28 maggio 2012

29 maggio 1982-Muore l'attrice franco-austriaca Romy Schneider




Romy Schneider, nome d'arte di Rosemarie Magdalena Albach-Retty (Vienna, 23 settembre 1938 – Parigi, 29 maggio 1982), è stata un'attrice austriaca naturalizzata francese.

La vera svolta nella carriera di Romy Schneider avvenne con il film L'amante pura (1958). Durante la lavorazione conobbe Alain Delon e con lui ebbe una lunga relazione sentimentale, trasferendosi a Parigi. Da questo momento recitò in film di produzione prevalentemente francese e italiana, come La piscina (1968) di Jacques Deray, La Califfa (1970) di Alberto Bevilacqua, Ludwig (1973) di Luchino Visconti, dove fu una ben diversa Elisabetta di Baviera, e La morte in diretta (1979) di Bertrand Tavernier, distinguendosi per la luminosa bellezza e il temperamento drammatico.

Inquietante e toccante, il film Fantasma d'amore (1980) di Dino Risi nascose e rivelò di lì a poco tempo il tragico epilogo nella vita reale dell'attrice. Mai ripresasi del tutto dalla perdita del figlio, la Schneider fu trovata morta il 29 maggio 1982 nella casa parigina del produttore Laurent Petin, al quale era legata da circa un anno. La causa del decesso venne attribuita a un fatale attacco cardiaco, anche se la voce di un suicidio ebbe all'epoca molta diffusione.
È sepolta accanto al figlio David, a Boissy-sans-Avoir, un piccolo paese vicino alla capitale francese.

I film che ha interpretato

Wenn der weiße Flieder wieder blüht, regia di Hans Deppe (1953)
Feuerwerk, regia di Kurt Hoffmann (1954)
L'amore di una grande regina (Mädchenjahre einer Königin), regia di Ernst Marischka (1954)
4º fanteria (Die Deutschmeister), regia di Ernst Marischka (1955)
Der letzte Mann, regia di Harald Braun (1955)
La principessa Sissi (Sissi), regia di Ernst Marischka (1955)
Kitty (Kitty und die große Welt), regia di Alfred Weidenmann (1956)
Sissi, la giovane imperatrice (Sissi — Die junge Kaiserin), regia di Ernst Marischka (1956)
Le avventure di Robinson (Robinson soll nicht sterben), regia di Josef von Báky (1957)
Monpti (Un amore a Parigi), regia di Helmut Käutner (1957)
Sissi - Il destino di un'imperatrice (Sissi — Schicksalsjahre einer Kaiserin), regia di Ernst Marischka (1957)
Eva. Confidenze di una minorenne (Die Halbzarte), regia di Rolf Thiele (1958)
Sissi a Ischia, regia di Alfred Weidenmann (1958)
Ragazze in uniforme (Madchen in uniform), regia di Géza von Radványi (1958)
L'amante pura (Christine), regia di Pierre Gaspard-Huit (1958)
Angelica ragazza jet (Ein Engel auf Erden), regia di Géza von Radványi (1959)
Sissi la favorita dello zar (Die schöne Lügnerin) regia di Alex Von Ambesser (1959)
Katia, regina senza corona (Katia), regia di Robert Siodmak (1959)
Delitto in pieno sole (Plein soleil), non accreditata, regia di René Clément (1960)
Boccaccio '70 — episodio "Il lavoro" di Luchino Visconti (1962)
Forever My Love, regia di Ernst Marischka (1962)
Gli amanti dell'isola (Le combat dans l'île), regia di Alain Cavalier (1962)
Il processo (Le Procès), regia di Orson Welles (1962)
L'amour à la mer, regia di Guy Gilles (1963)
I vincitori (The Victors), regia di Carl Foreman (1963)
Il cardinale (The Cardinal), regia di Otto Preminger (1963)
L'enfer, regia di Henri-Georges Clouzot (1964)
Scusa, me lo presti tuo marito? (Good Neighbor Sam), regia di David Swift (1964)
Ciao Pussycat (What's new, Pussycat?), regia di Clive Donner (1965)
La voleuse, regia di Jean Chapot (1966)
Alle 10:30 di una sera d'estate (10:30 P.M. Summer), regia di Jules Dassin (1966)
Agli ordini del Führer e al servizio di Sua Maestà (Triple Cross), regia di Terence Young (1966)
L'incredibile affare Kopcenko (Otley), regia di Dick Clement (1968)
La piscina (La piscine), regia di Jacques Deray (1969)
La Califfa, regia di Alberto Bevilacqua (1970)
L'amante (Les choses de la vie), regia di Claude Sautet (1970)
Uccidi uccidi, ma con dolcezza (My Lover My Son), regia di John Newland (1970)
Il cadavere dagli artigli d'acciaio (Qui?), regia di Léonard Keigel (1970)
Il commissario Pellissier (Max et les ferrailleurs), regia di Claude Sautet (1971)
Un uomo in vendita (Bloomfield), regia di Richard Harris e Uri Zohar (1971)
L'assassinio di Trotsky (The Assassination of Trotsky), regia di Joseph Losey (1972)
È simpatico, ma gli romperei il muso (César et Rosalie), regia di Claude Sautet (1972)
Ludwig, regia di Luchino Visconti (1972)
Noi due senza domani (Le train), regia di Pierre Granier-Deferre (1973)
Il montone infuriato (Le mouton enragé), regia di Michel Deville (1974)
Male d'amore (Un amour de pluie) regia di Jean-Claude Brialy (1974)
Trio infernale (Le trio infernal) regia di Francis Girod (1974)
L'importante è amare (L'important c'est d'aimer), regia di Andrzej Zulawski (1975)
Gli innocenti dalle mani sporche (Les innocents aux main sales) regia di Claude Chabrol (1975)
Frau Marlene (Le vieux fusil), regia di Robert Enrico (1975)
Mado, regia di Claude Sautet (1976)
Una donna alla finestra (Une femme à sa fenêtre), regia di Pierre Granier-Deferre (1976)
Gruppenbild mit Dame, regia di Aleksandar Petrovic (1977)
Una storia semplice (Une histoire simple), regia di Claude Sautet (1978)
Linea di sangue (Bloodline), regia di Terence Young (1979)
Chiaro di donna (Claire de femme), regia di Costa Gavras (1979)
La morte in diretta (La mort en direct), regia di Bertrand Tavernier (1980)
La banchiera (La banquière), regia di Francis Girod (1980)
Fantasma d'amore, regia di Dino Risi (1981)
Guardato a vista (Garde à vue), regia di Claude Miller (1981)
La signora è di passaggio (La passante du Sans-Souci), regia di Jacques Rouffio (1982)

2 commenti:

  1. La morte del figlio/a, le procurò un abbattimento. Ciao...

    RispondiElimina
  2. Non è stata una donna fortunata,la tragica morte del figlio l'ha segnata.

    Saluti

    RispondiElimina