13 febbraio 2011

14 febbraio 1929 - La strage di San Valentino di Al Capone




Con il nome di Strage di San Valentino si identifica il massacro compiuto a Chicago il 14 febbraio 1929 con il quale gli uomini di Al Capone sterminano la banda di Bugs Moran.
Al Capone, detto "Il Napoletano" per le sue origini campane, e l'irlandese George "Bugs" Moran, si contendevano il controllo della città e del mercato degli alcolici, ma con questa operazione la mafia italo-americana prese il sopravvento. Il commando mafioso fu guidato dall'autista e luogotenente di Capone, Fred Burke, con al seguito altri quattro uomini. Irruppero travestiti da poliziotti in un garage al 2122 di North Clark Street, sede del quartier generale della North Side Gang, organizzazione capeggiata in passato da Dean O'Banion e guidata poi da George "Bugs" Moran. Allineati i sette presenti lungo un muro, come per un normale controllo di polizia, li fucilarono alla schiena.
L'episodio resta a tutt'oggi uno dei più cruenti regolamenti di conti della storia della malavita.
Da questo episodio trae spunto l'incipit del film del 1959 A qualcuno piace caldo, con Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon, diretto da Billy Wilder.

Nessun commento:

Posta un commento