24 febbraio 2014

25 febbraio 1948 - Nasce lo scrittore Aldo Busi

















Aldo Busi (Montichiari, 25 febbraio 1948)

E' uno scrittore, traduttore, opinionista, personaggio televisivo e reporter di viaggio italiano.

Nasce il 25 febbraio 1948 a Montichiari, in provincia di Brescia, terzo figlio di Marcello Busi (1913 – 1982) e Maria Bonora (1914 – 2008). Ivi cresce, in condizioni di indigenza, con il padre, la madre e i fratelli, facendosi notare per la predisposizione alla scrittura (a detta dello stesso autore, già quando frequentava la terza elementare i suoi temi erano attesi). A 13 anni è costretto dal padre, gestore di osterie, ad abbandonare gli studi e comincia a lavorare come cameriere in diverse località del Garda. Si trasferisce quindi a Milano; nel 1968 ottiene l'esonero dal servizio militare grazie all'articolo 28/a, che dispensava gli omosessuali dichiarati. Decide poi di vivere e lavorare all'estero, dapprima in Francia tra il 1969 e il 1970 (Lille e poi Parigi), poi in Inghilterra (Londra tra il '70 e il 71), Germania (Monaco di Baviera, 1971 e 1972, Berlino nel 1974), Spagna (Barcellona nel 1973) e Stati Uniti d'America (New York, nel 1976), lavorando come cameriere, spazzino, portiere di notte o sguattero per guadagnarsi da vivere. Impara quindi diverse lingue straniere (francese, tedesco, inglese) e continua a rivedere Il Monoclino (il libro che nel 1984 sarà pubblicato da Adelphi con il titolo definitivo di Seminario sulla gioventù).
Tornato in Italia, lavora saltuariamente come interprete (esperienza che sarà alla base della stesura del suo secondo romanzo Vita standard di un venditore provvisorio di collant) e si cimenta con importanti traduzioni dall'inglese e dal tedesco (Joe Ackerley, H. von Doderer, J.W. Goethe, M. Wolitzer, C. Stead). Nel frattempo si diploma a Firenze nel 1976 (da privatista) e si laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l'Università di Verona (1981) presentando una tesi sul poeta americano John Ashbery. Dello stesso Ashbery nel 1983 Busi traduce Autoritratto in uno specchio convesso.

Le sue opere furono tradotte in undici diverse lingue, tra cui inglese, tedesco, francese e molte altre.

Alcune sue opere

Seminario sulla gioventù, Milano, Adelphi, 1984; con una postfazione di Massimo Bacigalupo, Milano, Mondadori, 1988; IV ed. riveduta Milano, Adelphi, 1989; nuova edizione totalmente riveduta dall'autore Milano, Mondadori, 1992; nuova ed. accresciuta con una postfazione dell'autore, una nota di Piero Bertolucci e con lo scritto inedito Seminario sulla vecchiaia, Milano, Mondadori, 2004.
Vita standard di un venditore provvisorio di collant, Milano, Mondadori, 1985; Vita standard di un venditore provvisorio di collant. Iniziato nel 1979, pubblicato nel 1985, revisionato dal 1991 al 1996, totalmente riscritto nel 2001, con episodi inediti e un nuovo finale, Milano, Oscar Mondadori, 2002.
La Delfina Bizantina, Milano, Mondadori, 1986.
Vendita galline km 2, Milano, Mondadori, 1993.
Suicidi dovuti, Milano, Frassinelli, 1996.
Casanova di se stessi, Milano, Mondadori, 2000.
El especialista de Barcelona, Milano, Dalai Editore, 2012.
Paté d'homme. Tragoedia peninsulare in tre atti, uno strappo, due estrazioni e taglio finale, Milano, Mondadori, 1989.
L'amore è una budella gentile. Flirt con Liala, Milano, Leonardo, 1991.
Sentire le donne, Milano, Bompiani, 1991; 1993; Milano, Tascabili Bompiani, 2002; Milano, Bompiani, 2008.
Le persone normali. Dieta di Uscio, Milano, Mondadori, 1992.
Madre Asdrubala. All'asilo si sta bene e s'imparan tante cose!, Milano, Mondadori, 1995.
Grazie del pensiero, Milano, Mondadori, 1995.
La vergine Alatiel. Che con otto uomini forse diecimila volte giaciuta era, Milano, Mondadori, 1996.
L'amore trasparente. Canzoniere, Milano, Mondadori, 1997.
Per un'Apocalisse più svelta, Milano, Bompiani, 1999.
Un cuore di troppo, Milano, Mondadori, 2001.
La signorina Gentilin dell'omonima cartoleria, Milano, Oscar Mondadori, 2002.
Guancia di Tulipano, Milano, Oscar Mondadori, 2003.
Dritte per l'aspirante artista (televisivo), Milano, Mondadori, 2005.
Aaa!, Milano, Bompiani, 2010.
E baci, Il Fatto Quotidiano, 2013.

Nessun commento:

Posta un commento