22 luglio 2014

23 luglio 2000 - Muore il giornalista Sandro Paternostro




Sandro Paternostro (Palermo, 9 agosto 1922 – Londra, 23 luglio 2000)

E' stato un giornalista e conduttore televisivo italiano.

Nel 1986 gli è stato assegnato il Premio intitolato a Vittorio De Sica per la televisione.

Durante gli anni universitari è iscritto ai GUF e partecipa ai Littoriali della cultura e dell'arte. Esordì nel giornalismo della carta stampata dopo la guerra come collaboratore del quotidiano L'Ora di Palermo, per poi continuare con altri quotidiani e passare infine alla radio nei primi anni cinquanta. Svolse successivamente il ruolo di corrispondente del Telegiornale RAI da varie capitali estere.

Negli anni sessanta divenne corrispondente da Bonn, allora capitale amministrativa della Repubblica Federale Tedesca e, successivamente, da Pechino, dove seguì gli eventi della grande rivoluzione culturale cinese, raccontati con ironia anche in un libro edito nel 1971 dal titolo Qui Pechino. Proseguì poi il lavoro di corrispondente della RAI da Londra, conducendo le sue cronache con professionismo e rigore pur senza rinunciare al gusto per la battuta sarcastica che lo fa diventare in quegli anni il giornalista più popolare dopo Ruggero Orlando.

Alcuni suoi vezzi, quali quello di un massiccio ricorso all'abbigliamento di foggia inglese (con vistose cravatte alla moda), insieme ai capelli impomatati e sempre tinti di nero, hanno costituito l'occasione per celebri imitazioni televisive. Memorabile è rimasto il suo stile - spesso improntato ad un'improvvisazione di stile naïve - nel dare le notizie, spesso senza nascondere una palese emozione, come nel caso dell'annuncio della morte del presidente Sandro Pertini:

« ...È deceduto un grande italiano... che è per lui... una grande coerenza politica... e di rigore morale... Sandro Pertini. »
(24 febbraio 1990)

Nessun commento:

Posta un commento