29 giugno 2012

30 giugno 1933 - Nasce l'attrice italiana Lea Massari

















Lea Massari, nome d'arte di Anna Maria Massatani (Roma, 30 giugno 1933), è un'attrice italiana.

Assunse il nome d'arte a ventidue anni in onore del fidanzato Leo con cui avrebbe dovuto sposarsi, ma che morì pochi giorni prima delle nozze.
Dopo i film Proibito (1955) e I sogni nel cassetto (1957), che la rivelò, prese parte a non molti film, ma buoni, lasciando sempre un segno della propria personalità (tra essi: L'avventura, 1960; Una vita difficile, 1961; Soffio al cuore, 1971, in Francia; Allonsanfan, 1974).
Ha lavorato anche in teatro (Due sull'altalena di William Gibson, 1960) e per la televisione (Anna Karenina, 1974; Quaderno proibito, 1980, da Alba de Céspedes).

I suoi film

Proibito, regia di Mario Monicelli (1954)
I sogni nel cassetto, regia di Renato Castellani (1957), doppiata da Adriana Asti
Resurrezione (Auferstehung), regia di Rolf Hansen (1958)
L'avventura, regia di Michelangelo Antonioni (1960)
La giornata balorda, regia di Mauro Bolognini (1960)
I sogni muoiono all'alba, regia di Mario Craveri e Enrico Gras (1961)
Morte di un bandito, regia di Giuseppe Amato (1961)
Il colosso di Rodi, regia di Sergio Leone (1961), doppiata da Lydia Simoneschi
Una vita difficile, regia di Dino Risi (1961)
Le quattro giornate di Napoli, regia di Nanni Loy (1962), doppiata da Clara Bindi
La città prigioniera, regia di Mario Chiari (1962)
La morte sale in ascensore (Le monte-charge), regia di Marcel Bluwal (1962)
La coda del diavolo, regia di Moraldo Rossi (1964)
I cavalieri della vendetta (Llanto por un bandido), regia di Carlos Saura (1964)
L'insoumis, regia di Alain Cavalier (1964)
Le soldatesse, regia di Valerio Zurlini (1965)
Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
Il giardino delle delizie, regia di Silvano Agosti (1967)
Volver a vivir, regia di Mario Camus (1968)
Lo voglio morto, regia di Paolo Bianchini (1968)
Senza via d'uscita, regia di Piero Sciumè (1970)
L'amante (Les choses de la vie), regia di Claude Sautet (1970)
Un soffio di piacere (Céleste), regia di Michel Gast (1970)
Paolo e Francesca, regia di Gianni Vernuccio (1971)
Il soffio al cuore (Le souffle au coeur), regia di Louis Malle (1971)
La prima notte di quiete, regia di Valerio Zurlini (1972)
La corsa della lepre attraverso i campi (La course du lièvre à travers les champs), regia di René Clément (1972)
Questo impossibile oggetto, regia di John Frankenheimer (1972)
La femme en blu, regia di Michel Deville (1973)
L'uomo che non seppe tacere (Le silencieux), regia di Claude Pinoteau (1973)
Un battito d'ali dopo la strage (Le fils), regia di Pierre Granier-Deferre (1973)
Questo impossibile oggetto (Story of a Love Story), regia di John Frankenheimer (1973)
Cadavere di troppo (...la main à couper), regia di Etienne Perier (1974)
Allonsanfan, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1974)
La linea del fiume, regia di Aldo Scavarda (1975)
Il poliziotto della brigata criminale (Peur sur la ville), regia di Henri Verneuil (1975)
El perro, regia di Antonio Isasi-Isasmendi (1976)
Chi dice donna, dice donna, regia di Tonino Cervi (1976)
Caccia al montone (L'ordinateur des pompes funèbres), regia di Gèrard Pirès (1976)
Antonio Gramsci - I giorni del carcere, regia Lino Del Fra (1977)
Vivere giovane (Violette & François), regia di Jaques Rouffio (1977)
Repérages, regia di Michel Soutter (1977)
Sale réveur, regia di Jean-Marie Périer (1978)
Les Rendez-vous d'Anna, regia di Chantal Akerman (1978)
Cristo si è fermato a Eboli, regia di Francesco Rosi (1979)
Foto ricordo (Le divorcement), regia di Pierre Barouh (1979)
La flambeuse, regia di Roger Weinberg (1981)
Sarah, regia di Maurice Dugowson (1983)
La 7ème cible, regia di Claude Pinoteau (1984)
Segreti segreti, regia di Giuseppe Bertolucci (1985)
Una donna spezzata, regia di Marco Leto (1988)
Viaggio d'amore, regia di Ottavio Fabbri (1991)


2 commenti: