Broadway's Like That, regia di Arthur Hurley (1930)
Il gallo della Checca (A Devil with Women), regia di Irving Cummings (1930)
Risalendo il fiume (Up the River), regia di John Ford (1930)
Anima e corpo (Body and Soul), regia di Alfred Santell (1931)
The Bad Sister, regia di Hobart Henley (1931)
Sempre rivali (Women of All Nations), regia di Raoul Walsh (1931)
A Holy Terror, regia di Irving Cummings (1931)
Love Affair, regia di Irving Cummings (1932)
Big City Blues, regia di Mervyn LeRoy (1932)
Three on a Match, regia di Mervyn LeRoy (1932)
Sedia elettrica (Midnight), regia di Chester Erskine (1934)
La foresta pietrificata (The Petrified Forest), regia di Archie Mayo (1936)
Le belve della città (Bullets or Ballots), regia di William Keighley (1936)
Ali sulla Cina (China Clipper), regia di Ray Enright (1936)
L'isola della furia (Isle of Fury) Regia di Frank McDonald (1936)
Two Against the World (inedito in Italia) regia di William C. McGann (1936)
La legione nera (Black Legion), regia di Archie Mayo (1936)
The Great O'Malley, regia di William Dieterle (1937)
Le cinque schiave (Marked Woman), regia di Lloyd Bacon (1937)
L'uomo di bronzo (Kid Galahad), regia di Michael Curtiz (1937)
San Quintino (San Quentin), regia di Lloyd Bacon (1937)
Strada sbarrata (Dead End), regia di William Wyler (1937)
Ed ora... sposiamoci (Stand-in), regia di Tay Garnett (1937)
Swing Your Lady, regia di Ray Enright (1938)
Crime School, regia di Lewis Seiler (1938)
Men Are Such Fools, regia di Busby Berkeley (1938)
Racket Busters (Racket Busters) (1938)
Il sapore del delitto (The Amazing Dr. Clitterhouse), regia di Anatole Litvak (1938)
Gli angeli con la faccia sporca (Angels with Dirty Faces), regia di Michael Curtiz (1938)
King of The Underworld, regia di Lewis Seiler (1939)
Il terrore dell'Ovest (The Oklahoma Kid), regia di Lloyd Bacon (1939)
Tramonto (Dark Victory), regia di Edmund Goulding (1939)
La bolgia dei vivi (You Can't Get Away With Murder), regia di Lewis Seiler (1939)
I ruggenti anni Venti (The Roaring Twenties), regia di Raoul Walsh (1939)
Strisce invisibili (Invisible Stripes), regia di Lloyd Bacon (1939)
Il ritorno del dottor X (The Return Of Dr. X), regia di Vincent Sherman (1939)
Carovana d'eroi (Virginia City), regia di Michael Curtiz (1940)
It All Came True, regia di Lewis Seiler (1940)
Strada maestra (They Drive by Night), regia di Raoul Walsh (1940)
Il vendicatore (Brother Orchid), regia di Lloyd Bacon (1940)
Una pallottola per Roy (High Sierra), regia di Raoul Walsh (1941)
Il circo insanguinato (The Wagons Roll At Night), regia di Ray Enright (1941)
Il mistero del falco (The Maltese Falcon), regia di John Huston (1941)
Sesta colonna (All through the Night), regia di Vincent Sherman (1942)
Agguato ai tropici (Across the Pacific), regia di John Huston (1942)
Il terrore di Chicago (The Big Shot), regia di Lewis Seiler (1942)
Casablanca, regia di Michael Curtiz (1942)
Convoglio verso l'ignoto (Action in the North Atlantic), regia di Lloyd Bacon (1942)
Sotto le stelle di Hollywood (Thank Your Lucky Stars), regia di David Butler (1943)
Sahara, regia di Zoltan Korda (1943)
Acque del Sud (To Have and Have Not), regia di Howard Hawks (1944)
Il giuramento dei forzati (Passage to Marseille), regia di Michael Curtiz (1944)
Nebbie (Conflict), regia di Curtis Bernhardt (1945)
Il grande sonno (The Big Sleep), regia di Howard Hawks (1946)
Solo chi cade può risorgere (Dead Reckoning), regia di John Cromwell (1946)
La seconda signora Carroll (The Two Mrs. Carrols), regia di Peter Godfrey (1947)
La fuga (Dark Passage), regia di Delmer Daves (1947)
Il tesoro della Sierra Madre (The Treasure of the Sierra Madre), regia di John Huston (1948)
L'isola di corallo (Key Largo), regia di John Huston (1948)
Tokyo Joe, regia di Stuart Heisler (1949)
I bassifondi di San Francisco (Knock On Any Door), regia di Nicholas Ray (1949)
Il diritto di uccidere (In a Lonely Place), regia di Nicholas Ray (1950)
Assalto al cielo (Chain Lightning), regia di Stuart Heisler (1950)
La città è salva (The Enforcer), regia di Raoul Walsh (1950)
Damasco '25 (Sirocco), regia di Curtis Bernhardt (1951)
La regina d'Africa (The African Queen), regia di John Huston (1951) Oscar mini icon.png
L'ultima minaccia (Deadline USA), regia di Richard Brooks (1952)
Essi vivranno (Battle Circus), regia di Richard Brooks (1952)
Il tesoro dell'Africa (Beat the Devil), regia di John Huston (1953)
L'ammutinamento del Caine (The Caine Mutiny), regia di Edward Dmytryk (1954)
Sabrina, regia di Billy Wilder (1954)
La contessa scalza (The Barefoot Contessa), regia di Joseph L. Mankiewicz (1954)
Non siamo angeli (We're No Angels), regia di Michael Curtiz (1955)
La mano sinistra di Dio (The Left Hand of God), regia di Edward Dmytryk (1955)
Ore disperate (The Desperate Hours), regia di William Wyler (1955)
Il colosso d'argilla (The Harder They Fall), regia di Mark Robson (1956)

Nessun commento:

Posta un commento