5 dicembre 2010

6 dicembre 1994 - Muore l'attore Gian Maria Volontè

























(Milano, 9 aprile 1933 – Florina, 6 dicembre 1994)

Considerato uno dei più versatili e incisivi attori cinematografici e teatrali italiani, Volonté è ricordato per la presenza magnetica e la recitazione matura, ma non priva di accenti aggressivi e istrionici. Ottenuta fama internazionale interpretando il ruolo del "cattivo" negli spaghetti western di Sergio Leone, divenne l'attore-simbolo del cinema d'impegno civile italiano, dando vita a eccellenti ritratti di personaggi "illustri", tratti dalla storia e dalla letteratura, o legati all'attualità più o meno recente

Le sue interpretazioni

L'idiota, regia di Giorgio Albertazzi (1959)
Sotto dieci bandiere, regia di Duilio Coletti (1960)
La ragazza con la valigia, regia di Valerio Zurlini (1961)
Antinea, l'amante della città sepolta, regia di Edgar G. Ulmer e Giuseppe Masini (1961)
Ercole alla conquista di Atlantide, regia di Vittorio Cottafavi (1961)
A cavallo della tigre, regia di Luigi Comencini (1961)
Un uomo da bruciare, regia di Valentino Orsini, Paolo e Vittorio Taviani (1962)
Le quattro giornate di Napoli, regia di Nanni Loy (1962)
Il peccato, regia di Jordi Grau (1963)
Il taglio del bosco, regia di Vittorio Cottafavi (1963) (Film TV)
Il terrorista, regia di Gianfranco De Bosio (1963)
Per un pugno di dollari, regia di Sergio Leone (1964)
Il magnifico cornuto, regia di Antonio Pietrangeli (1964)
Le inchieste del commissario Maigret, regia di Mario Landi (1965), episodio della prima serie "Una vita in gioco"
Per qualche dollaro in più, regia di Sergio Leone (1965)
Svegliati e uccidi, regia di Carlo Lizzani (1966)
Le stagioni del nostro amore, regia di Florestano Vancini (1966)
L'armata Brancaleone, regia di Mario Monicelli (1966)
La strega in amore, regia di Damiano Damiani (1966)
Quien sabe?, regia di Damiano Damiani (1966)
A ciascuno il suo, regia di Elio Petri (1967)
Faccia a faccia, regia di Sergio Sollima (1967)
Banditi a Milano, regia di Carlo Lizzani (1968)
I sette fratelli Cervi, regia di Gianni Puccini (1968)
Summit, regia di Giorgio Bontempi (1968)
L'amante di Gramigna, regia di Carlo Lizzani (1968)
Sotto il segno dello scorpione, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1969)
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, regia di Elio Petri (1970)
I senza nome (Le cercle rouge), regia di Jean-Pierre Melville (1970)
Uomini contro, regia di Francesco Rosi (1970)
Vento dell'est (Le vent d'est), regia di Jean Luc Godard (1970)
Sacco e Vanzetti, regia di Giuliano Montaldo (1971)
La classe operaia va in paradiso, regia di Elio Petri (1971)
Il caso Mattei, regia di Francesco Rosi (1972)
L'attentato (L'attentat), regia di Yves Boisset (1972)
Sbatti il mostro in prima pagina, regia di Marco Bellocchio (1972)
Lucky Luciano, regia di Francesco Rosi (1973)
Giordano Bruno, regia di Giuliano Montaldo (1973)
Il sospetto, regia di Francesco Maselli (1975)
Musica per la libertà, regia di Luigi Perelli (1975)
Todo modo, regia di Elio Petri (1976)
Actas de Marusia: storia di un massacro (Actas de Marusia), regia di Miguel Littín (1976)
Io ho paura, regia di Damiano Damiani (1977)
Cristo si è fermato a Eboli, regia di Francesco Rosi (1979)
Ogro (Operación Ogro), regia di Gillo Pontecorvo (1979)
Stark System, regia di Armenia Balducci (1980)
La storia vera della signora delle camelie, regia di Mauro Bolognini (1981)
La morte di Mario Ricci (La mort de Mario Ricci), regia di Claude Goretta (1983)
Il caso Moro, regia di Giuseppe Ferrara (1986)
Cronaca di una morte annunciata, regia di Francesco Rosi (1987)
Un ragazzo di Calabria, regia di Luigi Comencini (1987)
L'opera al nero (L'oeuvre au noir), regia di André Delvaux (1988)
Pestalozzis Berg, regia di Peter von Gunten (1989)
Tre colonne in cronaca, regia di Carlo Vanzina (1990)
Porte aperte, regia di Gianni Amelio (1990)
Una storia semplice, regia di Emidio Greco (1991)
Funes, un gran amor, regia di Raoul de la Torre (1992)
Il tiranno Banderas (Tirano Banderas), regia di José Luis García Sánchez (1993)

Nella superba interpretazione dell'anarchico Vanzetti,con Sacco condannato a morte negli States ingiustamente.

Nessun commento:

Posta un commento