23 luglio 2018

24 luglio 2013 - Il tragico incidente ferroviario a Santiago de Compostela















L'incidente ferroviario di Santiago di Compostela si è verificato il 24 luglio 2013 alle ore 20:41 nel sobborgo di Angrois, a circa tre chilometri dalla stazione di Santiago di Compostela. Un treno Alvia con otto carrozze e due motrici gestito dall'impresa ferroviaria Renfe Operadora è deragliato con 222 persone a bordo (218 passeggeri e 4 membri dell'equipaggio), uccidendo 79 persone Renfe ha poi comunicato che l'incidente non è avvenuto su una linea ad alta velocità.

La Comisión de Investigación de Accidentes Ferroviarios, in quanto autorità responsabile nelle indagini sugli incidenti ferroviari in Spagna, sta indagando su quanto accaduto. Feijoo, governatore della Galizia, ha dichiarato che è troppo presto per determinare la causa dell'incidente. Un portavoce del governo ha detto che molto probabilmente il deragliamento di Santiago possa essere un incidente e che non vi era alcuna prova che il disastro sia stato un atto di terrorismo. Testimoni oculari hanno detto che il treno, prima di deragliare, viaggiava ad alta velocità. È stato ufficialmente riferito che il macchinista ha comunicato che il treno a viaggiava a circa 190 chilometri l'ora nonostante il limite di velocità per quella curva fosse di 80 chilometri all'ora. La curva dove è avvenuto l'incidente è la prima curva che incontra un treno proveniente da Ourense, dopo circa 80 chilometri di rettilineo in cui è possibile raggiungere la velocità di 200 km/h. Tale tratto rettilineo, dedicato ai treni ad alta velocità, dispone del sistema ERTMS (European Rail Traffic Management System), un sistema di controllo automatico in grado di verificare in tempo reale tutti i parametri di marcia del convoglio intervenendo quando la velocità del treno non è conforme al tratto percorso. La curva interessata dall'incidente tuttavia fa parte della linea storica, in cui viaggiano anche i treni merci e regionali, e non dispone di tale tipo di controllo in quanto attrezzata con il sistema ASFA (Anuncio de Señales y Frenado Automático).

Nessun commento:

Posta un commento