24 febbraio 2011

25 febbraio 1922 - Viene giustiziato in Francia Landrù,alias barbablu

























Per venire incontro alle necessità familiari, Henri Landru a partire del 1915 si fece passare per un vedovo, solo ed agiato, alla ricerca di donne sole e ricche da sedurre. Simulando una prosperità che non era altro che una facciata, faceva loro intravedere un probabile matrimonio ed infine le invitava a soggiornare brevemente in una villa isolata, da lui affittata, a Gambais (Seine-et-Oise, l'attuale dipartimento di Yvelines).
Grazie alla sua eloquenza, riusciva a far firmare alle sue vittime una procura che gli permetteva di far man bassa dei loro conti bancari. Non gli restava che strangolare queste donne, e farne sparire i corpi bruciandoli nel forno della villa. Benché fosse abbastanza isolata, la casa era sufficientemente vicina alle altre abitazioni da attirare più volte l'attenzione del suo vicinato, incuriosito dall'odore pestilenziale del camino in periodi in cui il riscaldamento non era necessario. Tuttavia essendo un tipo assai discreto nel compiere i suoi crimini riuscì a restare nell'ombra.
In seguito alle denunce sporte da parte dei parenti delle vittime, Landru fu arrestato il 12 aprile 1919 in seguito a quello che appariva truffa ed appropriazione indebita. Davanti agli indizi concordanti ben presto fu accusato dell'assassinio di dieci donne e di un ragazzino che accompagnava una delle vittime.
La richiesta di grazia inviata a Alexandre Millerand, presidente della repubblica francese, fu rifiutata il 24 febbraio 1922. L'esecuzione pubblica della sentenza avvenne alle ore 6.05 del 25 febbraio 1922, nel cortile della prigione di St. Pierre a Versailles, in cui era stato preparato il patibolo e la ghigliottina.

La versione di Totò su Barbablu

Nessun commento:

Posta un commento