2 febbraio 2015

3 febbraio 2011 - Muore l'attrice francese Maria Schneider

















Maria Schneider (Parigi, 27 marzo 1952 – Parigi, 3 febbraio 2011) è stata un'attrice francese.

Nasce da una relazione tra l'attore francese Daniel Gélin e Marie-Christine Schneider, una modella tedesca di origine romena che gestisce una libreria a Parigi. Il padre tuttavia non la riconosce e Maria Schneider apprende la verità sulla propria nascita solo durante l'adolescenza.

Esordisce in teatro non ancora quattordicenne, senza aver mai ricevuto lezioni di recitazione. Due anni più tardi ottiene il suo primo ruolo per il cinema con una piccola parte in L'albero di Natale (1969) di Terence Young e, nello stesso anno, in Madly. Il piacere dell'uomo (1968) con Alain Delon.

Si afferma, tuttavia, con Ultimo tango a Parigi, film di Bernardo Bertolucci che le regala una fama mondiale facendola entrare nella storia del cinema a soli 20 anni. È su questo set che dovette girare una scena di sesso anale non prevista dalla sceneggiatura; l'attrice, a distanza di anni, in una intervista concessa a un giornale inglese dichiara di essere stata quasi violentata, e di aver subito un forte contraccolpo emotivo per via dell'umiliazione alla quale dovette sottostare.

Nel 1975 interpreta la misteriosa amante di Jack Nicholson in Professione: reporter, film di Michelangelo Antonioni.

Le sue interpretazioni

L'albero di Natale (L'arbre de Noel), regia di Terence Young (1969) - Non accreditata
Les femmes, regia di Jean Aurel (1969) - Non accreditata
Madly, Il piacere dell'uomo (Madly), regia di Roger Kahane (1970)
Week-end proibito di una famiglia quasi perbene (Les jambes en l'air), regia di Jean Dewever (1971)
La tardona (La vieille fille), regia di Jaen-Pierre Blanc (1972)
Un corpo da possedere (Hellé), regia di Roger Vadim (1972)
What a Flash!, regia di Jean-Michel Barjol (1972)
Ultimo tango a Parigi, regia di Bernardo Bertolucci (1972)
Reigen, regia di Otto Schenk (1973)
Cari genitori, regia di Enrico Maria Salerno (1973)
Professione: reporter, regia di Michelangelo Antonioni (1975)
Baby Sitter - Un maledetto pasticcio (La baby sitter), regia di René Clément (1975)
Violanta, regia di Daniel Schmid (1977)
Voyage au jardin des morts, regia di Philippe Garrel (1978) - Corto
Io sono mia, regia di Sofia Scandurra (1978)
Una donna come Eva (Een vrouw als Eva), regia di Nouchka van Brakel (1979)
La dérobade - Vita e rabbia di una prostituta parigina (La dérobade), regia di Daniel Duval (1979)
Weisse Reise, regia di Werner Schroeter (1980)
Hainé, regia di Dominique Goult (1980)
Mamma Dracula (Mama Dracula), regia di Boris Szulzinger (1980)
La chanson du mal aimé, regia di Claude Weisz (1981)
Sezona mira u Parizu, regia di Predrag Golubovic (1981)
Merry-Go-Round, regia di Jacques Rivette (1981)
Cercasi Gesù, regia di Luigi Comencini (1982)
Balles perdues, regia di Jean-Louis Comolli (1983)
Yoroppa tokkyu, regia di Yutaka Ohara (1984)
Chi custodisce il custode? (Résidence surveillée), regia di Frederic Compain (1987)
Bunker Palace Hôtel, regia di Enki Bilal (1989)
Schermi di sabbia (Ecrans de sable), regia di Randa Chahal Sabag (1991)
Au pays des Juliets, regia di Mehdi Charef (1992)
Notti selvagge (Le nuits fauves), regia di Cyril Collard (1992)
Jane Eyre, regia di Franco Zeffirelli (1996)
Qualcosa in cui credere (Something to Believe In), regia di Joan Hough (1998)
Actors (Les acteurs), regia di Bertrand Blier (2000)
La repentie, regia di Laetitia Masson (2002)
Au large de Bad Ragaz, regia di François-Christophe Marzal (2004)
Perds pas la boule!, regia di Maria Pia Crapanzano (2006) - Corto
Quale amore, regia di Maurizio Sciarra (2006)
La vie d'artiste, regia di Marc Fitoussi (2007)
La clef, regia di Guillaume Nicloux (2007)
Cliente, regia di Josiane Balasko (2008)

Nessun commento:

Posta un commento