12 novembre 2012

13 novembre 1974 - Muore l'attore Vittorio De Sica
















(Sora, 7 luglio 1901 – Neuilly-sur-Seine, 13 novembre 1974)

E' stato un attore, regista e sceneggiatore italiano.

È stato una delle figure preminenti del cinema italiano e mondiale. È considerato uno dei padri del Neorealismo, e allo stesso tempo uno dei grandi registi e interpreti della Commedia all'italiana.

Figlio di Umberto De Sica, impiegato cagliaritano figlio di genitori salernitani, e di Teresa Manfredi, una casalinga napoletana, Vittorio De Sica nacque il 7 luglio 1901 a Sora (un toponimo dagli inizi dell'Ottocento in provincia di Terra di Lavoro, e dal 1927 annesso alla neo-provincia di Frosinone) in via Cittadella, nel rione omonimo. Nella chiesa di San Giovanni Battista, posta proprio di fronte alla casa di famiglia, ricevette il battesimo con i nomi di Vittorio, Domenico, Stanislao, Gaetano, Sorano: l'ultimo nome è quello del presunto dio eponimo della città di Sora. Il padre Umberto, impiegato nella sede locale della Banca d'Italia, collaborò con lo pseudonimo di Caside per un mensile locale, La voce del Liri, pubblicato dal 1909 al 1915[1]. Vittorio aveva con il padre un rapporto molto bello e forte, e a lui dedicherà il suo film Umberto D. Come Vittorio ebbe a dire, la sua famiglia viveva in "tragica e aristocratica povertà". In seguito, nel 1914, si trasferì con i familiari a Napoli e ancora, dopo lo scoppio della prima guerra mondiale, a Firenze. Vittorio, ad appena 15 anni, cominciò ad esibirsi come attore dilettante in piccoli spettacoli organizzati per i militari ricoverati negli ospedali. In seguito avvenne il definitivo trasferimento a Roma.

Le sue interpretazioni

Il processo Clemenceau, regia di Edoardo Bencivenga (1917)
La bellezza del mondo, regia di Mario Almirante (1927)
La compagnia dei matti, regia di Mario Almirante (1928)
La vecchia signora, regia di Amleto Palermi (1931)
Due cuori felici, regia di Baldassarre Negroni (1932)
Gli uomini, che mascalzoni..., regia di Mario Camerini (1932)
La segretaria per tutti, regia di Amleto Palermi (1932)
Un cattivo soggetto, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1933)
La canzone del sole, regia di Max Neufeld (interpreta anche l'edizione tedesca, Das Lied der Sonne) (1933)
Il signore desidera?, regia di Gennaro Righelli (1933)
Lisetta, regia di Carl Boese (1934)
Tempo massimo, regia di Mario Mattoli (1934)
Paprika, regia di Carl Boese (1934)
Amo te sola, regia di Mario Mattoli (1935)
Darò un milione, regia di Mario Camerini (1935)
Lohengrin, regia di Nunzio Malasomma (1935)
Non ti conosco più, regia di Nunzio Malasomma (1936)
Ma non è una cosa seria, regia di Mario Camerini (1936)
L'uomo che sorride, regia di Mario Mattoli (1936)
Questi ragazzi, regia di Mario Mattoli (1937)
Il signor Max, regia di Mario Camerini (1937)
Napoli d'altri tempi, regia di Amleto Palermi (1937)
La mazurka di papà, regia di Oreste Biancoli (1938)
Partire, regia di Amleto Palermi (1938)
Hanno rapito un uomo, regia di Gennaro Righelli (1938)
L'orologio a cucù, regia di Camillo Mastrocinque (1938)
Le due madri, regia di Amleto Palermi (1938)
Castelli in aria, regia di Augusto Genina (interpreta anche l'edizione tedesca, Ins blaue Leben) (1939)
Ai vostri ordini, signora, regia di Mario Mattoli (1939)
I grandi magazzini, regia di Mario Camerini (1939)
Finisce sempre così, regia di Enrique T. Susini (1939)
Rose scarlatte, regia di Giuseppe Amato e Vittorio De Sica (1939)
Manon Lescaut, regia di Carmine Gallone (1940)
Pazza di gioia, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1940)
Maddalena: zero in condotta, regia di Vittorio De Sica (1940)
La peccatrice, regia di Amleto Palermi (1940)
L'avventuriera del piano di sopra, regia di Raffaello Matarazzo (anche sceneggiatura, non accreditata) (1941)
Teresa Venerdì, regia di Vittorio De Sica (1941)
Un garibaldino al convento, regia di Vittorio De Sica (1942)
La guardia del corpo, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (anche sceneggiatura) (1942)
Se io fossi onesto, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (anche sceneggiatura) (1942)
I nostri sogni, regia di Vittorio Cottafavi (anche sceneggiatura) (1943)
Nessuno torna indietro, regia di Alessandro Blasetti (1943)
L'ippocampo, regia di Gian Paolo Rosmino (anche sceneggiatura e supervisione regìa, non accreditata) (1943)
Non sono superstizioso... ma!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (anche sceneggiatura) (1943)
Lo sbaglio di essere vivo, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1945)
Il mondo vuole così, regia di Giorgio Bianchi (1946)
Roma città libera, regia di Marcello Pagliero (1946)
Abbasso la ricchezza!, regia di Gennaro Righelli (anche soggetto e sceneggiatura) (1946)
Lo sconosciuto di San Marino, regia di Michal Waszynski e Vittorio Cottafavi (1947)
Cuore, regia di Duilio Coletti (anche produzione e sceneggiatura) (1947)
Natale al campo 119, regia di Pietro Francisci (anche sceneggiatura e supervisione regìa, non accreditata) (1947)
Sperduti nel buio, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
Domani è troppo tardi, regia di Léonide Moguy (anche consulenza tecnica alla regìa, non accreditata) (1949)
Buongiorno, elefante!, regia di Gianni Franciolini (anche produzione) (1951)
Cameriera bella presenza offresi..., regia di Giorgio Pàstina (1951)
Altri tempi, episodio Il processo di Frine, regia di Alessandro Blasetti (1952)
L'orso, episodio de Il matrimonio, regia di Antonio Petrucci (1953)
Incidente a Villa Borghese, episodio di Villa Borghese, regia di Gianni Franciolini (1953)
Pendolin, episodio di Cento anni d'amore, regia di Lionello De Felice (1953)
I gioielli di madame de..., regia di Max Ophüls (1953)
Pane, amore e fantasia, regia di Luigi Comencini (1953)
Gran varietà, regia di Domenico Paolella (1954, episodio Il fine dicitore)
Peccato che sia una canaglia, regia di Alessandro Blasetti (1954)
Pane, amore e gelosia, regia di Luigi Comencini (1954)
Il divorzio (Le divorce), episodio de Il letto (Secrets d'alcove), regia di Gianni Franciolini (1954)
Allegro squadrone, regia di Paolo Moffa (1954)
Vergine moderna, regia di Marcello Pagliero (1954)
Scena all'aperto, episodio di Tempi nostri - Zibaldone n. 2, regia di Alessandro Blasetti (1954)
Don Corradino, episodio di Tempi nostri - Zibaldone n. 2, regia di Alessandro Blasetti (1954)
I giocatori, episodio de L'oro di Napoli, regia di Vittorio De Sica (1954)
La bella mugnaia, regia di Mario Camerini (1955)
Gli ultimi cinque minuti, regia di Giuseppe Amato (1955)
Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
Pane, amore e..., regia di Dino Risi (1955)
Racconti romani, regia di Gianni Franciolini (1955)
Il bigamo, regia di Luciano Emmer (1955)
I giorni più belli, regia di Mario Mattoli (1955)
Mio figlio Nerone, regia di Steno (1956)
I colpevoli, regia di Turi Vasile (1956)
Noi siamo le colonne, regia di Luigi Filippo D'Amico (1956)
Tempo di villeggiatura, regia di Antonio Racioppi (1956)
Montecarlo, regia di Sam Taylor e Giulio Macchi (anche supervisione artistica alla regìa) (1956)
Souvenir d'Italie, regia di Antonio Pietrangeli (1957)
Padri e figli, regia di Mario Monicelli (1957)
Casinò de Paris, regia di André Hunebelle (1957)
Pane, amore e Andalusia, regia di Javier Setó (anche produzione e supervisione alla regìa) (1957)
Il conte Max, regia di Giorgio Bianchi (1957)
La donna che venne dal mare, regia di Francesco De Robertis (1957)
Il medico e lo stregone, regia di Mario Monicelli (1957)
Vacanze a Ischia, regia di Mario Camerini (1957)
Totò, Vittorio e la dottoressa, regia di Camillo Mastrocinque (1957)
Addio alle armi, regia di Charles Vidor (1957)
Amore e chiacchiere, regia di Alessandro Blasetti (1957)
Ballerina e Buon Dio, regia di Antonio Leonviola (1958)
Gli zitelloni, regia di Giorgio Bianchi (1958)
Pezzo, capopezzo e capitano, regia di Wolfgang Staudte (1958)
Anna di Brooklyn, regia di Reginald Denham e Carlo Lastricati (anche supervisione alla regìa) (1958)
Domenica è sempre domenica, regia di Camillo Mastrocinque (1958)
Uomini e nobiluomini, regia di Giorgio Bianchi (1958)
La ragazza di piazza San Pietro, regia di Piero Costa (1958)
Nel blu dipinto di blu, regia di Piero Tellini (1958)
Policarpo, ufficiale di scrittura, regia di Mario Soldati (1958)
La prima notte, regia di Alberto Cavalcanti (1958)
Ferdinando I, re di Napoli, regia di Gianni Franciolini (1959)
Gastone, regia di Mario Bonnard (1959)
Il generale Della Rovere, regia di Roberto Rossellini (1959)
Il mondo dei miracoli, regia di Luigi Capuano (1959)
Il moralista, regia di Giorgio Bianchi (1959)
Il nemico di mia moglie, regia di Gianni Puccini (1959)
Vacanze d'inverno, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
Napoleone ad Austerlitz, regia di Abel Gance (1960)
La sposa bella, regia di Nunnally Johnson e Mario Russo (1960)
Le tre eccetera del colonnello, regia di Claude Boissol (1960)
Le pillole di Ercole, regia di Luciano Salce (1960)
Un amore a Roma, regia di Dino Risi (1960)
Il vigile, regia di Luigi Zampa (1960)
La baia di Napoli, regia di Melville Shavelson (1960)
La miliardaria, regia di Anthony Asquith (1960)
Gli attendenti, regia di Giorgio Bianchi (1961)
L'onorata società, regia di Riccardo Pazzaglia (1961)
Il giudizio universale, regia di Vittorio De Sica (1961)
Le meraviglie di Aladino, regia di Mario Bava ed Henry Levin (1961)
I celebri amori di Enrico IV, regia di Claude Autant-Lara (1961)
La Fayette, una spada per due bandiere, regia di Jean Dréville (1961)
I due marescialli, regia di Sergio Corbucci (1961)
Gli incensurati, regia di Francesco Giaculli (1961)
Eva, regia di Joseph Losey e Guidarino Guidi (1962)
Le avventure e gli amori di Moll Flanders, regia di Terence Young (1965)
Io, io, io... e gli altri, regia di Alessandro Blasetti (1966)
Gli altri, gli altri e noi, regia di Maurizio Arena (1966)
Un italiano in America, regia di Alberto Sordi (1967)
Colpo grosso alla napoletana, regia di Ken Annakin (1968)
Caroline chérie, regia di Denys de La Patellière (1968)
L'uomo venuto dal Kremlino, regia di Michael Anderson (1968)
Se è martedì deve essere il Belgio, regia di Mel Stuart (1969)
Una su 13, regia di Nicholas Gessner e Luciano Lucignani (1969)
Cose di Cosa Nostra, regia di Steno (1970)
Trastevere, regia di Fausto Tozzi (1971)
Io non vedo, tu non parli, lui non sente, regia di Mario Camerini (1971)
L'odore delle belve, regia di Richard Balducci (1972)
Siamo tutti in libertà provvisoria, regia di Manlio Scarpelli (1972)
Grande slalom per una rapina, regia di George Englund (1972)
Le avventure di Pinocchio, regia di Luigi Comencini (in due versioni, cinematografica e televisiva) (1972)
Ettore lo fusto, regia di Enzo G. Castellari (1972)
Piccoli miracoli, film TV, regia di Jeannot Szwarc (1973)
Storia de fratelli e de cortelli, regia di Mario Amendola (1973)
Il delitto Matteotti, regia di Florestano Vancini (1973)
Viaggia, ragazza, viaggia, hai la musica nelle vene, regia di Pasquale Squitieri (1974)
Dracula cerca sangue di vergine... e morì di sete!!!, regia di Paul Morrissey e Antonio Margheriti (1974)
C'eravamo tanto amati, regia di Ettore Scola (1974)
Intorno, cortometraggio, regia di Manuel De Sica (1974)
L'eroe, telefilm, regia di Manuel De Sica (1974)

Nessun commento:

Posta un commento