19 settembre 2015

20 settembre 1934 - Nasce l'attrice Sophia Loren

























Sophia Loren, nome d'arte di Sofia Villani Scicolone (Roma, 20 settembre 1934), è un'attrice e cantante italiana.

Tra le più celebri attrici della storia del cinema, la Loren entra a far parte della settima arte giovanissima e si impone ben presto, agli inizi degli anni cinquanta, come sex symbol grazie al corpo da maggiorata. Da Vittorio De Sica sarà diretta in film come La ciociara, che le valse l'Oscar alla migliore attrice, il primo dato ad un'attrice in un film non in lingua inglese, Ieri, oggi, domani, e Matrimonio all'italiana, per il quale riceverà una seconda nomination all'Oscar.

Durante la sua lunga carriera, ha vinto 2 Oscar, 5 Golden Globe, un Leone d'oro, la Coppa Volpi a Venezia, un Prix d'interprétation féminine a Cannes, un Orso d'oro alla carriera a Berlino, un BAFTA, 9 David di Donatello (di cui quattro riconoscimenti speciali) e 3 Nastri d'argento. Nel 1999, l'American Film Institute (31 premi) ha inserito la Loren al ventunesimo posto tra le più grandi star della storia del cinema, fra le 25 attrici della classifica la Loren è l'unica attrice ancora in vita (2015).

Sofia Villani Scicolone crebbe a Pozzuoli, figlia della napoletana Romilda Villani (1910 - 1991), una modesta insegnante di pianoforte, e di Riccardo Scicolone (1907 - 1976), affarista nel settore immobiliare. La madre aveva vinto nel 1932 un concorso per andare ad Hollywood come sosia di Greta Garbo, ma rimase incinta e rinunciò. Il padre (figlio del marchese agrigentino Scicolone Murillo) riconobbe la paternità della bambina, che chiamò col nome di sua madre, Sofia, di origine veneta; tuttavia, rifiutò sempre di sposare Romilda, che si trovò ben presto in gravi ristrettezze economiche. Perciò la madre portò la piccola Sofia da Roma a Pozzuoli (NA), presso la sua famiglia. Qui Sofia trascorse l'infanzia e i primi anni dell'adolescenza, durante la seconda guerra mondiale, in condizioni economiche precarie.

Il porto e il magazzino di munizioni di Pozzuoli venivano spesso bombardati dalle forze aeree degli Alleati e nel corso di uno di questi bombardamenti, mentre Sofia correva nel rifugio antiaereo, fu colpita da una scheggia di shrapnel, che la ferì al mento. Dopo questo incidente, la famiglia si trasferì a Napoli, dove fu ospitata da lontani parenti.

Le sue interpretazioni

Cuori sul mare, regia di Giorgio Bianchi (1950) - come Sofia Scicolone
Il voto, regia di Mario Bonnard (1950) - come Sofia Scicolone
Tototarzan, regia di Mario Mattoli (1950) - come Sofia Lazzaro
Le sei mogli di Barbablù, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950) - come Sofia Lazzaro
Luci del varietà, regia di Federico Fellini e Alberto Lattuada (1950) - come Sofia Lazzaro
Lebbra bianca, regia di Enzo Trapani (1951) - come Sofia Scicolone
Io sono il Capataz, regia di Giorgio Simonelli (1951) - come Sophia Lazzaro
Milano miliardaria, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951) - come Sofia Lazzaro
Quo vadis?, regia di Mervyn LeRoy (1951) - non accreditata
Il padrone del vapore, regia di Mario Mattoli (1951) - come Sophia Lazzaro
Il mago per forza, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951) - come Sofia Lazzaro
Era lui... sì! sì!, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951) - come Sofia Lazzaro
Anna, regia di Alberto Lattuada (1951) - come Sofia Lazzaro
È arrivato l'accordatore, regia di Duilio Coletti (1952) - come Sofia Lazzaro
Il sogno di Zorro, regia di Mario Soldati (1952) - come Sofia Lazzaro
La favorita, regia di Cesare Barlacchi (1952) - come Sofia Lazzaro
La tratta delle bianche, regia di Luigi Comencini (1952) - come Sofia Lazzaro
Africa sotto i mari, regia di Giovanni Roccardi (1953)
Aida, regia di Clemente Fracassi (1953)
Ci troviamo in galleria, regia di Mauro Bolognini (1953)
La domenica della buona gente, regia di Anton Giulio Majano (1953)
Un giorno in pretura, regia di Steno (1953)
Carosello napoletano, regia di Ettore Giannini (1954)
Il paese dei campanelli, regia di Jean Boyer (1954)
Due notti con Cleopatra, regia di Mario Mattoli (1954)
Tempi nostri - Zibaldone n. 2, regia di Alessandro Blasetti (1954)
Miseria e nobiltà, regia di Mario Mattoli (1954)
Pellegrini d'amore, regia di Andrea Forzano (1954)
Attila, regia di Pietro Francisci (1954)
L'oro di Napoli, regia di Vittorio De Sica (1954)
Peccato che sia una canaglia, regia di Alessandro Blasetti (1954)
La donna del fiume, regia di Mario Soldati (1954)
Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
La bella mugnaia, regia di Mario Camerini (1955)
Pane, amore e..., regia di Dino Risi (1955)
La fortuna di essere donna, regia di Alessandro Blasetti (1955)
Il ragazzo sul delfino (Boy on a Dolphin), regia di Jean Negulesco (1957)
Orgoglio e passione (The Pride and the Passion), regia di Stanley Kramer (1957)
Timbuctù (Legend of the Lost), regia di Henry Hathaway (1957)
Desiderio sotto gli olmi (Desire Under the Elms), regia di Delbert Mann (1958)
La chiave (The Key), regia di Carol Reed (1958)
Orchidea nera (The Black Orchid), regia di Martin Ritt (1958)
Un marito per Cinzia (Houseboat), regia di Melville Shavelson (1958)
Quel tipo di donna (That Kind of Woman), regia di Sidney Lumet (1959)
Il diavolo in calzoncini rosa (Heller in Pink Tights), regia di George Cukor (1960)
Olympia (A Breath of Scandal), regia di Michael Curtiz (1960)
La baia di Napoli (It Started in Naples), regia di Melville Shavelson (1960)
La miliardaria (The Millionairess), regia di Anthony Asquith (1960)
La ciociara, regia di Vittorio De Sica (1960)
El Cid, regia di Anthony Mann (1961)
Madame Sans-Gêne, regia di Christian-Jaque (1961)
Boccaccio '70, episodio La riffa, regia di Vittorio De Sica (1962)
Il coltello nella piaga (Le couteau dans la plaie), regia di Anatole Litvak (1962)
I sequestrati di Altona, regia di Vittorio De Sica (1962)
Ieri, oggi, domani, regia di Vittorio De Sica (1963)
Matrimonio all'italiana, regia di Vittorio De Sica (1964)
La caduta dell'impero romano (The Fall of the Roman Empire), regia di Anthony Mann (1964)
Operazione Crossbow (Operation Crossbow), regia di Michael Anderson (1965)
Lady L, regia di Peter Ustinov (1965)
Judith, regia di Daniel Mann (1966)
Arabesque, regia di Stanley Donen (1966)
La contessa di Hong Kong (A Countess from Hong Kong), regia di Charlie Chaplin (1967)
C'era una volta..., regia di Francesco Rosi (1967)
Questi fantasmi, regia di Renato Castellani (1967)
I girasoli, regia di Vittorio De Sica (1970)
La moglie del prete, regia di Dino Risi (1970)
La mortadella, regia di Mario Monicelli (1971)
Bianco, rosso e..., regia di Alberto Lattuada (1972)
L'uomo della Mancha (Man of La Mancha), regia di Arthur Hiller (1972)
Il viaggio, regia di Vittorio De Sica (1974)
L'accusa è: violenza carnale e omicidio (Verdict), regia di André Cayatte (1974)
La pupa del gangster, regia di Giorgio Capitani (1975)
Cassandra Crossing (The Cassandra Crossing), regia di George Pan Cosmatos (1976)
Una giornata particolare, regia di Ettore Scola (1977)
Angela, regia di Boris Sagal (1978)
Fatto di sangue fra due uomini per causa di una vedova. Si sospettano moventi politici, regia di Lina Wertmüller (1978)
Obiettivo Brass (Brass target), regia di John Hough (1978)
Bocca da fuoco (Firepower), regia di Michael Winner (1979)
Qualcosa di biondo, regia di Maurizio Ponzi (1984)
Prêt-à-Porter, regia di Robert Altman (1994)
That's Amore - Due improbabili seduttori (Grumpier Old Men), regia di Howard Deutch (1995)
Soleil, regia di Roger Hanin (1997)
Cuori estranei (Between Strangers), regia di Edoardo Ponti (2002)
Peperoni ripieni e pesci in faccia, regia di Lina Wertmüller (2004)
Nine, regia di Rob Marshall (2009)
Voce umana (mediometraggio), regia di Edoardo Ponti (2013)

Nessun commento:

Posta un commento