7 agosto 2013

8 agosto 1937 - Nasce l'attore americano Dustin Hoffman
















Dustin Lee Hoffman (Los Angeles, 8 agosto 1937)

E' un attore, regista e produttore cinematografico statunitense.

Il laureato (1967) di Mike Nichols lo trasforma nel giro di pochi mesi da caratterista sconosciuto a divo candidato all'Oscar, che segnerà gli anni settanta con alcune intense e significative interpretazioni. Attore versatile, "sobrio, flemmatico, energico", passa con disivoltura dal thriller (Il maratoneta 1976, Cane di paglia 1971) alla commedia (Tootsie, 1982), dal genere realistico di denuncia (Un uomo da marciapiede, 1969), al film politico (Tutti gli uomini del presidente, 1975) a quello favolistico e fantastico (Hook - Capitan Uncino, 1991).
Nella lunga carriera ha tratteggiato con disinvoltura personaggi di forte drammaticità e complessità "con i quali attraversa più di trent'anni di cinema americano": da Il piccolo grande uomo (1970) di Arthur Penn al marito ribelle di Cane di paglia (1971, di Sam Peckinpah), dal padre in lotta per la custodia del figlio di Kramer contro Kramer (1979), fino allo struggente Raymond, l'autistico di Rain Man - L'uomo della pioggia (1988).

Per questi ultimi due film ottiene l'Oscar al miglior attore: nel 1996 riceve a Venezia il Leone d'Oro alla carriera.

Hoffman è nato a Los Angeles l'8 agosto 1937 da una famiglia ebraica di origini ucraine e romene. Il padre, Harry Hoffman, era allestitore di scenografie per la Columbia Pictures e poi rappresentante di mobili, mentre la madre, Lillian Gold, era pianista jazz. Hoffman non ricevette un'educazione religiosa.
Abbandonati gli studi di medicina[3], si trasferì a New York per studiare recitazione, dove si esibì con gli allora giovani Gene Hackman e anche Robert Duvall. Tra gli anni cinquanta e sessanta lavorò a Broadway in modeste produzioni (la prima fu Yes Is for a Very Young Man), e si iscrisse all'Actor's Studio.

1 commento:

  1. Ciao Ivo,
    grandissimo attore, talentoso, un gigante! So che era malato, ma per fortuna lei e meglio.
    Abbracci, caro amico. Avere un grande fine settimana.

    RispondiElimina